Vogliamo la verità, tante cose non tornano

Risultato immagini per milano e il coronairus

L’OMS ha diramato poco fa un comunicato che avverte il mondo che i contagi verificatisi in Italia sono molto preoccupanti ed è il caso di prepararsi ad affrontare una pandemia.

Da diversi paesi europei e non, giungono controlli e divieti nei confronti degli arrivi dall’Italia colpevole di avere un buon numero di contagiati dal coronavirus.

Non è bello sentirsi emarginati, ma i paesi che pongono i divieti sono da capire, proteggono i loro cittadini. Viene spontaneo chiedersi come mai nessuno abbia protetto noi.

Non è il caso di alzare il livello delle polemiche, ma viene spontaneo chiedersi per quale motivo i nostri contagiati siano in aumento e i contagiati negli altri paesi europei registrino casi sporadici a cui non si da molto peso. E’ solo un fatto casuale?

Che cosa è successo davvero in Italia? Perchè abbiamo oltre 200 contagiati e due focolai virulenti in tre giorni? E poi ancora, perchè Milano è stata ” chiusa” e mi riferisco al Duomo, alla Scala, alle scuole e agli uffici pubblici, in presenza di solo due casi di contagio?

La situazione africana non si conosce, ma è certo che il coronavirus è attivo anche là, allora che ruolo hanno nella diffusione del virus i migranti sbarcati negli ultimi 20 giorni in Italia?

L’impressione è che si stia facendo un gran casino, ma che non si sappiano le cose come stanno. Nella confusione rischiamo di bloccare la città più importante d’Italia e le sue Fiere, alcune molto importanti per la nostra economia, magari senza un valido motivo.

Insomma parlate chiaro e non lasciateci solo intuire verità inconfessabili, abbiamo bisogno di sapere tutto e non di supporre la verità e voi politici avete il dovere di informarci.

Manuela Valletti

Dal New York Times

Martedì 18 febbraio, nessun caso di coronavirus era stato segnalato in Iran. Domenica scorsa, il governo ha annunciato 43 casi e otto morti. Circa 152 casi (e almeno tre decessi) sono stati confermati domenica in Italia , rispetto ai tre casi di giovedì. Il numero di persone infette in Corea del Sud è balzato a 763 (e sei morti) in pochi giorni.

A partire da lunedì, Covid-19 è stato rilevato in almeno 29 paesi . In nazioni con pochi o nessun caso segnalato finora, in particolare in Sud America e Africa, l’assenza di prove non dovrebbe essere interpretata come prova di assenza. Più probabilmente, riflette la mancanza di test.

L’epidemia di Covid-19 ora è una pandemia, indipendentemente dal fatto che l’Organizzazione mondiale della sanità lo chiami ancora?

In tal caso, quali sono le prospettive?

Innanzitutto, chiariamo i fatti su ciò che può e non può essere fatto.

Ora è chiaro che l’epidemia non sarebbe mai stata contenuta. Al massimo, la sua diffusione è stata rallentata dal blocco imposto in Cina e dagli sforzi di altri paesi per identificare le persone infette e chiunque con cui avrebbero potuto essere in contatto.

Covid-19 sembra diffondersi come l’influenza , attraverso l’aria, da persona a persona. A differenza di Ebola, SARS e MERS, gli individui possono trasmettere questo coronavirus prima dell’inizio dei sintomi o anche se non si ammalano . Una persona infetta sembra diffondere la malattia a una media di 2,6 persone . Dopo 10 generazioni di trasmissione, ciascuna delle quali richiede circa cinque o sei giorni , quel caso iniziale ha generato più di 3.500, la maggior parte con sintomi assenti o lievi, ma probabilmente infettivi. Il fatto che i casi lievi siano difficili da differenziare dal raffreddore o dall’influenza complica solo la diagnosi.

Alla luce delle caratteristiche della malattia, la quarantena dei passeggeri e dei membri dell’equipaggio sulla nave da crociera Diamond Princess nella baia di Yokohama in Giappone sembra un esperimento crudele: sebbene confinati, queste persone sono state costrette a respirare aria riciclata per due settimane. La misura ha ottenuto poco se non per dimostrare quanto sia efficace la diffusione del virus. Cercare di fermare una trasmissione simile all’influenza è un po ‘come cercare di fermare il vento.

I vaccini mancano molti mesi, al più presto. E sulla base delle precedenti esperienze con SARS, MERS e influenza pandemica, non c’è motivo di credere – come ha affermato il presidente Trump – che Covid-19 andrà via questa primavera quando il clima più caldo arriva nell’emisfero settentrionale. La trasmissione in tutto il mondo potrebbe continuare per mesi.

