Come l’Italia ha inventato per sbaglio il perfetto hotel dell’era Covid

Architetti medievali, città deserte e campagne remote: quelli che sembrano gli ingredienti di un film dell’orrore potrebbero effettivamente essere la ricetta per il perfetto hotel dell’era Covid. Dagli anni ’90, l’Italia è stata pioniera di un modello turistico noto come “albergo diffuso” – o hotel diffuso. Ciò comporta l’installazione di un hotel completo in vari edifici di un villaggio in gran parte abbandonato.

La maggior parte di questi villaggi secolari ha sofferto di spopolamento poiché i residenti si trasferiscono in città più grandi in cerca di lavoro, lo stesso problema che ha spinto molti villaggi italiani a vendere case per quasi nulla.

Albergatori intraprendenti hanno preso queste città fantasma e le hanno trasformate in alloggi spesso lussuosi, con gli ospiti in grado di soggiornare nel proprio edificio individuale,per poi mangiare in un ristorante o magari visitare una spa installata in un’altra parte del villaggio. Poiché il viaggio inizia a tornare con la prospettiva di un vaccino, è probabile che molti turisti preferiranno ancora alloggi che offrono la prospettiva di allontanamento sociale, ed è qui che gli hotel sparsi entrano in gioco.

Negli anni ’90, l’imprenditore Daniele Kihlgren si è imbattuto nella città fortezza medievale di Santo Stefano di Sessanio nella regione italiana centrale dell’Abruzzo, dove le montagne di Campo Imperatore sono conosciute come “Piccolo Tibet” per via dei panorami.

Kihlgren, cresciuto nel nord Italia, “è atterrato quasi per caso” nel villaggio. “Mi ero perso sulle strade sterrate che serpeggiano intorno a un castello medievale”, dice.

“Avevo passato anni a cercare posti come questi, dove il paesaggio non fosse stato corrotto”. Dopo aver trovato il punto perfetto, ha quindi iniziato a lavorare sulla sua visione. “Ho incontrato il mio commercialista e gli ho spiegato il potenziale di questo villaggio”, dice. “Gli dissi quanto paradossalmente fosse stata salvata dall’abbandono. Come la drammatica migrazione aveva dissanguato il Sud Italia. Gli spiegai come immaginavo un possibile riproposizione di queste terre intense e desolate”. È stato il primo passo nella creazione di Sextantio , un brand alberghiero sparso che, oltre a Santo Stefano di Sessanio, ha sede a Matera, la città del sud Italia scavata nella roccia.

Sextantio Albergo Diffuso-8
L’imprenditore Daniele Kihlgren si è imbattuto in Santo Stefano di Sessanio negli anni ’90.

A Santo Stefano di Sessanio, un villaggio apparentemente congelato nel tempo, Sextantio offre picnic in cima alla montagna con pane locale, formaggi, vini, frutta e salumi. Il villaggio stesso ricorda ancora un ambiente tradizionale, con un caffè in una piazza, gente del posto che produce prodotti artigianali e un cameriere che, dopo aver servito le prelibatezze locali, spiega come le produce.

Altri “alberghi diffusi” hanno seguito lo stesso modello. Ora ci sono 150 hotel sparsi che stanno aprendo in tutta Italia. Sulla scia dell’impatto devastante della pandemia sull’economia turistica italiana – che rappresenta il 13% del PIL del paese – è probabile che questi giochino un ruolo fondamentale nel contribuire a rilanciare il settore, con gli hotel più tradizionali che devono ancora affrontare sfide nell’adattamento all’era del Covid .

Nunzia Taraschi, direttrice del Sextantio Albergo Diffuso, afferma che “non hanno cambiato nulla durante il Covid”.”Poiché questo concetto non è molto commerciale, non abbiamo molte stanze. Le stanze che si trovano all’interno delle piccole case sono distanziate. Questo è un progetto nato come un restauro più che un modello economico; ora questo è un vantaggio perché c’è molto spazio e distanza “.

La capacità del modello dell’albergo diffuso di soddisfare le esigenze dei turisti dell’era Covid senza la necessità di modifiche significative è stata recentemente evidenziata in un documento pubblicato dal Canadian Centre of Science and Education.

All’inizio di questo mese, l’Abruzzo è stato ufficialmente etichettato come “zona rossa” Covid, il che significa che ai turisti è vietato entrare nella regione. Taraschi dice che l’hotel ha ospitato gli ospiti fino a quando non sono state imposte le nuove restrizioni. “Abbiamo già richieste di camere a dicembre”, dice. “Avevamo clienti che poche settimane fa stavano a Sextantio e hanno detto che si sentivano più al sicuro qui che a casa in città”.

redazione

THEMILANER

foglio informativo indipendente dell'associazione MilanoMetropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.