CANI, Terza Palpebra: Ignorare Questa Condizione dell’Occhio Canino Potrebbe Portare alla Cecità

Molti proprietari di cani hanno avuto l’esperienza inquietante, notando improvvisamente una protuberanza rossa o una sporgenza dall’angolo dell’occhio del loro animale domestico. Il nome comune per questa condizione è “occhio di ciliegio”, che è un termine più descrittivo rispetto a “ghiandola prolasso dei nittitani”. Nictitans significa membrana nittitante, che si tratta della terza palpebra del cane.

Nel caso non lo sapessi, i cani non hanno due, ma tre palpebre. C’è la palpebra superiore, la palpebra inferiore e la terza palpebra, nota anche come membrana nittitante. Le terze palpebre cani sono essenzialmente le stesse in diverse razze e taglie di cani, sebbene la pigmentazione possa variare da razza a razza. Altri tipi di animali hanno anche membrane nittitanti, inclusi gatti, uccelli, rettili, pesci e cammelli. La terza palpebra del cane aiuta a mantenere gli occhi umidi in presenza di vento, sabbia o sporco, e così non è necessario sbattere le palpebre. Inutile dire che questo può tornare molto utile quando si caccia una preda che può scomparire in un batter d’occhio.

La Terza Palpebra del Cane ha Diverse Funzioni

La terza palpebra del tuo cane è un tessuto sottile e opaco, che si trova nell’angolo interno di ciascun occhio, sotto la palpebra inferiore e svolge quattro importanti funzioni (1):

  • Funge da lavavetri per la cornea (la superficie chiara nella parte anteriore dell’occhio), mantenendola libera da detriti e muco
  • Contiene una ghiandola lacrimale che produce circa un terzo delle lacrime del tuo cane
  • Contiene tessuto linfoide, che produce anticorpi per combattere le infezioni
  • Protegge la cornea dalle lesioni

E’ interessante notare che gli occhi umani funzionano in modo simile, ma con due palpebre invece di tre. Quando la terza palpebra del tuo cane anziano o giovane si chiude, può sembrare che i suoi occhi stiano rotolando indietro nella sua testa.

E a volte quando i cani dormono, le loro palpebre superiori e inferiori si aprono, rivelando la terza palpebra chiusa o “bulbo oculare bianco” come lo descrivono alcuni proprietari di animali domestici spaventati da questa visione. Nella maggior parte dei casi, la terza palpebra rimane retratta.

Se la terza palbebra cane è visibile, può essere un segno di un problema che richiede un’indagine tempestiva da parte di un veterinario. Ad esempio, se improvvisamente noti per la prima volta la terza palpebra del tuo cane, potrebbe significare che il suo bulbo oculare è andato a finire dietro nella sua orbita a causa di un forte dolore agli occhi. Potrebbe anche significare che c’è stata una lesione agli occhi o che la struttura che tiene in posizione la terza palpebra è danneggiata o indebolita.

Altre cause di una terza palpebra visibile o arrossata, includono congiuntivite allergica e malattia autoimmune. (2) In alcuni cani, una parte della terza palpebra è sempre visibile. Quando un cane nasce con la terza palpebra visibile, questa è una condizione normale e non indica malattia (3). Ma come curare la terza palbebra nei cani?

La ghiandola lacrimale all’interno della terza palpebra è tenuta in posizione da minuscole fibre di tessuto. Il prolasso può verificarsi in un occhio o in entrambi, e una volta che un occhio è colpito, ci sono ottime possibilità che lo sia anche l’altro.

Quando si verifica un prolasso, vedrai il tessuto arrossato, ispessito e irritato nell’angolo dell’occhio del tuo cane. Una volta che prolassa, la ghiandola può diventare sempre più infiammata e persino infettarsi. Tuttavia, poiché la ghiandola non è più ferma nella sua posizione normale, può impedire un’adeguata lubrificazione dell’occhio, che può portare alla secchezza oculare.

