Il Cremlino si prepara per una presidenza Biden

Vladimir Putin and Joe Biden

Guardano gli USA dall’altra parte del mondo

Quattro anni fa, dozzine di deputati nel parlamento russo hanno accolto con un applauso la notizia della vittoria a sorpresa di Donald Trump su Hillary Clinton. Alcuni misero insieme una bottiglia di champagne. Il capo di RT, la rete televisiva finanziata dallo stato, ha detto che era così felice che aveva voglia di guidare per Mosca con una bandiera americana nel finestrino della sua macchina. La classe politica russa si è sentita soddisfatta del risultato e fiduciosa che il nuovo presidente americano si sarebbe dimostrato conciliante, se non addirittura vantaggioso, per gli interessi della Russia.

Questo ciclo elettorale è una storia diversa: dieci giorni dopo le elezioni e sei giorni da quando Joe Biden è stato dichiarato presidente eletto, lo stato russo continua a essere muto nella sua risposta. Vladimir Putin deve ancora inviare a Biden le solite congratulazioni proforma. “Riteniamo che sarebbe opportuno attendere un annuncio ufficiale”, ha detto il portavoce di Putin, riferendosi alle varie sfide legali della campagna di Trump presentate ai tribunali statunitensi. Pochi politici stanno facendo il giro per gongolare alla televisione di stato su come le cose stanno cambiando la direzione della Russia. Lo stato d’animo sommesso a Mosca è in parte una funzione della delusione e della stanchezza accumulate con Trump e tutto ciò che la sua presidenza non è riuscita a fornire, così come una certezza crescente che, per quanto i cattivi rapporti siano ora, è improbabile che migliorino molto con Biden. in carica.

La storia del fallimento dell’élite politica russa con Trump è relativamente semplice. “La speranza veniva dal fatto che Trump non era un prodotto della società politica tradizionale americana, come potreste chiamarla – era volitivo, idiosincratico, un noveau ricco in senso politico”, Andrei Klimov, il vicepresidente del ha detto la commissione per gli affari esteri nel Consiglio della Federazione, la camera alta del parlamento russo. “Ha sconfitto questa società e, così facendo, molte delle sue idee sulla saggezza dell’intervento, un mondo unipolare e così via.” Trump ha rappresentato uno stile di politica transazionale, con poca enfasi su cose come istituzioni o alleanze multilaterali, per non parlare dei valori e dei diritti umani. Cosa non doveva piacere al Cremlino?

La prospettiva di Trump come presidente americano è stata una gradita svolta di fortuna, lasciando Putin e coloro che lo circondano con la sensazione di “vincere il jackpot in un casinò”, come ha detto Tatiana Stanovaya, a capo della società di analisi R. . “Non era esattamente chiaro cosa ne sarebbe venuto fuori, ma c’era comunque una sensazione di possibilità: dobbiamo cercare di sfruttare questa opportunità.”

Trump ha agito, come previsto, come una forza distruttiva, danneggiando l’influenza e la credibilità americana – un netto positivo per il Cremlino – ma si è dimostrato assolutamente incapace di mantenere qualsiasi cosa sul lato positivo del libro mastro. Non c’era un grande affare – come molti politici russi si sono lasciati brevemente immaginare – in cui le relazioni sarebbero migliorate, la Russia sarebbe stata tolta dalla cuccia e le sanzioni statunitensi legate all’Ucraina sarebbero state revocate. Semmai, le persistenti domande sull’interferenza russa nel 2016 e il rifiuto di Trump di affrontarle hanno significato che il presidente è finito politicamente, costretto ad accettare sanzioni sempre più ampie contro la Russia approvate dal Congresso.

Con il passare degli anni, la scarsa capacità di attenzione di Trump e l’imprevedibile zigzagare hanno reso impossibile un approccio strategico alle relazioni Russia-USA. E, quando ha agito, il suo approccio mercantile alla geopolitica lo ha portato a favorire politiche contrarie agli interessi della Russia, come nel caso del gasdotto Nord Stream 2, che avrebbe dovuto portare cinquantacinque miliardi di metri cubi di gas russo. ogni anno in Germania e oltre in tutta Europa. Trump, come i precedenti presidenti degli Stati Uniti, ha spinto la Germania e altri stati dell’UE a cancellare il progetto energetico; ha scommesso che l’Europa non avrebbe avuto altra scelta che importare gas naturale liquefatto americano. “Non è rimasta una sola persona nell’élite russa che pensi che possiamo ottenere qualcosa di concreto con Trump come presidente”, mi ha detto Stanovaya.

