CANNABIS, il ritorno

Diciamo che siamo nella Svizzera orientale vicino al Lago di Costanza. Lo farà. ”Markus Lüdi non ha nulla da nascondere e non è in fuga dalla polizia, eppure preferisce essere discreto. Le sue piante di canapa indiana, alte due metri, potrebbero attirare sgradite attenzioni e il chimico botanico vuole distogliere lo sguardo curioso.

Qualcuno a cui piace fumare la roba potrebbe avere idee, dice, “ma sarebbe deluso qui”. Le piante contengono non più del 5% del THC costituente psicoattivo – “una concentrazione troppo piccola per chiunque cerchi una corsa alla marijuana”, osserva Lüdi, dando il benvenuto a swissinfo.ch nella sua coltivazione all’aperto.

Siamo su un pezzo di terra appartenente a una società di ricerca e sviluppo per materie prime vegetali. Qui, non lontano dalla strada principale e dai campeggi sulla riva del lago, Lüdi affitta un campo per coltivare canapa tra altri campi di mais e patate. La sua idea, dice, era sempre quella di far crescere le piante all’aria aperta, senza l’uso di pesticidi o fertilizzanti.

Attraversiamo una recinzione metallica. Coperti da un foglio di plastica, stanno maturando circa 200 piante di cannabis. Lüdi, che indossa un camice bianco e guanti in lattice, sta per raccogliere il raccolto annuale. 

Per il chimico di Berna Markus Lüdi è un giorno speciale: dopo mesi di attesa è giunto il momento di raccogliere la cannabis, in modo che da essa possa essere prodotta la medicina.

Le piante sono il risultato di una lunga selezione, spiega. Ciò che è importante non è la percentuale di THC, ma la proporzione di THC rispetto a un altro costituente attivo di cannabis, cannabidiolo (CBD). “Il THC è la molecola utilizzata in medicina. Ma è un narcotico. Una quantità sufficiente di CBD compensa gli effetti psicotropi. “

“Tutti mi hanno detto che non avrebbe mai funzionato”, afferma Lüdi, ricordando la reazione alla sua decisione di coltivare una pianta illegale. Era la fine degli anni Novanta e il chimico di Berna, che lavorava per un’azienda produttrice di essenze vegetali, era convinto del potenziale terapeutico ed economico della cannabis.  

Dice che c’era una specie di boom della cannabis in quel momento, con nuove applicazioni in campo medico. “Pensavo che la legge sarebbe presto cambiata. Invece ho dovuto aspettare più di dieci anni. ”Il passaggio è avvenuto nel 2008, quando gli elettori svizzeri hanno approvato l’uso medico della cannabis. Tuttavia, è stato solo nel 2011, quando è entrata in vigore la nuova legislazione, che Lüdi ha ricevuto la necessaria autorizzazione ufficiale – l’unica in Svizzera – a produrre e vendere una tintura di cannabis.

Che cosa dice la legge?

La legislazione svizzera vieta la coltivazione, il consumo e la vendita di cannabis con una concentrazione di THC di oltre l’1%. A parte questa percentuale, la cannabis è considerata una droga e ogni suo utilizzo richiede un’autorizzazione speciale.

Nel 2008, gli elettori svizzeri hanno respinto un’iniziativa per depenalizzare la cannabis. Allo stesso tempo hanno approvato la nuova legislazione federale sui narcotici , che ha introdotto un uso controllato e limitato della cannabis per scopi medici. Prima di allora era consentito solo nella ricerca.

Il gabinetto svizzero e la Camera dei rappresentanti sostengono l’idea di un progetto pilota per esaminare la fattibilità dell’approvazione di medicinali che usano la cannabis.

L’uso medico dell’impianto è legale o tollerato in diversi paesi europei (Germania, Italia, Spagna, Portogallo e Gran Bretagna), in America Latina e in 23 stati americani. Rimane illegale in gran parte dell’Asia e dell’Africa.

A metà pomeriggio la raccolta è terminata. Lüdi è soddisfatto: ha raccolto circa 100 kg di marijuana. L’odore pungente della resina riempie l’aria e entra nei vestiti. Una volta essiccata, la canapa andrà in un laboratorio a Burgdorf, nel cantone di Berna, per l’estrazione dei componenti attivi. È un processo molto semplice, dice. “Potresti farlo a casa.”

Lüdi ha un permesso speciale dall’Ufficio federale della sanità pubblica. Tutte le strutture coinvolte nella cannabis devono soddisfare criteri di sicurezza e l’intera produzione è soggetta a controlli rigorosi. E così dovrebbe essere, dice Lüdi. Scuote la testa, però, quando parla della quantità di burocrazia coinvolta. Coltivare la pianta madre, iniziare una nuova piantagione, eliminare i residui vegetali alla fine del raccolto – per ogni fase della produzione deve fare un’applicazione speciale.

