Lo scandalo ucraino di Donald Trump ha le sue radici in Russia

Entrambe le situazioni derivano dall’apparente volontà del Presidente di accettare favori politici dai leader stranieri e dalla sua entusiasmo di fare le offerte di Putin.

Di Jeffrey Toobin – THE NEW YORKER

6 ottobre 2019

Il presidente Trump e i suoi alleati riuscirono quasi a consegnare all’oblio il rapporto Mueller. William Barr, procuratore generale conforme a Trump, ha fatto un salto nel processo quando ha anticipato la pubblicazione pubblica del rapporto fornendo un sommario fuorviante, che ha ridotto al minimo le conclusioni del consulente speciale sull’interferenza russa nella campagna del 2016. Trump aggravò le distorsioni di Barr ripetendo erroneamente e senza fine che il rapporto trovava “nessuna collusione, nessuna ostruzione”. I democratici del Congresso fecero poco per la causa della chiarezza usando il rapporto come occasione per discutere la semantica di ciò che costituisce un’indagine di impeachment. E Robert Mueller stesso ha invitato una certa confusione raccontando la sua storia in una densa prosa legalistica. Appena sei mesi dopo aver consegnato il rapporto, era già sbiadito nelle nebbie di Trumpiana:

Il fischietto ha rivelato la telefonata del 25 luglio di Trump a Volodymyr Zelensky, il presidente dell’Ucraina, in cui, secondo il memorandum ufficiale, Trump ha dichiarato di voler un “favore”, quindi ha chiesto a Zelensky di cercare informazioni negative su Joe Biden, all’epoca il front-run democratico per il 2020. La richiesta era così chiaramente un abuso del potere presidenziale – Zelensky era in attesa di consegna di aiuti militari già approvati dal Congresso – che Nancy Pelosi, Presidente della Camera, lanciò un’indagine focalizzata sull’impeachment , guidato da Adam Schiff, presidente del comitato di intelligence. Mueller e Russia sono fuori; Schiff e Ucraina sono dentro.

Ma gli scandali di Russia e Ucraina sono, in effetti, una storia. 

In effetti, i falsi dinieghi del Presidente in entrambi catturano i temi comuni: sollecitare l’aiuto di interessi stranieri per ottenere un guadagno partigiano, seguito da ostacoli agli sforzi per scoprire cosa è successo. Entrambi condividono le loro radici nella Russia di Vladimir Putin. Le due accuse di Mueller sugli interessi russi – la prima che riguarda l’uso dei social media e la seconda l’hacking delle e-mail del Partito Democratico – sono forse la cronaca più dettagliata mai pubblicata sull’interferenza straniera in una campagna politica americana. La squadra di Trump è stata grata. Quando un consulente di pubbliche relazioni della famiglia di un oligarca russo ha inviato per e-mail Donald Trump, Jr., offrendo sporcizia a Hillary Clinton che era “parte della Russia e il sostegno del suo governo al signor Trump”, il figlio del candidato ha dato una risposta semplice:

Solo due anni prima, Putin aveva invaso l’Ucraina e annesso la Crimea. Il governo di Kiev andava avanti e indietro tra i leader che volevano accogliere il regime di Putin e altri che volevano chiedere l’aiuto dell’Occidente per respingerlo. Il consulente politico prescelto per la fazione filo-russa è stato Paul Manafort, che è stato presidente della campagna di Trump nell’estate del 2016. Come documentato Mueller, Manafort ha passato i dati di sondaggio della campagna proprietaria agli ucraini filo-russi. L’era della campagna Trump rappresentata nel rapporto soffriva di una grande limitazione: non era il presidente. Accolse chiaramente con favore l’assistenza di Putin e promise una migliore relazione con la Russia, ma era ancora solo un uomo d’affari di New York. La lamentela del whistle-blower è l’epilogo del rapporto di Mueller: l’arrivo della maggiore età di un aspirante colluso.