Il blocco imposto dal governo cinese a Hubei, la provincia più colpita dalla malattia, ha ridotto sostanzialmente il numero di nuovi casi per un certo periodo. Ma anche questo ha benefici limitati. Mentre la Cina cerca di tornare al lavoro, i trasporti pubblici riprendono e i cittadini iniziano a muoversi, ci sarà probabilmente un grande rimbalzo nei casi. A meno che un’intera popolazione non si ripari per molti mesi, agenti infettivi come l’influenza o questo coronavirus troveranno persone infette.

In altre parole, un blocco è principalmente una tattica di ritardo. Distribuendo i casi nel tempo, può aiutare a gestire un focolaio, ma solo se si svolge sullo sfondo di un solido sistema sanitario. Tuttavia, anche il miglior sistema è troppo fragile e un moderato aumento dei casi infettivi, sia di influenza stagionale che di Covid-19, può rapidamente travolgere risorse, in Cina o negli Stati Uniti.

Per quanto sia agghiacciante immaginare questo scenario, quello che è successo a Wuhan, la città cinese all’epicentro dell’epidemia, probabilmente si svolgerà anche altrove. Gli ospedali potrebbero dover allontanare tutti tranne le persone più gravemente malate; la loro capacità di gestire il normale carico di pazienti con infarto, lesioni gravi o tumori può essere gravemente compromessa .

In un mondo mal preparato per una malattia potenzialmente pericolosa per la vita e facilmente trasmissibile come Covid-19, il modo più efficace per mitigare l’impatto della pandemia è concentrarsi sul supporto di sistemi sanitari che sono già sovraccarichi.

Questa è la ragione principale per cui la massima priorità di ogni paese dovrebbe essere quella di proteggere i propri operatori sanitari.

Gli Stati Uniti e altri paesi dell’emisfero settentrionale sono già alle prese con una stagione influenzale moderatamente grave . I loro inventari di dispositivi di protezione utilizzati da medici, infermieri e operatori sanitari di emergenza – maschere respiratorie N-95, guanti, protezioni per gli occhi, tute usa e getta – si stanno esaurendo . Queste scorte limitate devono andare prima agli operatori sanitari, piuttosto che al pubblico. Ciò è in parte per garantire che gli stessi ospedali non diventino siti in cui il coronavirus è diffuso più di quanto sia contenuto: se gli operatori sanitari infetti muoiono in gran numero, intere società possono essere scosse fino al punto di panico.

I governi dovrebbero anche condurre esercitazioni di preparazione Covid-19 negli ospedali locali ed espandere la capacità temporanea degli ospedali, ad esempio installando tende di emergenza nei parcheggi , come già accade in alcuni luoghi negli Stati Uniti Per ridurre al minimo lo stress negli ospedali con cure acute sovraccarichi, potrebbe essere necessario fornire assistenza infermieristica di supporto, in strutture improvvisate e nelle case dei pazienti, come avveniva in passato in caso di gravi pandemie, come la Grande Influenza del 1918-1919.

Le catene di produzione e distribuzione di farmaci e altri prodotti vitali come aghi e siringhe devono rimanere aperte e ciò, data la natura globale del settore, richiede una cooperazione internazionale. In linea con le linee guida dell’Organizzazione mondiale della sanità , i paesi colpiti dal coronavirus non dovrebbero essere bloccati dal modo in cui gli Stati Uniti e altri stanno cercando di fare con la Cina al momento. Altrimenti, man mano che il virus si diffonde, isoleremo anche noi stessi e metteremo a repentaglio la nostra capacità di ottenere risorse critiche. Molti dei principi attivi dei farmaci generici salvavita – quelli che immagazzinano i carrelli degli ospedali e mantengono il nostro benessere quotidiano – provengono dalla Cina e dall’India. Se tale produzione venisse fermata, molte persone potrebbero morire, non direttamente da Covid-19, ma indirettamente dalla mancanza di accesso a tali farmaci.

Garantire tutto ciò significa affrontare i fatti concreti di questa pandemia che si sta svolgendo – e ciò richiede divulgazioni complete e trasparenti al pubblico. Le esperienze passate, con le lettere intrecciate con antrace nel 2001 e l’epidemia di Ebola del 2014, suggeriscono che le persone reagiscono in modo più razionale e mostrano una maggiore capacità di resistenza a una crisi in piena regola se sono preparate intellettualmente ed emotivamente per questo.

THEMILANER

foglio informativo dell'associazione Milano Metropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.