Il requisito per i permessi, si rende conto, lo protegge da chiunque cerchi di fare la stessa cosa. Ha iniziato a lavorare sulla cannabis “a causa di un ideale”, dice. “Questa è una pianta che può dare sollievo a molte malattie gravi”. A 60 anni, spera di recuperare il suo investimento. Il 2015 è il primo anno in cui è stato in grado di guadagnarsi da vivere con la cannabis. Di che tipo di somme stiamo parlando? “Alcune centinaia di migliaia di franchi all’anno”, dice, aggiungendo che “non diventi ricco su [questa] erba”.

IL CHIMICO DELLA CANNABIS

“I pazienti vengono da me quando altri medicinali non sono riusciti a produrre risultati.”

Manfred Fankhauser, chimico

In quello che era un deposito per biciclette, c’è una raffica di attività. Come ogni pomeriggio, Manfred Fankhauser e i suoi assistenti stanno preparando i pacchi per la spedizione. L’ufficio postale chiude tra poche ore e non c’è tempo da perdere.  

Le medicine di cannabis sono allineate su uno scaffale, 24 scatole per lo stesso numero di pazienti in tutta la Svizzera. La maggior parte contiene una soluzione a base di THC, il dronabinol, un medicinale che Fankhauser prepara direttamente nella sua farmacia a Langnau, nel cantone di Berna. Poi ci sono le tinture naturali realizzate da Markus Lüdi, il suo socio in affari.

La cannabis agisce contro la nausea e il vomito nei pazienti sottoposti a chemioterapia. Stimola l’appetito nei pazienti con AIDS e allevia gli spasmi nella sclerosi multipla. “I pazienti vengono da me quando altri medicinali non sono riusciti a produrre risultati”, dice.

Nel 2007, quando iniziò a lavorare con la cannabis, c’erano cinque pazienti; oggi ce ne sono circa 600. Con nuove richieste in arrivo ogni settimana, Fankhauser ha assunto un assistente solo per le chiamate sul campo. E il luogo in cui teneva le biciclette nella sua casa di famiglia è stato trasformato in un “deposito di cannabis” sotto sorveglianza video e allarme. La sua materia prima, puro THC in fiale di vetro, è conservata in un luogo sicuro.

Fankhauser, 52 anni, è stato il primo chimico in Svizzera a rimettere la cannabis sugli scaffali delle farmacie. “Le proprietà medicinali della cannabis sativa sono note da migliaia di anni”, spiega. Conosce la sua materia, perché tiene un corso di storia della farmacia presso l’istituto federale di tecnologia ETH di Zurigo.

Tra il 1850 e il 1950, in Svizzera e nei paesi industrializzati c’erano oltre 100 medicine contenenti cannabis, dice.  

La difficoltà di approvvigionamento alla fine della seconda guerra mondiale (la pianta è stata coltivata in India), l’ascesa di medicinali chimici più stabili ed efficaci e la crescente demonizzazione della marijuana, culminata in un divieto internazionale negli anni ’60, hanno posto fine a il suo uso. Manfred Fankhauser ricorda che “la legge svizzera vietava l’uso medicinale di qualsiasi parte della pianta”.

Tuttavia, sottolinea che non vi era alcun divieto di cannabinoidi sintetici. Questa scappatoia gli ha permesso di ottenere l’autorizzazione per importare THC ottenuto dalla scorza di limone dalla Germania nel 2007.

Ma come figlio di un contadino, Fankhauser è ansioso di sfruttare tutto il potenziale di una pianta “senza eguali nel mondo vegetale”. La sua idea è un estratto naturale da produrre in Svizzera – una tintura di cannabis, come ai tempi della regina Vittoria. A differenza del dronabinol, questa tintura conterrà non solo il THC ma tutti i principi attivi della cannabis, osserva.

L’incontro con Lüdi e la nuova legge sulla droga nel 2011 sono stati gli inizi di una storia di successo che non si aspettava.  

Manfred Fankhauser

Da allora è diventato noto nel suo villaggio come “il chimico della cannabis”, racconta con un certo divertimento. La maggior parte delle medicine con cannabis ora distribuite in Svizzera sono prodotte nella sua farmacia a Langnau, una normale farmacia nel centro della città.  

Sottolinea che la sua motivazione sono i pazienti. “Quando senti parlare alcuni pazienti, ti rendi conto dell’entità della loro sofferenza.”  

Fankhauser non nega che la cannabis sia redditizia e rappresenti il ​​20% delle sue vendite.  

I prezzi che fa pagare sono alti, ammette. “Ma è davvero una questione di domanda e offerta: la cannabis rimane un prodotto di nicchia.” La nicchia sta diventando più grande, tuttavia: la concorrenza all’interno e all’esterno della Svizzera sta crescendo e nuovi prodotti stanno comparendo sul mercato, dagli spray somministrati per via orale alla canapa olio.  

