“Adotta un bar”, la piattaforma per salvare la ristorazione

Si potrà scegliere il proprio locale di fiducia e supportarlo concretamente, acquistando drink, piatti e menu in anticipo

Cimas Ristorazione - Mense, Catering e ristorazione di Qualità in Italia

Una piattaforma gratuita, sulla quale scegliere il proprio locale di fiducia e supportarlo concretamente. Come? Acquistando drink, piatti e menu in anticipo, per consumarli poi, a emergenza finita. È “adotta un bar”, l`iniziativa solidale appena rilanciata in Italia, che ha mosso i suoi primi passi durante il lockdown del 2020, arrivata dalla Spagna, dove è nata e dove ha riscosso un rapido successo con oltre 50.000 euro di donazioni e oltre 2000 attività registrate. L`obiettivo è quello di aiutare le attività italiane a superare indenni questa crisi acuta ed evitare il fallimento. Una morsa che, secondo i dati di Confcommercio, ha portato alla definitiva scomparsa di oltre 300.000 imprese nel nostro Paese.

Un progetto supportato da Tuttopress, casa editrice protagonista della comunicazione nel comparto Horeca con due riviste (Il Mondo della Birra e Locali Top) e dall`associazione italiana Food&Beverage Manager, che ne hanno registrato il marchio in Italia rendendola nuovamente possibile. “Ritengo che in un momento come questo ci sia assoluta necessità di concretezza – spiega Roberto Santarelli, Ceo di Tuttopress – Con questa iniziativa mi piacerebbe riuscire ad arrivare rapidamente al cuore del problema, aiutando nella maniera più efficace possibile i locali, che oggi stanno soffrendo come mai prima d`ora. Il mio obiettivo è dare subito liquidità a bar, ristoranti e alberghi, raggiungendo ogni angolo del paese, attraverso il coinvolgimento solidale di tutte quelle persone che si sentono legate emotivamente a un particolare ristorante o luogo, adesso chiuso, ma che li faceva sentire un po` come a casa”.

Bar, locali, ristoranti e pub possono registrarsi gratuitamente sulla piattaforma adottaunbar.com e caricare le proprie offerte. Unico costo, l`addebito del 7% di commissioni per coprire i costi di manutenzione di piattaforma e server. I clienti, a loro volta, potranno cercare e scegliere i propri locali di fiducia, acquistando da subito le consumazioni proposte, anche a prezzi scontati, in attesa di godersele in un secondo momento, a pandemia superata. In alternativa, potranno scegliere di non riscattare l`acquisto anticipato, trasformando il contributo in una vera e propria donazione.

“Lo strumento potrebbe essere veramente efficace considerando quanto gli italiani siano assidui frequentatori dei locali, e altresì generare flussi di liquidità in maniera esponenziale – sottolinea Roberto Santarelli – Provate a immaginare quanto denaro potrebbe entrare immediatamente nel comparto se ciascuno di noi investisse anche solo 5€ nell’iniziativa. E non sarebbe denaro a fondo perso, perché non appena possibile si trasformerebbe in consumazioni che comunque avremmo acquistato”. Le aziende del settore potranno aderire al’iniziativa con svariate modalità di solidarietà.

THEMILANER

foglio informativo dell'associazione Milano Metropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.