La pessima gestione della pandemia ucciderà l’UE

Versione facilitata - L'Unione europea | Unione Europea

Il ritmo con cui Covid-19 si è diffuso in tutto il mondo ha spiazzato i governi e le istituzioni internazionali. Ma pochi hanno sperimentato l’entità del colpo di frusta attualmente in atto a Bruxelles. L’Unione europea ha iniziato quest’anno rinvigorita, dopo aver superato la Brexit con un’unità di intenti che in genere non le appartiene. Il suo nuovo gruppo dirigente, sotto la presidenza della Commissione Ursula Von der Leyen si era ripromesso di occuparsi del clima e dei problemi relativi al green ma non avava fatto i conti con la pandemia globale che l’avrebbe travolta.

L’unica questione che i leader mondiali hanno la capacità di affrontare in questo momento ha trascinato l’UE nelle sabbie mobili della sua stessa disfunzione. Da una lenta risposta politica alla crisi ad aspre faide interne su come mitigare gli effetti economici del coronavirus, gli Stati membri si sono rivoltati l’uno contro l’altro e su se stessi.

Martedì sera, Mauro Ferrari, il principale scienziato dell’UE, ha rassegnato le dimissioni dalla sua posizione a capo del Consiglio europeo della ricerca. In una dichiarazione al Financial Times , Ferrari ha descritto la sua frustrazione per la gestione da parte dell’UE dell’epidemia di coronavirus.

I nuovi studi non avvertono che i blocchi non dovrebbero essere completamente eliminati fino a quando non viene trovato il vaccino contro il coronavirusSono stato estremamente deluso dalla risposta europea a Covid-19 … Sono arrivato al CER un fervente sostenitore dell’UE [ma] la crisi di Covid-19 ha completamente cambiato il mio punto di vista”

Il Consiglio europeo della ricerca contesta la richiesta di Ferrari e ritiene che le sue dimissioni abbiano altre motivazioni. Ferrari però non è il solo a suggerire che la reazione immediata dell’UE alla crisi sia stata rallentata. “Dal primo giorno, l’UE stava combattendo una lotta in salita, mentre si affrettava a mettere insieme una risposta paneuropea a una crisi sanitaria senza alcuna reale autorità per farlo”, afferma Andrea Renda, ricercatore senior presso il Centro per l’Europa Studi politici.

Il problema principale che Bruxelles affronta ripetutamente è che deve funzionare a due velocità. Da un lato, il meccanismo dell’UE agisce come arbitro paneuropeo, coordinando le questioni che mettono il sindacato in pericolo, da una sede di potere centralizzata. Dall’altro, le decisioni su molte questioni sostanziali vengono prese attraverso accordi stipulati collettivamente tra gli Stati membri. E come abbiamo visto negli ultimi anni, hanno priorità molto diverse. Ogni volta che questa situazione si presenta, espone i limiti dell’UE.

È stato dimostrato che questo è il caso dal momento in cui la pandemia di coronavirus ha colpito il continente, in particolare in Italia, che ora conduce il record dei decessi. Mentre i funzionari dell’UE sottolineano rapidamente le misure adottate che hanno consentito al blocco di collaborare all’approvvigionamento di medicinali e attrezzature, quando si tratta di politica sanitaria, l’UE ha poca autorità. Occorre però dire che la UE non ha nemmeno provato a coordinare a livello centrale gli interventi contro il covid19

Il limite della UE è la tutela degli interessi nazionali da parte dei suoi membri, le nazioni non si fidano le une delle altre e tutte non si fidano della gestione dell’Unione.Questa settimana, gli Stati membri hanno affrontato il problema di come affrontare la tempesta economica causata dal coronavirus. La presenza della Germania, la quarta economia più grande del mondo, rende impossibile per gli stati più poveri proporre strategie che consentirebbero loro di affrontare la crisi. Negli ultimi 10 anni la politica della Germania improntata sul rigore nei conti pubblici ha demolito l’essenza stessa dell’Unione. 

Questo è lo sfondo delle discussioni di questa settimana tra i ministri delle finanze europei, che hanno lottato per concordare una risposta all’impatto economico di Covid-19 – una riunione di 14 ore martedì si è interrotta senza un accordo.Giovedì sera, gli Stati membri hanno concordato che un pacchetto di fondi da € 500 miliardi del meccanismo europeo di stabilità, la Banca europea per gli investimenti e la Commissione europea, per aiutare i paesi che lottano per pagare i servizi pubblici, mantenere a galla le imprese e aiutare le persone che hanno perso il lavoro a causa della crisi.

L’accordo è stato raggiunto solo dopo che i Paesi Bassi sono stati persuasi a rinunciare alla loro insistenza sul fatto che i fondi dovrebbero essere accompagnati da termini e condizioni rigorosi. Gli olandesi avevano resistito, scettici sul fatto che i destinatari avrebbero usato i soldi in modo responsabile e sulla loro capacità di attenersi in modo credibile a un programma di rimborso. Ma i Paesi Bassi sono stati alla fine conquistati da un accordo che limita la portata di come dovrebbero essere utilizzati i fondi.

 L’Italia ha discusso a favore dei cosiddetti coronabonds, che avrebbero raccolto fondi contro il debito europeo condiviso creando un asset interessante per gli investitori e sarebbero arrivati ​​senza difficolta, ma la proposta non è stata nemmeno discussa.

Questa è la più grave crisi internazionale degli ultimi decenni e sta mettendo in discussione le basi stesse del progetto europeo del dopoguerra. Anche se la diffusione della pandemia rallenta e la vita può gradualmente tornare a qualcosa che assomiglia alla normalità, gli effetti a catena degli ultimi mesi si faranno sentire per anni. Molto probabilmente l’UE trascorrerà i prossimi anni a riflettere su come ha reagito a questa crisi e se, nella sua forma attuale, gestirà meglio qualsiasi crisi simile in futuro.Come ha detto una fonte diplomatica alla CNN: “Dopo che questo è finito, non possiamo tornare tutti a sederci attorno al tavolo e fingere che ciò non sia accaduto”.

Fonte CNN

THEMILANER

foglio informativo dell'associazione Milano Metropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.