L’ossessione dei media americani per la famiglia reale britannica

In un’era di star dei reality, la Casa di Windsor ha offerto ai lettori dei tabloid un brivido di glamour, ricchezza e fama accecante.

Il 16 novembre 2010, una magra bruna di Bucklebury, nel Berkshire, ha fatto un’apparizione nervosa durante una telefonata. Kate Middleton, la nuova “Catherine”, indossava un abito drappeggiato liquido (che presto si esaurirà), uno scoppio impeccabile e un anello di zaffiro delle dimensioni di un Gobstopper. Solo la sua associazione aristocratica lo ha salvato dall’essere irrimediabilmente pacchiano. Balbettando dolcemente le risposte, lei e il suo fidanzato appena annunciato, il principe William, sarebbero presto stati sbattuti, come erano già stati per anni, sulla copertina di ogni tabloid e quotidiano britannico: due bei fagiolini preppy. Dall’altra parte dell’Atlantico, il fidanzamento è stato accolto con un entusiasmo che è venuto da un disperato bisogno; la stampa delle celebrità americane era nel mezzo di una siccità di prima categoria e la nuova coppia reale era come una dolce pioggia estiva.

Gli Stati Uniti hanno sempre contenuto elementi di rozzo adulatorio nei confronti della monarchia britannica, un’istituzione da cui ha combattuto una sanguinosa guerra per separarsi. Nell’età dell’oro, i tipi ricchi di Newport volevano sposare le loro figlie in linee aristocratiche. Il matrimonio di Consuelo Vanderbilt nel 1895 con il nono duca di Marlborough fu mediato dalla madre prepotente, che fece anche una discreta divulgazione alla stampa; il matrimonio è stato assalito dagli spettatori e un giornale ha pubblicato un cartone animato parodia della giovane sposa, incatenata a sua madre. Quando re Edoardo VIII quasi ruppe la monarchia, nel 1936, abdicando al trono per sposare Wallis Simpson, una seducente divorziata e presunta simpatizzante nazista di Baltimora, i giornali americani erano dappertutto. Questa rivista ha anche copertoil clamore della stampa in quel momento. La principessa Diana era una fissazione da tabloid negli Stati Uniti, ovviamente; il fotografo Phil Ramey, il re dei paparazzi della California, una volta avrebbe noleggiato un sottomarino per avvicinarsi di soppiatto a lei. Ha abbellito la copertina della rivista People quasi sessanta volte, alcune delle quali postume.

Ma, se Diana era nota principalmente per traumi e tragedie nella stampa americana, il fidanzamento reale del 2010 ha inaugurato un’era moderna di approvazione sincera della copertura della monarchia britannica. Quando la regina Elisabetta II è morta, la scorsa settimana , le home page e i feed di Instagram di molti punti vendita americani erano pieni di tributi e scatti glamour ricchi di diademi, a testimonianza non solo della longevità della regina, ma anche della sua capacità di guidare i clic sui social media .

William, Kate, Harry e Pippa (la sorella non reale di Kate, che in seguito avrebbe sposato un affascinante e anziano hedge funder, quindi, abbastanza vicino) erano giovani e sexy e avevano accesso al tipo di gioielli che i lettori di Us Weekly di solito potevano solo guarda quando Harry Winston ha aperto il caveau la notte degli Oscar. Solo nel 2011, il suo primo anno di vita pubblica

ufficiale, Kate Middleton è apparsa su sei copertine di Us Weekly , che raccontavano il suo matrimonio, la sua buona educazione, i suoi vestiti, il suo peso e la sua fissazione per il bambino. Era la classica banalità da tabloid. Da allora, la copertura della moda di Kate è diventata una scommessa affidabile per le riviste, soprattutto perché i link di affiliazione sono diventati di moda. Ti piace l’abito Emilia Wickstead ben sartoriale della principessa? Ecco una copia da duecento dollari che puoi acquistare a Whistles.

All’inizio e alla metà del Duemila, la copertura stampa delle star del cinema più famose era da parete a parete, grazie in gran parte a una guerra tra People magazine e Us Weekly. L’editore Bonnie Fuller ha rilevato Us Weekly nel 2002 e ha contribuito a creare un nuovo genere di rivista: ha mantenuto alcune vestigia della classica collaborazione tra celebrità – un certo quoziente di foto sfarzose e glamour – ma ha aggiunto il tipo di pettegolezzo e pettegolezzo segnalati -titoli commoventi che hanno alimentato le vendite nei negozi di alimentari. Us Weekly pagherebbe per le foto di celebrità, a volte poco lusinghiere, catturate al di fuori dei loro ambienti professionali del tappeto rosso, per servizi come “Star: sono proprio come noi!” L’alchimia fatta per l’editoria dell’oro e delle personevoleva competere. Le offerte sempre crescenti delle due riviste sulle foto di celebrità hanno alimentato un boom di paparazzi. Peter Grossman, un ex redattore di foto di notizie per la rivista, mi ha detto che il suo budget per le foto ogni settimana era di circa sei cifre e Randy Bauer, il co-fondatore dell’agenzia fotografica Bauer-Griffin, ha detto di aver fatto fortuna con quella guerra di offerte, con almeno un set fotografico di un matrimonio di celebrità venduto per più di un milione di dollari.

