Con il trattato Macron-Draghi, l’Unione Europea inizia a dissolversi

Il Trattato del Quirinale, concluso da Francia e Italia, così come il progetto di governo del prossimo cancelliere tedesco, Olaf Schotz, sono incompatibili con la storia dell’Unione europea. Parigi e Berlino hanno appena compiuto passi concreti che non possono che portare all’inevitabile dissoluzione dell’Unione Europea.

Alla fine della seconda guerra mondiale, Winston Churchill ideò un sistema per garantire che l’Europa occidentale non cadesse nelle mani dell’Unione Sovietica e che ne mantenesse il controllo. L’idea era quella di creare un mercato comune europeo con i paesi in rovina che hanno accettato il Piano Marshall  [ 1 ] .

Gli Stati Uniti e il Regno Unito stavano andando avanti insieme. In pochi anni hanno gettato le basi del nostro mondo: la Nato è un’alleanza militare dominata da loro, mentre quella che è diventata l’Unione Europea è l’organizzazione civile per i loro alleati. Certo, i membri di un’istituzione non sono necessariamente membri dell’altra, ma resta il fatto che, con sede a Bruxelles, entrambi sono due facce della stessa medaglia. I servizi congiunti delle due strutture hanno sede discretamente in Lussemburgo.

Dopo la crisi tra Washington e Londra durante la spedizione di Suez, il Regno Unito, che stava perdendo il suo impero, decise di aderire a quella che non era ancora l’Unione Europea. Se Harold Macmillan fallì nel 1958, Edward Heath ci riuscì nel 1973. Ma quando l’equilibrio di potere si spostò, il Regno Unito lasciò l’UE alla fine del 2020, tornando al suo ex impero (“Gran Bretagna globale”).

Tutti i documenti dell’UE sono tradotti in ciascuna lingua ufficiale dei paesi membri. Inoltre l’inglese, che è diventata la lingua ufficiale dell’UE, anche se non è più la lingua ufficiale di nessuno dei suoi membri. Questo non perché gli inglesi ne facessero parte, ma perché l’Unione è sotto il controllo della Nato, come recita l’articolo 42, paragrafo 7, del Trattato di Lisbona (che ha sostituito con la forza il Trattato costituzionale respinto dal popolo)  [ 2 ] .

La Germania, che è stata occupata dai quattro vincitori della seconda guerra mondiale fino al 1990, cioè dopo la riunificazione, si è sempre accontentata di non essere più una potenza militare. Ancora oggi, i suoi servizi segreti, riorganizzati dagli Stati Uniti con il loro ex personale nazista, sono ancora interamente dedicati a loro, mentre il Pentagono ha basi militari molto grandi con una finzione di extraterritorialità.

La Francia, invece, sogna l’indipendenza militare. Ecco perché Charles De Gaulle, che era stato il leader della Francia Libera durante la seconda guerra mondiale, la fece lasciare nel 1966 al comando integrato della NATO. Ma Nicolas Sarkozy, cresciuto adolescente dal figlio del creatore statunitense della rete Stay-behind della NATO (“Gladio”), l’ha ripristinata nel 2009. Oggi, quindi, le operazioni esterne dell’esercito francese sono, in pratica, comandate da ufficiali statunitensi.

Per anni, Germania e Francia hanno preso il comando di quella che è diventata l’Unione Europea. François Mitterrand e Helmut Kohl immaginarono di trasformare il mercato comune in uno Stato sovranazionale – ancora vassallo degli Stati Uniti – in grado di competere con l’URSS e la Cina: l’Unione Europea. Questa struttura, alla quale gli Stati Uniti chiedevano che gli ex membri del Patto di Varsavia si unissero contemporaneamente alla loro adesione alla NATO, divenne una colossale burocrazia. Nonostante le apparenze, il Consiglio dei capi di Stato e di governo non è un supergoverno, ma una camera di registrazione delle decisioni della Nato. Queste decisioni vengono redatte dall’Alleanza Atlantica – sempre dominata da Stati Uniti e Regno Unito -, poi trasmesse alla Commissione Europea, sottoposte al Parlamento e infine ratificate dal Consiglio.