Fare una medicina con la cannabis non è una cosa semplice, sottolinea. I costi – per analisi di laboratorio, controllo di qualità e garanzia di stabilità del prodotto – sono elevati e il THC che importa per produrre dronabinol costa fino a CHF 1.700 ($ 1,815) al grammo. Lo sforzo burocratico richiesto è considerevole, con i permessi che devono essere rinnovati ogni tre mesi e, nonostante la crescente apertura, lo stigma che circonda la cannabis rimane un problema, dice.

Fankhauser sa di non avere alcun margine di errore, sia nel dosaggio che nell’invio di medicinali. È sotto l’occhio vigile dell’ufficiale di farmacia cantonale, che periodicamente deve giustificare l’uso medicinale della cannabis quando ha a che fare con politici e autorità sanitarie locali. La difficoltà, come sottolinea Fankhauser, è sempre andare oltre il tabù della droga e tracciare una linea tra l’uso ricreativo e le applicazioni mediche.

laude Vaney, neurologo capo del Berner Klinik a Crans-Montana, nel Canton Vallese, non ha dubbi. “La cannabis è una medicina”, afferma. A differenza della morfina, non provoca dipendenza e non esiste una dose letale, dice. Le persone possono overdose di sonniferi come un modo per suicidarsi; con la cannabis non si può fare.

Fu un suo paziente, 20 anni fa, a portarlo alla scoperta della cannabis. “Mi ha detto che per alleviare il dolore, ha fumato una canna”, ricorda Vaney.

Curioso per questo, ha ottenuto una sovvenzione dal governo federale per studiare gli effetti della cannabis (somministrata in forma di capsule) su pazienti con sclerosi multipla. “Il livello oggettivo di spasticità misurato non è cambiato. Lo ha fatto il livello soggettivo: i pazienti hanno affermato di sentirsi meglio e di dormire meglio di notte “, spiega.

Claude Vaney

“La cannabis allevia il dolore, non curerà la malattia.”

Claude Vaney, neurologo

Vaney, 63 anni, è consultato non solo da pazienti affetti da sclerosi multipla, che hanno una malattia incurabile che colpisce 8.000 persone in Svizzera. Ci sono anche persone che soffrono di lesioni al midollo spinale (causate da incidenti stradali o cadute), fibromialgia ed emicranie gravi.

“Dico loro di iniziare con una piccola dose, presa in presenza di un’altra persona, e vedere come funziona. Sottolineo sempre una cosa: la cannabis allevia il dolore, non curerà la malattia “.

Il dottore di Losanna non ha illusioni: la cannabis non è una panacea. Nella sua esperienza, aiuta nel 30-40% dei casi. “Il suo potenziale non è del tutto noto”, sottolinea. Crede che la crescente conoscenza dei recettori del THC e di altri cannabinoidi nel corpo umano possa portare alla scoperta di un potenziale terapeutico non realizzato.

Rudolf Brenneisen ha trascorso 30 anni a studiare piante psicotrope e componenti attivi della cannabis. Capo della task force svizzera sui cannabinoidi in medicina e consulente del Laboratorio di narcotici delle Nazioni Unite , ritiene che l’impianto abbia molto altro da offrire. “Non conosco nessun altro con il suo potenziale”, afferma.

“L’uso della cannabis per scopi particolari non è in discussione.” 

Gert Printzen, Associazione medica svizzera

Come il coltivatore e il farmacista, Vaney ha bisogno di un’autorizzazione speciale da parte delle autorità sanitarie. Agli occhi della legge, deve assumersi la piena responsabilità della prescrizione di cannabis.

I medici che prescrivono cannabis sono un numero crescente (350 nei primi cinque mesi del 2015 rispetto a 250 nello stesso periodo del 2014) ma rimangono “una minoranza”, afferma Gert Printzen, che fa parte del comitato direttivo dell’Associazione medica svizzera. L’uso della cannabis per scopi particolari non è in discussione e ci sono eccellenti pubblicazioni scientifiche a sostegno di ciò, ha detto a swissinfo.ch via e-mail.  

La reticenza, osserva, è più dalla parte dell’opinione pubblica e dei politici. Quando parli dell’uso terapeutico della cannabis, è sempre una questione politica, dice, ma i narcotici e la medicina devono essere distinti.

Questa distinzione non è così chiara per Andrea Geissbühler, un ufficiale di polizia e parlamentare per il Partito popolare svizzero di destra conservatrice. “La cannabis rimane una droga e il rischio di abuso è grande. La generalizzazione della distribuzione dei medicinali è un passo avanti verso la legalizzazione “, afferma.

