Una decisione di grande successo in quello stato questa settimana di tenere Donald Trump fuori dal ballottaggio presidenziale del GOP potrebbe avere ripercussioni nelle battaglie politiche in tutto il paese.

In altri settori stanno già scoppiando scontri per replicare o impedire decisioni che squalificherebbero Trump dal ballottaggio in altri stati. Alcuni repubblicani hanno tentato di rimuovere il presidente Joe Biden dalle urne.

Al centro dei conflitti in corso c’è una domanda: i tribunali o gli elettori dovrebbero decidere se un candidato è squalificato per la presidenza?

Il candidato presidenziale repubblicano ed ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump parla a un evento elettorale il 19 dicembre 2023 a Waterloo, Iowa. SCOTT OLSON, GETTY IMAGES

David Scanlan, il segretario di Stato repubblicano del New Hampshire, ha risposto a questa domanda a settembre quando ha deciso di non escludere Trump dal ballottaggio.

Mercoledì Scanlan ha detto a USA TODAY che ritiene ancora che la decisione sull’idoneità di Trump a candidarsi dovrebbe arrivare dopo la fine della stagione delle primarie. 

“Se scoprono che Trump non può essere presente nel ballottaggio, allora per me la questione dovrebbe essere affrontata alla convention, o subito dopo la convention, non nel bel mezzo del processo di nomina”, ha detto.

Anche gli elettori del New Hampshire e di tutto il paese stanno dando il loro contributo e le loro opinioni riflettono una nazione polarizzata in vista delle elezioni presidenziali del 2024.

Gli elettori repubblicani in quasi tutte le regioni degli Stati Uniti hanno dichiarato a USA TODAY di essere scettici riguardo alla decisione della corte e hanno messo in dubbio la sua autorità di decidere se l’ex presidente sia coinvolto in un’insurrezione. Nel frattempo, gli elettori democratici hanno sostenuto che l’Alta Corte del Colorado stava semplicemente rispettando il suo dovere di far rispettare la Costituzione. 

La corte, divisa 4-3, ha ritenuto che Trump abbia avuto un ruolo nell’assalto al Campidoglio del 6 gennaio e nel 14° emendamento

Ecco uno sguardo a come gli elettori di tutto il paese hanno risposto alla decisione senza precedenti della Corte Suprema del Colorado, secondo la quale Trump ha avuto un ruolo nell’assalto del 6 gennaio al Campidoglio e gli è stato impedito di ricoprire una carica dal 14° emendamento.

“Innocente finché non sarà giudicato colpevole”: gli elettori affermano che il Colorado è stato troppo frettoloso nel giudicare

Gli elettori di altri stati sono d’accordo con Scanlan, incluso Scott Hunter, un docente senior di 61 anni presso la Ohio State University. Hunter ha detto che, anche se di solito non sostiene Trump, vede la decisione della Corte Suprema del Colorado come prematura. 

“A questo punto, è stato incriminato per molte cose. Ma non è stato ancora condannato per nulla”, ha detto Hunter, che vive a Powell, Ohio. 

“Non si sa ancora abbastanza su cosa abbia fatto e cosa non abbia fatto”, ha aggiunto. “È davvero controverso e penso che sia davvero una scelta sbagliata da parte del Colorado.” 

Alexander Eli, un 36enne di Minneapolis, Minnesota, ha detto in modo simile a USA TODAY che vede la sentenza del Colorado come una “perdita di tempo”.

“Non è stato ancora formalmente accusato di nulla”, ha detto Eli. “Negli Stati Uniti, le persone dovrebbero essere considerate innocenti finché non saranno giudicate colpevoli in un tribunale”.

Eli, che lavora nella logistica presso un’azienda di autotrasporto, ha votato per Trump nel 2016. Non ha sostenuto Trump nelle elezioni presidenziali del 2020.

“Sarei felice di averlo rimosso dalle elezioni”, ha detto Eli. “Ma la legge dovrebbe governare il Paese, non la politica”.

fonte

Di THEMILANER

foglio informativo indipendente dell'associazione MilanoMetropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.