È importante capire che la vocazione della Nato è quella di interferire in tutto: dalla composizione del cioccolato (c’è una tavoletta di cioccolato nella razione di un soldato) alla costruzione di ponti (devono essere utilizzabili dai mezzi blindati), senza dimenticare l’anti- Vaccini Covid (la salute dei civili dipende da quella dei militari) o bonifici bancari (le transazioni dei nemici vanno monitorate).

Gli eserciti britannico e francese erano gli unici due con un peso nell’Unione europea. Si sono quindi uniti ai trattati di Lancaster House nel 2010. Ma quando si è verificata la Brexit, l’esercito francese era ancora solo, come dimostra la risoluzione dei contratti sottomarini franco-australiani a favore di Londra. L’unica opzione rimasta alla Francia era quella di avvicinarsi all’esercito italiano, che era la metà di quello francese. È quanto appena deciso con il Trattato del Quirinale (2021). Questa operazione è stata facilitata dall’ideologia comune di Emmanuel Macron (ex banchiere di Rothschild) e Mario Draghi (ex banchiere di Goldman Sachs) e dalla loro leadership comune sulla risposta politica all’epidemia di Covid. Di passaggio, si dovrebbe notare l’implausibile gergo politicamente corretto in cui è scritto questo documento, [ 3 ] .

Succede che, allo stesso tempo, la cancelliera Angela Merkel stia lasciando il posto a Olaf Scholtz. Non ha interesse per le questioni militari o per i deficit di bilancio francese e italiano. L’accordo di coalizione del suo governo  [ 4 ] allinea la politica estera tedesca sotto ogni aspetto a quella degli anglosassoni (USA + UK).

Fino ad allora, i governi di Angela Merkel hanno combattuto contro l’antisemitismo. Il governo Scholz va oltre, impegnandosi a sostenere “tutte le iniziative che promuovono la vita ebraica e ne promuovono la diversità”. Non si tratta più di tutelare una minoranza, ma di promuoverla.

Per quanto riguarda Israele, che Regno Unito e Stati Uniti hanno creato in una logica imperiale  [ 5 ] , il nuovo accordo afferma anche che “la sicurezza di Israele è un interesse nazionale” della Germania, e promette di bloccare “i tentativi antisemiti di condannare Israele, anche in sede ONU”. “. Ha dichiarato che la Germania continuerà a sostenere la soluzione dei due Stati al conflitto israelo-palestinese (ovvero opporsi al principio “un uomo, un voto”) e ha accolto con favore la normalizzazione delle relazioni tra Israele ei paesi arabi. In tal modo, il governo Scholz sta seppellendo la politica tradizionale dell’SPD, il cui ministro degli esteri, Sigmar Gabriel (2013-18), ha descritto il regime israeliano come “apartheid”.

Olaf Schotz è un avvocato preoccupato di far funzionare l’industria del suo paese sulla base di un compromesso tra lavoratori e datori di lavoro. Non è mai stato troppo attivo sulle questioni internazionali. Ha nominato ministro degli Esteri l’avvocato verde Annalena Baerbock. Non è solo una sostenitrice dell’energia a basse emissioni di carbonio, ma anche un agente di influenza per la NATO. È una forte sostenitrice dell’adesione dell’Ucraina alla NATO e all’Unione Europea. Si oppone alla Russia e quindi rifiuta il gasdotto Nord Stream 2 e incoraggia il progetto di terminali del gas per importare gas dagli Stati Uniti tramite navi cisterna per gas naturale liquefatto nonostante il prezzo esorbitante di questi impianti. Infine, definisce la Cina un “rivale sistemico” e sostiene tutti i suoi separatismi, taiwanese, tibetano e uiguro.

