RSA: vietate le visite agli anziani. Forse si può fare di meglio.

Risultato immagini per ANZIANI E RSA

La nostra redazione sta ricevendo molte lettere da parte dei familiari degli anziani ospiti delle RSA che ci fanno presente i loro grande disagio per non poter andare a trovare i loro cari ricoverati.

In particolar modo vogliamo portare a conoscenza dell’assessore alla Sanità della Regione Lombardia Giulio Gallera, la condizione dei malati di Alzheimer che vivono in un equilibrio quanto mai precario e che non vedendo per molti giorni il viso dei familiari possono piombare in uno stato di abulia favorito anche dal male di cui soffrono.

Il problema è vissuto molto male anche dai figli dei ricoverati che perdono per un tempo molto lungo (un mese) il controllo sulle condizioni di salute dei loro cari e purtroppo alcune situazioni di maltrattamenti che sono state portate alla luce nei ricoveri per anziani anche recentemente, non contribuiscono a farli stare tranquilli. Sempre nei ricoveri vengono anche segnalati episodi di discriminazione nei confronti dei pazienti che possono ricevere visite e altri che non le possono ricevere (in base a che cosa) e anche il superattivismo delle badanti che fanno a gara per accaparrarsi i pazienti.

Alcuni suggerimenti

I parenti dei malati suggeriscono ad esempio di programmare le visite nell’arco della giornata e della settimana: un solo visitatore per ogni malato, controllato all’ingresso e magari ricevuto in un salottino e per poco tempo. Con un po’ di buona volontà forse si potrà arrivare ad una soluzione più ragionevole ed uguale per tutti.

Ricordiamo che i nostri anziani sono fragili e che l’assenza dei loro cari forse potrebbe risultare più pericolosa del virus che si vuole combattere.

Manuela Valletti

THEMILANER

foglio informativo dell'associazione Milano Metropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.