Berlusconi sta meglio, a lui l’Italia deve rispetto

berlusconi stabile zangrillo cauto ottimismo
Marina Berlusconi in visita al padre al San Raffaele

Il professor Zangrillo del San Raffaele ci dice: “Manifesto un cauto ottimismo che ribadisco, non vuol dire cantare vittoria dato che appartiene alla categoria definita più fragile. Il paziente è tranquillo e sta reagendo il modo ottimale alle cure”. “Decorso è regolare”, tuttavia la “fase è delicata”.

Siamo lieti per il Presidente Berlsconi e gli auguriamo di rimettersi presto.

Il presidente merita il rispetto degli italiani, vediamo perchè.

A proposito di tutto l’odio che si è scatenato sui social vorremmo dire la nostra: Silvio Berlusconi è certamente entrato in politica anche per tutelare i suoi interessi personali. E’ stato però la vittima sacrificale di una sinistra che ha montato scandalo su scandalo con l’avallo di una magistratura politicizzata (vedi Palamara).

Se i suoi governi avessero potuto lavorare e non mirare solo a restare in piedi avrebbero aiutato veramente il Paese, anche in politica estera, per gli ottimi rapporti instaurati con gli altri Paesi Europei e non.

Sempre di Berlusconi è giusto dire che ha subito una condanna ai servizi sociali (non si sa quanto giusta data la situazione della magistratura) e si è fatto un anno di impegno all’Istituto Sacra Famiglia di Milano all’età di circa 80 anni, in seguito a questa condanna è stato espulso dal Senato. L’odio alimentato della sinistra, lo ha anche portato ad essere aggredito, è stato ferito da una statuetta lanciatagli attraverso il finestrino della sua auto. Anche la salute gli ha dato filo da torcere, ha avuto un tumore, un intervento a cuore aperto e altri problemi di diversa entità.

Direi che vista l’età e viste le inchieste aperte sulla magistratura che lo ha condannato, il Presidente Berlusconi, merita senza dubbio almeno il rispetto degli italiani.

Manuela Valletti

THEMILANER

foglio informativo dell'associazione Milano Metropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.