Aspettando Rousseau

Giornatina complicata quella di oggi, dopo incontri e scontri a Palazzo Chigi, in serata la TV ci ha propinato tre interventi che ci hanno fatto sorridere.

In realtà Giuseppe Conte, DiMaio e Zingaretti, essendo in fibrillazione per le votazioni che domani si svolgeranno sulla Piattaforma Rousseau da parte dei 5 Stelle, hanno sentito il bisogno di parlare alle masse.

Tutti e tre i papabili per il nuovo governo hanno fatto appelli accorati affinché i grillini votino a favore del novello Governo rosso che più rosso di così non si può, e diano il loro beneplacito per farlo partire.

Conte ha promesso “un governo pieno di novità che farà grandi cose” e lui ne sarà l’artefice, DiMaio ha comunicato con gioia che il problema del Vice Premier non esiste più, lui vi ha rinunciato, e infine Zingaretti si è detto entusiasta per il clima di collaborazione con il quale si sta elaborando il nuovo programma di governo. Questo preambolo è servito affinchè i 5 Stelle possano dare il via al governo giallo rosso votando sulla Piattaforma Rousseau domani dalle 8 alle 18.

Non so come andrá, non vi nascondo che mi piacerebbe che saltasse tutto e che Di Maio si accorgesse che Conte gli sta sfilando il Movimento da sotto il sedere. Credo che vincerà il Si e che ci dovremo sorbire il solito governo di sinistra nato “per il bene degli italiani” e che in realtà, come è sempre accaduto in passato, l’Italia finirà per distruggerla.

Manuela Valletti

THEMILANER

foglio informativo indipendente dell'associazione MilanoMetropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.