Orrore a Philadelphia: piovono dal cielo uccelli morti, si schiantano contro i grattacieli

Come sempre l’uomo costruisce senza pensare minimamente all’esistente, in questo caso l’esistente sono le migliaia di uccelli che occupano il cielo di Philadelphia e così circa 1.500 volatili sono stati trovati morti sui marciapiedi e i tetti di alcuni palazzi del centro città. Erano crollati dal cielo, dopo essersi schiantati sui grattacieli durante il volo migratorio. Soprattutto  cuculi, usignoli e pettirossi americani

Le collisioni dei grattacieli hanno ucciso fino a 1.500 uccelli migratori a Filadelfia, negli Stati Uniti, solo venerdì 2 ottobre, è stato rivelato.

L’assistente sociale in pensione Stephen Maciejewski fa volontariato per Audubon Pennsylvania e trascorre le mattine a recuperare le sfortunate carcasse delle vittime delle notti precedenti dalle strade del centro di Philadelphia, insaccandole e annotando dettagli come il percorso di volo, l’ora e il luogo dell’impatto. In genere, Maciejewski può trovare solo poche decine di uccelli ogni mattina, ma il 2 ottobre ha rivelato qualcosa di abbastanza scioccante.

In tre ore alle 8 del mattino, ha raccolto non meno di 400 uccelli da un piccolo tratto del centro città che copre abitualmente. Considerando che le squadre di manutenzione degli edifici e gli operai distrettuali spazzano le strade ogni mattina presto prima dell’arrivo dei pendolari, si stima che la cifra sia stata di 1.000-1.500 vittime. Estrapolando che sulla città di Filadelfia, potrebbe ammassare diverse migliaia di uccelli in una sola notte.

Parlando al  Philadelphia Inquirer , Maciejewski ha detto: “Così tanti uccelli stavano cadendo dal cielo, non sapevamo cosa stesse succedendo. È stato un evento davvero catastrofico. L’ultima volta che è successo qualcosa del genere è stato nel 1948”.

Si sospetta che una serie di fattori si siano combinati per creare la “tempesta perfetta” per un così alto numero di vittime il 2 ottobre. Un volo particolarmente ampio di uccelli migratori durante la notte negli Stati Uniti orientali sembrava coincidere con una luna piena e condizioni meteorologiche locali sfavorevoli a Filadelfia, con nuvole basse e pioggia leggera che probabilmente facevano volare gli uccelli migratori più in basso del normale.

Tali collisioni sono ben documentate in tutte le città degli Stati Uniti e l’impatto dei grattacieli sugli uccelli canori in migrazione è così ben riconosciuto che a luglio la Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti ha introdotto il Bird-Safe Buildings Act del 2019. Se approvato, richiederebbe agli edifici di utilizzare metodi progettati per eliminare gli incidenti degli uccelli. Esempi di vetro “bird-friendly” in fase di implementazione a New York hanno già dimostrato quale effetto positivo può avere sulla riduzione delle collisioni e la speranza è che questo sarà adottato più ampiamente nel prossimo futuro.

“Dobbiamo riunire le persone per rendere il vetro più amichevole per gli uccelli”, ha detto Maciejewski. “Stiamo contribuendo all’estinzione degli uccelli canori americani”.

Keith Russell, della Pennsylvania Audubon, ha aggiunto: “Questo è un grosso problema nel mondo della conservazione degli uccelli. Le stime sono da 350 a un miliardo di uccelli muoiono ogni anno in collisione con gli edifici”. 

THEMILANER

foglio informativo dell'associazione Milano Metropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.