Da qui l’entusiasmo smorzato per Trump questa volta. Inoltre, il Cremlino stava guardando gli stessi sondaggi di tutti gli altri: le possibilità di Trump non sembravano così buone. Funzionari e consiglieri politici iniziarono a prepararsi per una vittoria di Biden. Allo stesso tempo, gli effetti combinati della pandemia di coronavirus, un calo dei prezzi globali del petrolio, un’economia russa in sofferenza e un calo dell’appetito tra la popolazione per l’avventurismo in politica estera: il cosiddetto consenso della Crimea, che ha dato una spinta alla popolarità di Putin dopo l’annessione del 2014, aveva perso da tempo il suo fascino —Dotto a “una certa cautela, una mancanza di voglia di correre rischi, la sensazione che sia meglio non provocare”, come ha spiegato Andrey Kortunov, direttore del Russian International Affairs Council. Il fatto che la Russia sia finita nello spiacevole centro della politica interna statunitense dopo le ultime elezioni potrebbe essere stato un fattore. “Possiamo solo indovinare”, disse Kortunov, “ma possiamo immaginare una certa raccomandazione dall’alto per non creare più pretesti per essere accusati di interferenza. «Non ci sistemiamo.

E così, forse, l’idea di una presidenza Biden ha finito per sembrare non l’opzione peggiore per il Cremlino – o, almeno, non ha prodotto nulla di simile al terrore frenetico con cui molti a Mosca aspettavano una vittoria di Clinton nel 2016. Biden rappresenta un ritorno a uno status quo ante familiare: le relazioni saranno cattive e in gran parte improduttive, ma avranno un’aura di rassicurante familiarità. La sistematizzazione e il rito delle relazioni bilaterali, anche se hanno un tono negativo, è preferibile a molti professionisti della politica estera russa, e, come per il siloviki, gli intransigenti dei servizi di sicurezza, un rapporto più conflittuale con gli Stati Uniti non è una cosa del tutto negativa, in quanto fornisce loro un potenziale argomento per una maggiore autonomia e influenza con Putin. In ogni caso, la scommessa su Trump e sulla politica della personalità ha rivelato i suoi limiti. “Le relazioni con Trump erano personali, basate sulla chimica e sulle emozioni”, ha detto Stanovaya. “Mentre con Biden non si instaura così tanto un rapporto con una persona ma, piuttosto, con un intero sistema.”

Nel corso della sua carriera al Senato e come vicepresidente, Biden si è posizionato come un portabandiera della scuola di politica estera di centro-sinistra che vede l’America come vocale, energica e presente: una superpotenza con responsabilità di superpoteri. Nel 2018, Biden è coautore di un articolo per gli Affari esteri che espone una dura politica russa, sostenendo che gli Stati Uniti non dovrebbero cedere alla “sfera di influenza” russa nello spazio post-sovietico ed essere pronti a emanare sanzioni più muscolose. I paesi occidentali, afferma l’articolo, “devono accettare di imporre costi significativi alla Russia quando scoprono le prove dei suoi misfatti”. Durante la campagna, Biden ha parlato di ripristinare il ruolo di leadership degli Stati Uniti nella natoe restituire un’enfasi sui valori democratici alla politica estera americana. Molti dei suoi consiglieri hanno prestato servizio al governo durante l’amministrazione Obama e sono rimasti con un amaro gusto per la Russia a causa del comportamento di Putin sotto la loro sorveglianza, dall’annessione della Crimea all’interferenza nelle elezioni del 2016. “Non è solo razionale; è anche molto emozionante “, ha detto al Financial Times un diplomatico occidentale di alto rango a Washington , del disgusto del campo di Biden per la Russia.

