LE PREVISIONI 2023 DI DOUG CASEY

L’anno in cui succede tutto
All’inizio di ogni anno, nel mondo economico, è tradizione fare delle previsioni su ciò che ci attende, per aiutarci a prendere le giuste decisioni con la dovuta consapevolezza. 
Queste newsletter che scrivo sono da considerarsi come delle conversazioni tra persone di buon senso, che condividono la passione per gli scenari economici e che desiderano approfondire gli argomentrelativi al mondo finanziario. 
Non si tratta quindi né di consulenza finanziaria, né di suggerimento agli investimenti.
Da quando ho iniziato a pubblicare queste newsletter, raccolte ed approfondite poi nel mio libro PERCHÉ COMPRARE ORO ADESSO


abbiamo tutti potuto assistere allo svolgimento di politiche economiche e monetarie che hanno impattato e stanno impattando in modo epocale e che stanno raggiungendo la fase critica, quella del “PUNTO DI NON RITORNO”. 
Come l’ondata finale del film Tempesta Perfetta. 
Quell’ondata del mare in tempesta che è troppo gigantesca per essere superata.

Veniamo quindi alle previsioni di alcuni dei maggiori esperti del settore che ho tradotto e sintetizzato, per una rapida occhiata dentro questo anno che è appena iniziato e che a seconda di molti, potrebbe veramente essere l’anno in cui tutto ciò che è stato rimandato ci scoppierà in faccia con devastante forza distruttiva.
Ecco cosa prevede Doug Casey di caseyresearch.com:


Il sistema monetario si sta autodistruggendo a un ritmo allarmante e sta raggiungendo la fine della sua durata. 
Le persone veramente in carica – i banchieri centrali e coloro che stanno dietro di loro – capiscono tutto questo. 
Sanno che il sistema attuale non è sostenibile, quindi ne stanno organizzando una demolizione controllata. 
In questo modo, possono essere in grado di “ripristinare” il sistema monetario e modellarlo secondo i loro desideri. 
Mirano a rinchiudere le persone in un sistema orwelliano che monitora e controlla ogni centesimo guadagnato, risparmiato e speso. 
L’ultima volta che il governo degli Stati Uniti ha affrontato un’imminente crisi finanziaria è stato nel marzo 2020. Nel giro di pochi giorni, la Fed ha creato dal nulla più dollari di quanti ne aveva avuti nei quasi 250 anni di esistenza degli Stati Uniti.La verità è che l’isolamento è fuori controllo e nulla può fermarla 
In breve, il governo degli Stati Uniti si sta avvicinando alla fine dei giochi finanziari. 
Non può più mascherare il suo fallimento. 
Quando arriverà la prossima crisi, e penso che potrebbe essere imminente, il governo degli Stati Uniti non avrà altra scelta che implementare la sua operazione “Sansone”. 
In altre parole, mentre il governo degli Stati Uniti crolla in bancarotta, trascinerà tutti sotto alle macerie e sarà la fine. 
Quali saranno i maggiori trend per il 2023?

Passaporti obbligatori per i vaccini e lockdown.
Martellamento continuo su emissioni di carbonio e Global Warming.
Accettazione diffusa del wokismo, quote razziali, LBGT sempre +++ aggressivo e collasso generale dei valori tradizionali.
C’è la possibilità che assisteremo a qualcosa di simile ad una terza guerra mondiale. 
Non dubito che l’era prima del 2020 sarà presto chiamata “Before Times”, una frase che è stata usata nella fantascienza distopica. 
E il futuro potrebbe assomigliare moltissimo ad una fantascienza distopica”.

ORO – Nel 2023, il grande protagonista della storia economico/finanziaria sarà probabilmente l’oro. È stato piatto negli ultimi dieci anni e ha un prezzo ragionevole rispetto ad altri beni tangibili. 
Sta andando più in alto perché si parlerà seriamente di rimonetizzarlo. 
I BRICS non vogliono usare il dollaro per una buona ragione. 
Il pubblico, che ha dimenticato persino l’esistenza dell’oro, inizierà a comprarlo, spinto dalla paura: paura della valutazione della valuta e paura del rischio di controparte nei mercati finanziari. 
Quindi l’oro fisico andrà davvero bene nel 2023. E i titoli delle compagnie minerarie, andranno ancora meglio.

AZIONI – Il grande mercato rialzista iniziato nei primi anni ’80 si è concluso nel 2022. Il mercato rialzista è stato guidato da una serie di fattori, ma non meno importante è stata l’immensa quantità di unità monetarie create dalle banche centrali che ha causato un ciclo economico molto, molto lungo; 
un superciclo. 
Con il ribaltamento, assisteremo a molti problemi nel settore aziendale poiché le distorsioni e le allocazioni errate di capitale causate dall’erigere vengono liquidate. 
Le società indebitate che si sono adattate ai modelli “Before Times” falliranno. 
Quando questo mercato ribassista avrà toccato il fondo, l’investitore medio avrà dimenticato persino l’esistenza del mercato azionario e si arrabbierà tantissimo soltanto a sentir nominare la parola AZIONI.

BOND E TASSI D’INTERESSE – Il mondo intero, dai governi alle società agli individui, è perdutamente indebitato. 
Incoraggiato in parte dal fatto che i tassi sono in calo da 40 anni; 
praticamente da una vita.

