Tre scenari per uscire dalla crisi economica

Sempre più scontenti dell'Ue: un italiano su due vuole uscirne ...

Wolfang Munchau, opinionista dell’autorevole quotidiano britannico Financial Times, scrive sulla situazione italiana, individua il nostro problema principale nell’elevato rapporto debito/Pil e ipotizza tre scenari possibile per lasciarsi la crisi alle spalle.

Dopo la riunione del 23 aprile che vedrà i leader europei impegnarsi per un fondo per la ristrutturazione, l’Italia proverà a ripartire, ma non sarà facile farlo.

Munchau vede allora tre possibili sbocchi.

Prima opzione: l’Outright Monetary Transactions (Omt) ossia il piano, mai lanciato ed evocato da Mario Draghi, di acquisto diretto da parte della Bce di titoli di Stato emessi dai Paesi in crisi, a patto che il Paese avvii un programma di risanamento, cioè a patto che l’Italia adotti il Mes. Tuttavia, aggiunge Munchau, “non sembra esserci una maggioranza nel Parlamento italiano per il sostegno del MES. Né è chiaro se la Bce accetterà di attivare l’Omt”.

Seconda opzione: ricorrere al default, o chiedere la ristrutturazione del debito. ​”Ciò – spiega Munchau – potrebbe essere compatibile con l’adesione all’area dell’euro, ma richiederebbe il coinvolgimento della Bce, altrimenti il ​​debito italiano perderebbe il suo status”. Tra gli effetti collaterali di questa opzione c’è la questione banche. “Poichè detengono gran parte del debito sovrano italiano – spiega Munchau – il default potrebbe portare a fallimenti bancari”. In questo caso: L’Italia potrebbe tagliare i suoi bond nazionalizzando i depositi. In tal modo “gli investitori verrebbero spazzati via per salvare i risparmiatori”.

Terza opzione: l’uscita dall’euro. “Non è un evento probabile”, nota Munchau, ma neanche impossibile e, conclude l’euroscetticismo “non scomparirà” con la fine dei lockdown. 

Manuela Valletti

Fonte

THEMILANER

foglio informativo dell'associazione Milano Metropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.