Còl coeùr in màn di Vincenzo Migliavacca

dal libro Aria de cà mia

Rendo omaggio a Vincenzo Migliavacca, un poeta che ho conosciuto personalmente nel 2000. Un grande cuore, pieno di sentimento e un vero gentiluomo.

Me sont desmentegàa de spiegà bén
quèl che l’è’l titol della mia poesia,
ma sont sicùr che avìi capì almén
che l’è ànca vòstra, mìnga sòl cà mia.

L’è tùt el nòst paès còi sò magàgn
e i sò virtùu che l’hann fàa grand e bèll,
cònt i sò vèer pianùr e i sò montagn,
che fann de divisòri e de capèll.

L’è l’ària che respiròm nùm nativ
e tùtti insèmma quèi che chi a Milàn
troeùven de podè stà e podè viv
in armonia e còl coeùr in màn.

Vincenzo Migliavacca

Traduzione: Mi sono dimenticato di spiegare bene quello che è il titolo della mia poesia ma sono certo che lo avete capito che la casa non è solo mia ma anche vostra. E’ tutto il nostro paese con le sue magagne che l’hanno fatto bello e grande con i divisori che sono le montagne che fanno da cappello. E’ l’aria che respiriamo noi nativi e tutti insieme quelli che sono qui a Milano e trovano di poter vivere in armonia e con il cuore in mano.

Vincenzo Migliavacca è nato a Milano nel 1913, terminati gli studi superiori seguì i corsi ingegneria. Dopo il lungo periodo bellico e la prigionia in Germania, si dedicò per diversi anni all’agricoltura nell’azienda paterna ed in seguito iniziò un’attività in proprio. Da sempre appassionato di poesia, tanto in lingua italiana che in dialetto milanese, ha partecipato a molte rassegne ottenendo notevoli riconoscimenti. E’ morto una decina di anni or sono, ma sappiano tutti che i poeti non muoiono mai.

THEMILANER

foglio informativo dell'associazione Milano Metropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.