I tassi di interesse, tuttavia, hanno una vita propria. 
Non sono interamente controllati dalle banche centrali, contrariamente a quanto la maggior parte delle persone è arrivata a credere. 
Il mondo inizierà a vedere le obbligazioni come una tripla minaccia per il capitale: tassi più elevati, rischio valutario e rischio di default t.

La cosa interessante qui è che le obbligazioni, i BOND, non sono generalmente di proprietà del pubblico al dettaglio ma di istituzioni: ETF, fondi comuni di investimento, fondi pensione, hedge fund e simili. 
Le istituzioni hanno difficoltà a giustificare il possesso di BOND con rating inferiori a BBB. 
Le obbligazioni delle società in difficoltà saranno declassate quest’anno e registrate da essere scaricate. 
Ma chi? 
Perché neanche altre istituzioni possono comprarne. 
Ad un certo punto, le obbligazioni saranno un vero affare e spero di rientrare in questo mercato. 
Ma non sarà nel 2023.

Consentitemi di ribadire ciò che ho detto molte volte negli ultimi anni: se possiedi delle obbligazioni, vendile ieri mattina. 
Al più tardi, vendili domani mattina. 
Stanno andando molto più in basso.

IMMOBILIARE – Il settore immobiliare galleggia su un mare di debiti negli Stati Uniti e nel resto del mondo. 
Se non può prendere in prestito denaro, il cittadino non può acquistare proprietà. 
E non può nemmeno vendere, perché l’acquirente ha bisogno di finanziamenti per poter comprare. 
Gli alloggi residenziali sono in grossi guai, così come i negozi fisici e tutti i tipi di immobili per uffici.

Con i tassi di interesse in aumento, mentre l’attività economica diminuisce, la proprietà è diretta verso il basso. 
Gli immobili sono molto costosi in tutto il mondo. 
Il settore immobiliare è qualcosa in cui devi vivere, su cui costruire, ma è diventato un veicolo speculativo finanziato dal debito. 
Non bene!

VALUTE – Nel mondo di oggi, le valute sono tutte fiat. 
Solo pezzi di carta o cifre creano arbitrariamente dai governi e dalle loro banche centrali. 
Sono tutti nei guai, nessuno escluso. 
La liquidità e la diffusione del dollaro USA lo ha mantenuto forte e una crisi del debito potrebbe persino dargli ulteriore forza mentre il mondo si affretta a cercare dollari per pagare il debito in dollari. 
Ma questi non sono fondamenti solidi. 
Se hai bisogno di qualcosa di forte, compra oro.

CRIPTO – Bitcoin ha la possibilità di diventare una valuta reale competitiva con le valute fiat del governo.
Ma c’è ancora una bolla nel mondo delle criptovalute, anche se Bitcoin è crollato dal suo picco del 2021 da $ 69.000 a circa $ 17.000. 
È il fondo? 
Non ancora, se non altro perché il caos creato dallo scandalo FTX, che ha vaporizzato $ 30 a $ 40 miliardi di “altcoin”, non è ancora finito.

Ci sono circa 20.000 altcoin, e quasi tutte dovrebbero, più correttamente, (anche se maleducatamente), essere chiamate shitcoin. 
Prendi Dogecoin ad esempio. 
(Penso che dovrebbe essere pronunciato doggycoin), che è stata creata per scherzo, senza valore, senza utilità, niente. 
Ma, sorprendentemente, ha ancora una capitalizzazione di mercato di 13 miliardi di dollari.

PETROLIO – Da un lato, mentre l’economia del mondo occidentale rallenta, ci sarà meno uso di petrolio. 
Ma d’altra parte, i potenti del mondo hanno una visione totalmente anti-combustibili fossili e molto anti-carbonio, e renderanno molto più difficile la possibilità di reperirli.

Detto questo, dobbiamo ricordare che gli Stati Uniti e l’Europa occidentale non sono così più rilevanti negli equilibri internazionali. 
Gli Stati Uniti rappresentano solo il 4% della popolazione mondiale, più o meno lo stesso vale per l’Europa. 
L’altro 90%+ del mondo si preoccupa sempre meno di quello che dice o fa l’Occidente. 
Invece, si preoccupano di ciò che fanno i cinesi e gli indiani e ampliano la propria ricchezza. 
Petrolio, carbone, gas naturale e uranio stanno aumentando. 
E le scorte delle aziende che li producono stanno andando molto più in alto.

Le previsioni di Doug Casey confermano la fase terminale di massima accelerazione di tutti i trend che ci sono stati presentati fino ad ora. 
In pratica, vediamo come gli ingredienti di una TEMPESTA PERFETTA, sono ormai amalgamati e l’ordigno a orologeria è pronto a scoppiare. 
Il 2023 potrebbe essere l’anno in cui dovremo veramente iniziare a soffrire gli esiti dello scoppio di questa bomba innescata. 
Non è facile uscirne completamente illesi, specie se la guerra continua a peggiorare. 
Quello che ho già scritto altre volte è RESTARE VIVI e non perdere tutti i soldi
ANDREA CECCHI

THEMILANER

foglio informativo indipendente dell'associazione MilanoMetropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.