Qualsiasi cane di qualsiasi età può sviluppare l’occhio di ciliegia, ma alcune razze sono più inclini alla condizione di altre, comprese molte delle razze brachicefaliche (a faccia piatta), così come il Beagle, Bloodhound e Bull Terrier. Altre razze con la tendenza includono il Cocker Spaniel, il San Bernardo e lo Shar-Pei. La causa del prolasso della ghiandola della terza palpebra non è ben compresa, ma si ritiene che sia correlata a una debolezza del tessuto connettivo nei legamenti che tengono in posizione la ghiandola.

Cosa fare in caso di terza palbebra cane? Una ghiandola lacrimale che prolassa può essere trattata sia dal punto di vista medico che chirurgico, tuttavia, è fondamentale che un approccio medico avvenga in modo rapido e aggressivo. Il trattamento deve iniziare non appena si verifica il prolasso, e sicuramente entro le prime due settimane. Nei casi in cui una ghiandola è stata prolassata per un lungo periodo di tempo, di solito non c’è speranza per un intervento terza palbebra cane non chirurgico.

Il mio approccio con un cane che ha appena sviluppato l’occhio di ciliegia è quello di istituire immediatamente un protocollo aggressivo di impacchi topici (mettere in infusione una bustina di tè verde biologico per 30 secondi, quindi mettere in frigorifero fino a quando non si raffredda, applicare delicatamente sulla palpebra per 3-5 minuti , ripetere 3 volte al giorno), collirio per terza palbebra cane che contiene N-acetil carnosina, omeopatici specifici e nutraceutici (inclusi collagene organico e MSM) per controllare l’infiammazione e cercare di ristabilire l’integrità dei legamenti, che trattengono la ghiandola a posto.

Se il trattamento medico fallisce o non è un’opzione praticabile, è necessaria una procedura chirurgica per riportare la ghiandola nella sua posizione normale, sotto la palpebra inferiore. Una tecnica, chiamata imbricazione tascabile, prevede la creazione di una nuova tasca nel tessuto della terza palpebra per ospitare la ghiandola. Poiché ci sarà un’infiammazione, dopo la procedura che richiederà tempo per risolversi completamente, i risultati chirurgici non diventeranno del tutto evidenti per diverse settimane.

Un’altra tecnica di cura terza palbebra cane, chiamata orlo orbitale, prevede la sutura della ghiandola ai tessuti che circondano l’osso orbitale. Sfortunatamente, questi interventi chirurgici di asportazione terza palbebra cane occasionalmente possono fallire, ed è necessaria una seconda o terza procedura. L’andamento delle cose dopo l’intervento chirurgico dipende dalla natura cronica della condizione e / o dall’infiammazione del tessuto oculare.

Leggi anche: Protrusion of Third Eyelid in Dogs

A volte, sono necessari colliri lubrificanti per integrare il film lacrimale stagionalmente o periodicamente, per il resto della vita del cane. La chirurgia per rimuovere la ghiandola lacrimale era una volta comune, ma per fortuna non è più considerata una forma di trattamento accettabile, perché rimuove circa la metà della capacità di lubrificazione dell’occhio. La rimozione della ghiandola è facile, ma non una soluzione praticabile, a lungo termine, senza compromettere l’integrità dell’occhio. La rimozione della ghiandola molto spesso porta alla cheratocongiuntivite secca (KCS) o all’occhio secco.

Per prevenire problemi in futuro, inclusa la cecità, i cani con KCS devono dipendere dai loro proprietari per lubrificare manualmente i loro occhi per il resto della loro vita. Se il veterinario suggerisce di rimuovere la ghiandola come forma di “trattamento”, chiedi un secondo parere a un chirurgo qualificato e più aggiornato. Non c’è davvero nulla che puoi fare per prevenire l’occhio di ciliegio, ma se il tuo cane sviluppa la condizione, è importante fissare un appuntamento immediato con il tuo veterinario per iniziare le cure mediche.

La buona notizia, quindi, è che in caso di terza palbebra cane arrossata oppure infiammata, ci sono soluzioni che possono andare a risolvere una situazione di questo tipo. Tra i rimedi della terza palbebra dei cani c’è l’intervento chirurgico oppure una soluzione di colliri ad hoc che possono andare a risolvere il problema senza essere troppo invasivi.

THEMILANER

foglio informativo indipendente dell'associazione MilanoMetropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.