Disgregazione totale

Segnali sempre più inequivocabili di disgregazione di quella coscienza diffusa che ha permesso la nascita della costituzione post-bellica e la convivenza civile (sia pure limitatamente e non senza momenti di tensione, chiaro). Fine dell’idea stessa di società come convivenza di gruppi, come composizione di comportamenti e interessi diversi di volta in volta da mediare, come spazio comune che permetta a chi vince di governare, a chi perde di vedere comunque garantiti i propri diritti e le proprie libertà fondamentali.

Siamo al muro contro muro. Per definizione, in una situazione simile è impossibile qualsiasi mediazione, perché ognuna delle due parti ha una visione della società, della politica, del futuro incompatibile con l’altra, dove A esclude necessariamente B e B non può coesistere con A. Gli spazi di intermediazione sono sempre più ristretti. Si cerca di prevalere, quindi, con la forza, non ultimo forzando la costituzione a proprio favore e a sfavore della parte avversa.

Fonte

THEMILANER

foglio informativo indipendente dell'associazione MilanoMetropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.