Gen.Bertolini:la Russia rischia un altro Afghanistan e l’Europa la propria sopravvivenza

Gen.Bertolini

Come evolverà la guerra dopo questa decisione della Duma?

Bisogna tener conto dei tempi lunghi di una mobilitazione: gli uomini vanno prima richiamati, poi concentrati, poi riaddestrati e armati. Solo una volta pronti, vengono mandati in missione. Dunque ci vorranno dei mesi, sul campo non si vedranno certo dei risultati domani. Ma ricordiamoci una cosa: la Prima guerra mondiale è iniziata con mobilitazioni contrapposte, perché già predisporla costituisce una minaccia alla controparte. Oltre che sostanziale, che la mobilitazione dichiarata da Putin ha un valore simbolico.

Non ha annunciato solo la mobilitazione. Putin ha anche minacciato l’uso del nucleare: “Useremo tutti i mezzi a disposizione, non è un bluff”.

Il rischio nucleare c’è sempre stato, ma ora aumenta ancora di più. In Ucraina la Russia ha obiettivi che percepisce come vitali per la propria sicurezza e non si concederà di perdere la Crimea o il contatto col Mar Nero. Adesso Putin vuole il plebiscito alle urne a Donetsk, Lugansk, Zaporizhzhia, Kherson, per l’annessione: dopo, i combattimenti non saranno più un’azione dell’Ucraina contro una sua regione ribelle, ma contro la Russia stessa, che se attaccata sul suo territorio, può disporre del nucleare tattico. È possibile tutto, ecco cosa fa diventare pericoloso questo momento. Dunque andiamo incontro a due varianti: la prima è un ‘Afghanistan europeo’, con un conflitto che andrà avanti per anni nel cuore dell’Europa. L’altra è l’escalation, se le due controparti decideranno di agire con il massimo della loro forza. Comunque già solo che se ne parli, di queste ipotesi, è pericoloso, un segnale verso l’incontrollabile, perché tutte le guerre iniziano da un’escalation verbale. Poi c’è il casus belli e l’inizio dell’ostilità. Finora è una guerra limitata, ma l’espansione si concretizza, si va incontro a scenari rimasti sullo sfondo e mai ipotizzati. Si potrebbe aprire il vaso di pandora di una grande guerra patriottica con una potenza nucleare.

Ci sono ancora possibilità di dialogo?

Purtroppo l’opinione pubblica si sta abituando all’idea del conflitto, illudendosi di poterne rimanerne fuori. Siamo in un momento di portata storica, al quale non eravamo preparati. Bisognerebbe abbassare i toni, l’Europa non sta giocando con la sua economia, ma con la sua sopravvivenza fisica. (Fonte: Il Fatto Quotidiano)

THEMILANER

foglio informativo indipendente dell'associazione MilanoMetropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.