Niente di tutto questo è perduto per coloro che seguono a Mosca. “Non posso dire che le persone che hanno vinto siano nostri amici”, ha detto Klimov, il senatore russo. “Ma sono entità conosciute. Capiamo chi sono e cosa faranno “. Più sanzioni contro la Russia sono probabili sotto Biden. Nel frattempo, gli Stati Uniti prenderanno sicuramente una posizione più attiva in Ucraina e Siria, due punti caldi da cui si sono effettivamente ritirati sotto Trump e dove la Russia considera la propria influenza fondamentale. Una sorta di stallo sulla Bielorussia, dove le proteste continuano, a seguito della contestata rielezione, in agosto, del suo dittatore di lunga data, Alexander Lukashenka, è probabile, persino inevitabile. La Russia ha appoggiato Lukashenka, non tanto per mantenerlo al potere, ma per assicurarsi che, se esce, avvenga alle condizioni della Russia. Trump ha sostanzialmente ignorato la questione, mentre Biden ha detto che sosterrà l’avversario di Lukashenka. Quasi l’unica causa di ottimismo a Mosca è il controllo degli armamenti: il nuovo trattato start , che limita l’arsenale nucleare di ogni paese, scadrà a febbraio e Biden ha detto che darà la priorità alla sua estensione, il che potrebbe produrre un dialogo produttivo con la Russia nei primi giorni della sua amministrazione, per quanto ristretta.

A questo punto, Putin, ora in attesa del quinto presidente americano del suo governo più che ventennale, sembra essersi radicato nel suo sospetto e cinismo, sicuro che non ha senso aspettarsi qualcosa di molto positivo da un nuovo leader statunitense. “È arrivato a credere che non si possa raggiungere un serio accordo con gli Stati Uniti su gran parte di qualsiasi cosa”, Fyodor Lukyanov, redattore capo della Russia in Affari globali e una figura ben collegata nei circoli di politica estera di Mosca , disse. “Qualunque cosa abbia cercato di proporre, sia sulla sicurezza informatica che sulla difesa missilistica, è stato accolto con una reazione di ‘Sì, dai, che gruppo di sciocchezze’, da parte americana.”

C’è poca riflessione da parte di Putin o di chiunque altro a Mosca su ciò che la Russia ha fatto per mandare i rapporti con gli Stati Uniti nel cassonetto. (Non che ci sia molta più ricerca interiore a Washington sulla questione, va detto.) Invece, al Cremlino è stato accettato che lo stato di cose predefinito, anche naturale, è che qualsiasi amministrazione statunitense cercherà di affrontare la Russia e contrastare i suoi interessi. Biden sembra il presidente comprensibile in questo paradigma. Si ha la sensazione che una sorta di escalation sia del tutto garantita, mi ha detto Lukyanov, ma l’umore ufficiale, sebbene teso, è comunque rassegnato. “Quindi gli Stati Uniti vogliono indebolirci? Bene, allora, OK, ci siamo abituati. “

Ulteriori informazioni sulle elezioni del 2020

  • William Barr è l’unico funzionario dell’Amministrazione con il potere di fermare Donald Trump e il suo tentativo di colpo di stato .
  • Trump è sopravvissuto all’impeachment, a ventisei accuse di cattiva condotta sessuale e a migliaia di cause legali. La sua fortuna potrebbe finire ora che Joe Biden è stato eletto il prossimo presidente.
  • Con le controversie che difficilmente cambieranno l’esito delle elezioni, i repubblicani stanno cercando strategie che potrebbero rimanere anche dopo i respingimenti sia alle urne che in tribunale.
  • Dobbiamo parlare di quello che è successo sotto la presidenza Trump e di come possiamo impedire che accada di nuovo .
  • Se il 2020 ha dimostrato qualcosa, è la necessità di riequilibrare l’economia a vantaggio della classe lavoratrice – e ci sono molti modi in cui un’amministrazione Biden può iniziare .
  • Iscriviti alla nostra newsletter quotidiana per approfondimenti e analisi dei nostri giornalisti e editorialisti.
Joshua Yaffa.
Joshua Yaffa è un corrispondente da Mosca per 
il New Yorker 

THEMILANER

foglio informativo dell'associazione Milano Metropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.