È prevedibile che le politiche di Berlino e Parigi si allontanino lentamente fino a quando non riemergerà il conflitto tra i due paesi, che causò tre guerre dal 1870 al 1945. Contrariamente alla pubblicità, come ho detto sopra, l’Unione Europea non è stata creata per assicurare la pace nell’Europa occidentale, ma per stabilizzare le popolazioni del campo anglosassone durante la Guerra Fredda. Il conflitto franco-tedesco non fu mai risolto. L’Unione Europea, lungi dal fare la pace, ha coperto il problema piuttosto che risolverlo. Durante le guerre jugoslave, i due paesi hanno combattuto duramente militarmente: la Germania ha sostenuto la Croazia, mentre la Francia ha sostenuto la Serbia. Berlino e Parigi andavano d’accordo all’interno dei confini dell’Unione, ma erano in guerra tra loro al di fuori. Gli specialisti delle operazioni speciali sanno che ci sono stati morti da entrambe le parti.

Le politiche estere che funzionano sono quelle che riflettono l’identità della loro nazione. Oggi Regno Unito e Germania vanno avanti, orgogliosi di chi sono, non la Francia, che sta attraversando una crisi di identità. Emmanuel Macron ha detto all’inizio del suo mandato che “non c’è cultura francese”. Da allora ha cambiato musica, sotto la pressione della sua gente; il suo discorso, ma non il suo pensiero. La Francia ha i mezzi, ma non sa più chi è. Sta perseguendo la chimera di un’Unione Europea indipendente in competizione con gli Stati Uniti, mentre gli altri 26 membri non lo vogliono. La Germania, tuttavia, sta commettendo un errore riparandosi sotto l’ombrello nucleare degli Stati Uniti quando quella grande potenza ha cominciato a decadere.

È chiaro che siamo appena entrati nella fase di dissoluzione dell’Unione europea. Questa è una possibilità per tutti di riconquistare la propria piena indipendenza, tanto è sclerotica questa struttura. Ma è anche e soprattutto una sfida che può trasformarsi rapidamente in un dramma. Gli Stati Uniti stanno crollando su se stessi e presto l’Unione Europea non avrà più padroni. I suoi membri dovranno posizionarsi in relazione gli uni agli altri. È estremamente urgente che cominciamo a capirci l’un l’altro non solo come partner commerciali, ma come partner in tutte le cose. Non farlo porterà inevitabilmente alla catastrofe, alla guerra totale.

Tutti hanno visto che tutti i membri dell’Unione europea – tranne gli inglesi, che se ne sono andati – condividono elementi culturali comuni. Questi elementi sono anche quelli della Russia, che è più vicina all’Unione del Regno Unito. È ora possibile ricostruire l’Europa come rete di Stati e non più come burocrazia centralizzata, aprendosi a quelli che erano stati artificialmente separati dagli anglosassoni per assicurarsi il dominio del continente durante la Guerra Fredda. Di questo parlava Charles De Gaulle quando, in opposizione a Winston Churchill, disse di volere “l’Europa da Brest a Vladivostok”.

FONTE


1 ]  “ La storia segreta dell’Unione europea ”, di Thierry Meyssan, Traduzione Anoosha Boralessa, Rete Voltaire , 28 giugno 2004.[ 2 ]  Articolo 42, paragrafo 7: «Se uno Stato membro è vittima di un’aggressione armata sul suo territorio, gli altri Stati membri hanno nei suoi confronti l’obbligo di prestare aiuto e assistenza con tutti i mezzi in loro potere, a norma dell’articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite. Ciò non pregiudica il carattere specifico della politica di sicurezza e di difesa di taluni Stati membri.
Gli impegni e la cooperazione in questo settore devono essere coerenti con gli impegni assunti nell’ambito dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico, che, per gli Stati che ne fanno parte, rimane il fondamento della loro difesa collettiva e il foro per la sua attuazione».[ 3 ]  « Traité du Quirinal », Réseau Voltaire , 26 novembre 2021.[ 4 ]  Mehr Fortschritt Wagen. Bündnis für Freiheit, Gerechtigkeit und Nachhaltigkeit , Sozialdemokratischen Partei Deutschlands (SPD), Bündnis 90 / Die Grünen und den Freien Demokraten (FDP), 2021.[ 5 ]  “ Chi è il nemico? ”, di Thierry Meyssan, Traduzione Roger Lagassé, Rete Voltaire , 4 agosto 2014.

THEMILANER

foglio informativo indipendente dell'associazione MilanoMetropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.