Con il passare degli anni, la lista A di Hollywood è diventata diffidente nei confronti dell’esposizione alla stampa. I blog hanno tolto il guardrail a qualsiasi pretesa di correttezza nella copertura delle celebrità, e questo ha reso le star sempre meno inclini a presentarsi per il consumo pubblico. I membri del cast di Reality-TV, che avevano bisogno dell’attenzione della rivista per sostenere la loro notorietà, hanno gradualmente preso il sopravvento. Ciò che il gruppo più giovane della monarchia offriva ai lettori era quel brivido di glamour, ricchezza e fama accecante di cui erano affamati. Avevano un senso economico per le riviste americane: potevano vendere queste persone e la loro vita quotidiana, non solo i loro scandali coniugali, certo, abbastanza regolari. Quando Kate Middleton ha camminato lungo il corridoio dell’Abbazia di Westminster per il suo matrimonio nel 2011, era su trecento piedi di tappeto rosso e indossava una tiara composta da ottocentottantotto diamanti.

La fondamentale lontananza della famiglia reale, una qualità perfezionata dalla regina Elisabetta II , si aggiunse al loro fascino in America. (Elizabeth, che ha insistito per guanti e calze nude, è rimasta, nel suo decimo decennio, il centro di potere della creazione di immagini della famiglia.) Il pubblico apprezzava l’evasione dalle loro vite immaginarie, piene di maschere per il viso al veleno d’api, studi di yoga privati , ninnoli inestimabili e case ostentate. Hanno tutta quella ricchezza, nascosta appena fuori dalla vista, che rende la speculazione divertente, la linfa vitale della rivista di celebrità. Che aspetto hanno quelle vacanze private in Kenya? Quanto ha fattoKate spende per gli abiti per il suo ultimo tour reale? Inoltre, la formalità delle loro vite significa che prenderli fuori servizio – Kate con i suoi stivali di gomma e jeans – è avvincente. Il royal watching e il fashion blogging americano sono diventati un’industria artigianale nell’era di Instagram.

E i reali, soprattutto, non possono scomparire dalla vista. Come si dice che la regina Elisabetta II abbia scherzato, lei (e, per estensione, la sua famiglia) doveva essere vista per crederci. Ciò significa che i reali forniscono un flusso costante di foto, anche nel mezzo dello scandalo. Quando il principe William ha dovuto affrontare una raffica di voci sul comportamento scorretto durante una gita sugli sci in Svizzera del 2017, e più tardi, nel 2019, quando le persone hanno ipotizzato che avesse tradito la moglie incinta, doveva comunque apparire in pubblico.

Quel tipo di stampa – la varietà sfacciata, invadente e populista – serve a ricordare la castrazione della monarchia britannica nel ventunesimo secolo. Il regno di Elisabetta ha supervisionato il ridimensionamento dell’istituzione non solo nel territorio ma nello status: la famiglia reale britannica è vista da gran parte del mondo come una strana razza di celebrità, non sovrani divinamente investiti. Per la maggior parte degli americani, sono un po ‘divertenti in argento sterling se non pensi troppo all’eredità secolare dell’impero: la sua inazione mentre un milione di irlandesi muore di fame; il massacro di centinaia di manifestanti pacifici nel massacro di Jallianwala Bagh, in India; la sua creazione di campi di detenzione in Kenya per reprimere le rivolte anticoloniali. Ascoltando il consiglio privato proclamare formalmente re Carlo III il monarca era, per prendere in prestito un britannicismo, assolutamente pazzo.parlato sporco dei tamponi per essere il tuo ” signore “.

In un certo senso, la più grande minaccia che la monarchia ha dovuto affrontare negli ultimi anni – l’uscita dalla vita reale del principe Harry per la terapia familiare sbagliata – deriva dalla comune percezione americana della Casa dei Windsor come semplici celebrità. Sebbene l’affermazione di Meghan Markle di non aver mai cercato su Google suo marito prima di uscire con lui sia dubbia, ciò che è comprensibile è che pensava che i suoi nuovi suoceri fossero essenzialmente come le star del cinema di cui aveva letto e con cui poi socializzato. Quelle horreurquando ha scoperto la loro stravagante stranezza di pensare di essere nominati divinamente, con tutti i problemi che ne derivano. All’inizio del regno di Carlo III, la famiglia reale manterrà una parvenza della sua maestosità come capo del Commonwealth britannico, o continuerà la sua discesa nell’insulsa celebrità della cultura pop? Dovremo continuare a leggere per scoprirlo. ♦

THEMILANER

foglio informativo indipendente dell'associazione MilanoMetropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.