Eppure la cannabis è una sostanza con meriti terapeutici che vale la pena provare, insiste Vaney. I pazienti non cercano un’esperienza farmacologica ma un semplice sollievo, una sensazione di benessere. 

IL PAZIENTE

Monika Koella, 58 anni, ha dolori ovunque: nella schiena, nel collo, nelle articolazioni, nello stomaco. Manca una parte del suo intestino e un impianto di neurostimolazione sotto la sua pelle sta inviando impulsi elettrici costanti al suo cervello. Nonostante circa 40 interventi chirurgici e tutti i tipi di test, non può dare un nome alla sua malattia.

I medici non sono stati in grado di diagnosticare, dice a swissinfo.ch nella sua casa di Berna. L’unica cosa di cui è sicura è la realtà del dolore cronico da oltre 30 anni.

“La cannabis è il mio salvavita.”

Monika Koella, paziente

Per alleviare il dolore, ha provato di tutto: antidolorifici a dosi sempre maggiori, oppiacei e trattamenti sperimentali. Tutto invano. Ad un certo punto il sollievo iniziale è sempre scomparso e gli effetti collaterali sono diventati sempre più onerosi.

Un giorno un’amica le mostrò un opuscolo. “Ha parlato di una medicina con cannabis, il dronabinol. L’ho trovato interessante e ho avuto il bisogno di provarlo. ”Tre anni dopo, la cannabis è il suo“ salvavita ”, dice. Prende ancora il suo cocktail quotidiano di sette medicine. Lei non può fare diversamente. Ma da quando ha scoperto le gocce di Manfred Fankhauser, ha ridotto il consumo di oppiacei e sonniferi.  

“È solo una questione di tempo prima che la cannabis ritorni per sempre negli scaffali delle farmacie”.

Rudolf Brenneisen, farmacologo

Dodici gocce al giorno, di solito la sera, non sono sufficienti e Koella vorrebbe aumentare la sua dose – non per aumentare l’effetto, ma per diffondere le gocce nel corso della giornata in modo da avere sempre del THC nel flusso sanguigno.  

Ma ogni goccia è preziosa. La sua bottiglietta di medicina, che dura meno di due mesi, costa 900 franchi. Questo costo è coperto dalla sua assicurazione sanitaria – per ora. Ha paura che la compagnia assicurativa possa smettere di pagare; avrebbe questo diritto ai sensi della legge attuale. Circa la metà di tali richieste alle compagnie di assicurazione sanitaria sono accettate, afferma l’Ufficio federale della sanità pubblica.

Per Margrit Kessler del centrist Liberal Green Party, questo non è sufficiente. Come presidente della Swiss Patients Organisation, desidera vedere l’approvazione automatica e semplice dei medicinali che usano la cannabis. La procedura di approvazione è complessa e i prezzi delle medicine naturali sono troppo alti, ha affermato in una mozione parlamentare.

Secondo l’attuale sistema, molti pazienti affetti da dolore cronico preferiscono auto-medicare – illegalmente. A giugno, la maggioranza sostanziale della Camera dei Rappresentanti ha accettato la sua mozione e il governo ora favorisce l’idea di uno studio “per chiarire le questioni scientifiche, metodologiche e legali relative all’uso dei fiori di cannabis”.

Nel frattempo, Koella preferisce prendere le sue gocce con precisione. A volte nemmeno il dronabinol ha un effetto. Ma vivere senza la sua “miracolosa” bottiglietta di medicina sarebbe impensabile. “Mi ha restituito parte della mia vita”, afferma.

Chiamando cannabis “l’aspirina del 21 ° secolo”, come fanno alcuni, è un’esagerazione, Fankhauser pensa. “Per quasi tutte le situazioni in cui può essere utilizzato, ci sono anche altre medicine”. Ma spera che i pazienti saranno in grado di accedere alla cannabis in modo tempestivo e non come ultima risorsa.  

È solo una questione di tempo prima che la cannabis ritorni per sempre negli scaffali delle farmacie, ritiene Brenneisen. “Basta guardare cosa sta succedendo in un certo numero di stati americani o in Uruguay.”

Altrettanto ottimista, Vaney prevede che tra cinque o dieci anni l’uso della cannabis in Svizzera sarà molto diffuso. “La vendita gratuita di cannabis a scopi terapeutici potrebbe aiutare [i pazienti] a vivere meglio”.

Autore

Luigi Jorio

(Traduzione dell’italiano Terence MacNamee)

immagini

Thomas Kern

video

Carlo Pisani

Produzione

Duc-Quang Nguyen
Giuseppe Ciliberto
Florian Gilgen
Devaprakash Giretheren
Filipa Cordeiro

@ swissinfo.ch

THEMILANER

foglio informativo dell'associazione Milano Metropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.