È anche importante notare che, nel capitolo ucraino, Trump ha fatto le offerte di Putin, nella misura del possibile, arrivando al punto di abbracciare una teoria della cospirazione screditata che l’Ucraina, non la Russia, ha interferito nella campagna del 2016. Il resto del governo americano non è mai stato così innamorato di Putin come Trump. Ciò include i repubblicani al Congresso, che si sono uniti ai democratici nel voto per gli aiuti militari in Ucraina. Trump non vuole alcuna parte del conflitto con Putin, ma il pacchetto di aiuti gli ha legato le mani. C’è stato un momento rivelatore nella sua conferenza stampa congiunta con Zelensky alle Nazioni Unite il mese scorso. Quasi a parte, Trump ha detto: “Credo davvero che il Presidente Putin vorrebbe fare qualcosa. Spero davvero che tu e il Presidente Putin vi riuniate e che possiate risolvere il vostro problema.

Nella telefonata del 25 luglio, Trump ha fatto ciò che non poteva fare come candidato: ha cercato di sfruttare il potere della presidenza per ottenere un vantaggio politico partigiano. Testi di funzionari statunitensi, pubblicati la scorsa settimana, suggeriscono inoltre un tentativo di quid pro quo. Il 1 ° settembre, William Taylor, il massimo diplomatico degli Stati Uniti a Kiev, ha chiesto: “Stiamo dicendo che l’assistenza alla sicurezza e l’incontro WH sono condizionati dalle indagini?” Gordon Sondland, un ex raccoglitore di fondi repubblicano che è l’ambasciatore di Trump presso l’Unione europea , rispose: “Chiamami”.

Mueller fece la cronaca degli sforzi di Trump, come presidente, di interferire con le sue indagini. Trump fece ripetuti tentativi di reprimere o licenziare Mueller e fu salvato da quella cattiva condotta solo dal rifiuto delle persone intorno a lui (incluso Don McGahn, il suo consigliere alla Casa Bianca; Rob Porter, il suo segretario del personale; e persino Corey Lewandowski, il suo altrimenti zelante ex responsabile della campagna) per attuare le sue direttive. La lezione delle ultime settimane è che quelle figure restrittive hanno lasciato l’edificio, letteralmente e figurativamente. Trump è attualmente circondato da persone come Barr e Mike Pompeo, il Segretario di Stato, che sono disposti a debassare i loro uffici per indurre l’abuso di potere di Trump. Le arie sfrenate di Rudolph Giuliani, il suo avvocato personale, sono una costante dal capitolo russo all’ucraino. Come di consueto, Trump ha cercato di normalizzare la sua corruzione, vantandosi di poter reclutare ancora più paesi, tra cui la Cina, per condurre indagini politiche per lui. Questo è ancora un abuso di potere, anche se ora lo sta facendo in pubblico, piuttosto che preoccuparsi di cercare di nasconderlo.

Mueller ha chiuso notoriamente le sue indagini senza emettere un giudizio sul fatto che il Presidente abbia commesso reati. “Non abbiamo tratto conclusioni definitive sulla condotta del Presidente”, ha scritto. Il tempo, tuttavia, per le conclusioni finali si avvicina. Un modo di vedere l’evoluzione di Trump da candidato a presidente, dal tempo di Mueller a quello di Schiff, è che i suoi abusi stanno accelerando, con ogni atto impunito che funge da licenza per altri. La Costituzione fornisce al Congresso gli strumenti per fermare questo ciclo durante la presidenza fuori controllo di Trump. La domanda ora è se i rappresentanti del popolo li useranno. 

Questo articolo appare nell’edizione cartacea del numero del 14 ottobre 2019 , con il titolo “Dalla Russia all’Ucraina”.

  • Jeffrey Toobin è uno scrittore di personale presso The New Yorker dal 1993 e analista legale senior per la CNN dal 2002. È autore, di recente, di ” American Heiress ” ed è al lavoro su un libro sulle indagini di Robert Mueller.Leggi di più “

THEMILANER

foglio informativo dell'associazione e d'opinione dell'associazione Milano Metropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.