Crisi di governo: ma è una cosa seria?

Perché si parla di crisi di governo? - Il Post
Giuseppe Conte

I denari del recovery fond sono tanti, circa 200 miliardi, e come saranno distribuiti interessa a molti partiti, oltre a questo interesse diciamo “primario” dei gruppi politici (che ovviamente avrà un ritorno in termini di voti e non solo), esiste un interesse degli italiani che si aspettano investimenti nei settori chiave per la ripresa economica.

Detto questo, occorre dire che le richieste di Renzi a Conte e al governo in generale, sono assolutamente sensate e meritano di essere accolte e presentate al Parlamento per l’approvazione.

L’aspetto della questione che mi fa pensare che questa crisi di governo non sia per nulla una cosa seria, è l’indisponibilità dei deputati e dei senatori al voto. Nessuno di loro vuole andare alle elezioni, sanno perfettamente che non sarebbero più rieletti e sanno anche che occorrerà ridefinire prima di tutto i collegi elettorali in base alla legge sulla riduzione dei parlamentari.

Con questi presupposti vedrete che i nostri “indefessi” parlamentari troveranno un accordo e che la legislatura andrà avanti, in qualche modo, ma andrà avanti.

Come farebbero altrimenti ad imporci un altro lock down e poi la vaccinazione obbligatoria in modo da tenerci buoni per un po’ di tempo, per consentire loro di realizzare i loro progetti? Il resto dipenderà da noi, da quanto saremo disposti a subire le loro imposizioni.

Mvg

THEMILANER

foglio informativo indipendente dell'associazione MilanoMetropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.