Cavalli rapiti, una piaga legata al racket

Sono davvero molti, troppi i cavalli che vengono rapiti nel nostro Paese, le regioni più colpite da questo fenomeno sono il Lazio e la Puglia, ma i cavalli vengono rapiti ovunque ci siano allevamenti .

Per richiamare l’attenzione della giustizia su questo orrendo fenomeno che quasi sempre termina con la morte del cavallo e la sua macellazione clandestina, o, se il cavallo è figlio di campioni, con la richiesta di un riscatto, si è tenuta una marcia a Bracciano.

Ovviamente non bastano le marce e le leggi scritte se queste non sono rafforzate da punizioni esemplari. Occorrono punizioni e conseguenze impietose perchè possano avere effetto su chi viola e maltratta gli animali.

Importante è la sensibilizzazione di tutti noi contro questo tipo di reato che, come detto sopra, non viene perseguito adeguatamente, infatti negli ultimi 18 mesi sono stati ben 200 i cavalli rapiti e di loro non si è saputo più nulla.

E’ facilmente intuibile che dietro i rapimenti ci sia una rete bene strutturata di criminalità.

cavalli liberi… ma fino a quando?

ll furto degli animali è una piaga infinitamente dolorosa, sia per la crudeltà con cui vengono prelevate queste creature dalla loro terra e dai loro affetti, sia perchè possono rappresentare un concreto pericolo per la salute umana, non essendo animali destinati all’alimentazione e di conseguenza trattati con farmaci e sostanze che se ingerite porterebbero seri danni e conseguenze.

Quando incontrerete un branco di cavalli liberi un uno spazio aperto e ne rimarrete estasiati, ricordate che la loro libertà è minacciata da individui pericolosi che perseguono sempre e solo il guadagno anche difronte alla bellezza di animali tanto meravigliosi.

Manuela Valletti

fonte

THEMILANER

foglio informativo indipendente dell'associazione MilanoMetropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.