Progetto Pane: educare ad un consumo consapevole

Continua l’iter sul progetto di legge che riguarda la produzione e vendita del pane e dei prodotti da forno. Il 20 settembre all’udienza conoscitiva hanno partecipato le associazioni di categoria, compresa l’Associazione panificatori di Piacenza, per dare contributi utili al documento ed esprimere un giudizio che si è rivelato positivo sull’articolato. “Si sta svolgendo un ottimo lavoro – è il commento della consigliera Pd Katia Tarasconi – in questa fase interlocutoria con le associazioni di categoria, che si sono rivelate da subito collaboranti e propositive, prima di passare in aula per l’approvazione della normativa”.

Secondo la consigliera piacentina non solo è importante educare le persone al consumo consapevole degli alimenti, in un principio di trasparenza che determina le scelte alimentari di ciascuno, ma “preservare la qualità artigianale significa tenere intatte cultura, tradizione e sapori tipici locali”.

Dodici i punti che tendono a valorizzare il mestiere dei panificatori, tutelare la loro professionalità artigiana, e, soprattutto, informare i consumatori sulla grande ricchezza di prodotti del nostro territorio, artigianali o industriali, profondamente diversi nei metodi di produzione e conservazione rispetto a quelli commercializzati dalla grande distribuzione. Presente all’udienza, oltre a Confesercenti regionale, Cna Emilia-Romagna e Flai-Cgil, anche Giorgio Micheli dell’associazione panificatori di Piacenza.  “Tra gli obiettivi della legge c’è l’intento – ha osservato Micheli –  di valorizzare l’attività dei forni artigianali che si differenziano dai panifici e dalle imprese di panificazione. Siamo quindi molto soddisfatti perché il progetto va incontro ai nostri principi”, ha spiegato -; per questo preferiremmo che i forni artigianali venissero definiti forni ‘di qualità’, piuttosto che ‘regionali’, perché più caratterizzanti”.  “L’ultimo provvedimento in materia – ha ricordato Tarasconi – risale a cinquant’anni fa. Altre regioni si sono messe al passo con i tempi proprio per tutelare i consumatori, è bene quindi che anche l’Emilia-Romagna legiferi su questo tema così importante”.

FONTE: http://www.ilpiacenza.it

Ti potrebbe interessare anche:
Progetto di legge sul pane: nuovi strumenti per un’informazione alimentare corretta

THEMILANER

foglio informativo dell'associazione e d'opinione dell'associazione Milano Metropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.