I capi di Stato disertano il G20 di Roma

Dopo il primo ministro giapponese Kishida e il presidente messicano Obrador, anche Putin fa sapere che non andrà al G20 del 30-31 ottobre a Roma. Inoltre, fonti diplomatiche italiane danno per “unlikely” la presenza di XI Jinping e di Bolsonaro (fonte Reuters). Insomma, il G20 draghesco, presentato dalla nostra propaganda come un successo internazionale, perde pezzi via via che si avvicina la data di inizio. Sicuramente pesa la nostra insignificanza, accresciuta dalla decisione di essere servi passivi della NATO e della Germania, ma forse non è peregrino pensare che alcuni leader mondiali non vogliano ritrovarsi al centro di una repressione del dissenso che già non ci ha fatto fare bella figura all’estero, per dirla educatamente

THEMILANER

foglio informativo indipendente dell'associazione MilanoMetropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.