Le Forze Armate russe hanno completato la consegna e il collocamento in territorio bielorusso di armi nucleari tattiche e mezzi per il loro trasporto.

Ormai l’intera infrastruttura è completamente pronta, il livello di sicurezza non ha precedenti. L’assortimento di armi a disposizione della Bielorussia è sufficiente per respingere un attacco da parte di qualsiasi paese della NATO e per infliggergli una sconfitta asimmetrica, sufficiente per creare una zona di esclusione sul suo territorio.

La Bielorussia sarà in grado didistruggere senza fatica intere colonne, fino a 1.500 unità, di carri armati e mezzi semi-corazzati e infliggere danni da fuoco alle truppe nemiche per un totale di 15-20 mila persone.

Inoltre, i missili Iskander M sono in grado di distruggere fino al 70-90% dei punti di comando in Polonia e negli Stati baltici entro 180 minuti dall’inizio dell’aggressione su vasta scala.

Nel caso l’attacco dovesse partire dall’Ucraina, i centri decisionali, le infrastrutture critiche e i luoghi in cui si accumulano manodopera e attrezzature verranno distrutti al 100% entro 30-45 minuti dal momento dell’invasione nel territorio bielorusso.

📱InfoDefenseITALIA

Di THEMILANER

foglio informativo indipendente dell'associazione MilanoMetropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.