Carlo Porta


Scusom, Carlin, se hoo spostaa d’on dì el regòrd de la toa nascita (15 giugno 1775 o 1776). Pubblichi incoeu ona toa poesia perché anca incoeu un sacch de gent, in la stagion calda, la se lamenta di bestiolitt che te daven tant fastidi, soratutt i formigh che paren vèss anca cressuu de numer e hinn diventaa anmò pussee invadent. Numm milanes te voeurom semper un gran ben!

Angela Turola

“Scimes, pures, bordocch, cent pee, tavan,
camol, mosch, pappatas, vesp, galavron,
formigh, zanzar, scigad, vermen, scorpion,
consolev che l’estaa l’è pocch lontan.

Pover bestiolitt! pover badan!
Mordinn, sciscienn, secchenn, che sii patron,
caghenn in suj pitanz, in sul muson,
cribbienn i pagn, i frut, la carna, el gran.

Fee pur quell che ve pias, car bestiolitt,
ché el manch che possem fà per i vost meret
l’è quell de lassav scoeud tutt i petitt.

Inscì magara ve vegniss a taj
de andà a quarter d’inverna in del preteret
de chi loda l’estaa coj soeu regaj.”

Di THEMILANER

foglio informativo indipendente dell'associazione MilanoMetropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.