Il MIO CANTO È

Voce che non cerca potere
argilla che s’impasta con fatica
Giano che scruta  negli opposti
hortus conclusus e finestra aperta
frammento che aspira all’unità
verità segreta in cerca d’evidenza
veste di ruvida eleganza
senza orpelli o stravaganza
con i colori del cielo in trasparenza
e l’umile radice in consonanza
attenta al sogno, ai segni, a dire di natura
sempre, con meraviglia, la bellezza.

Rosa Maria Corti

THEMILANER

foglio informativo indipendente dell'associazione MilanoMetropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.