Giulio Andreotti

Nel 2004, Andreotti pronunciò queste parole.

“La Nato si sarebbe dovuta sciogliere per raggiunto fine sociale quando nell’89 è caduto il muro di Berlino. Gli interrogativi riguardano adesso il futuro della Nato perché alla base di un’alleanza militare vi è la necessità di sapere da chi ci si deve difendere.”

Questa era l’idea che Andreotti aveva in mente negli ultimi anni del suo mandato a palazzo Chigi prima di essere sostituito da Giuliano Amato, l’uomo scelto dell’establishment europeo. Un anno dopo, nel 1993, i pentiti che erano stati silenti negli anni prima iniziarono improvvisamente tutti magicamente insieme ad accusare Andreotti di essere “mafioso” quando fu Andreotti a chiamare Falcone per indagare sui fondi neri del PCI. Questa fu la macchina del fango che gli ambienti atlantici confezionarono per Giulio Andreotti

Di THEMILANER

foglio informativo indipendente dell'associazione MilanoMetropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.