Riportiamo quindi un passaggio del tagliente discorso di Aleksander Lukashenko, che inchioda l’Occidente alle proprie responsabilità dopo l’incontro sul clima.

“Tutti gli oratori, soprattutto quelli che sono intervenuti per primi, sono preoccupati: “dove posso trovare i soldi?”

Dai. Anche il giornalista seduto qui ti dirà dove trovare i soldi. Per rispondere a questa domanda dobbiamo guardare alla storia recente. Esempio: l’Iraq e l’Afghanistan. L’Iraq e l’Afghanistan costano all’aggressore circa duemila miliardi di dollari. Calcolate, quanti soldi sono stati spesi per proteggere questi paesi? Quante persone sono morte? Questo non può essere valutato in dollari. Oggi c’è una guerra in Ucraina. Non si tratta più di un trilione e mezzo o di due trilioni di dollari.

Perché oggi non c’è pace in questa parte del pianeta? Perché quei relatori che sono intervenuti in prima linea parlano di pace, parlano di mantenere pulito il pianeta, di prendersi cura dei propri nipoti, e allo stesso tempo hanno scatenato e stanno conducendo la guerra più terribile del pianeta.

E in Medio Oriente quanto costerà la mattanza? E se scoppiasse nell’Oceano Pacifico? Sono trilioni e trilioni di dollari. Quindi indirizziamoli a pulire il pianeta. E non dovrai cercare questi soldi.

Ci siamo riuniti qui per esprimere ancora una volta le nostre preoccupazioni. E quelli che hanno parlato qui in prima linea, “preoccupati per i loro nipoti”, sono quelli che stanno conducendo queste guerre. E le guerre sono un terribile inquinamento del pianeta. Smettiamola. Pertanto, la cosa più importante è che dobbiamo imparare a dire meno parole e a fare di più”.

Fonte Telegram

Di THEMILANER

foglio informativo indipendente dell'associazione MilanoMetropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.