Svizzera: fumare canne per salvare le pensioni

Questo articolo, preso da SWISSINFO CH , non è una bufala, ma il punto di vista di un giovane svizzero, discusso anche in parlamento. Che ne pensate:





Salvaguardare il sistema pensionistico svizzero dal collasso. Intende farlo Valerio Paganini, di Coira, nel cantone Grigioni. Il 18enne, tecnico di impianti di riscaldamento, ritiene che il rimedio possa essere l’uso legalizzato di cannabis. Paganini è uno dei vincitori del concorso “Cambia la SvizzeraLink esterno“.

Si tratta di una delle maggiori sfide con cui sono confrontati gli Stati europei attualmente: la sicurezza finanziaria dei loro sistemi pensionistici. 

La SvizzeraLink esterno non fa eccezione. Anche qui la popolazione invecchia sempre di più. In altre parole, sempre meno lavoratori finanziano le pensioni di un numero crescente di anziani. Una situazione che non può durare. Il collasso rischia di essere imminente. 

Un giovane e intraprendente grigionese sta cercando ora di riuscire dove parlamentari e ministri fino ad oggi hanno fallito.

Valerio Paganini
Una tassa sulla cannabis per assicurare la pensione alla sua generazione. È l’idea presentata da Valerio Paganini nel concorso “Cambia la Svizzera!”
(DSJ)

Per una volta, l’obiettivo di Paganini non è trovare una falla di un impianto di riscaldamento ma, anche con il sostegno di suo fratello, quello di individuare una fonte di finanziamento per l’AVS, l’assicurazione svizzera per la vecchiaia.

Perché si interessa all’AVS, neanche lui lo sa con precisione. Però il futuro di “primo pilastro” della previdenza elvetica riguarda tutti ed è un tema trasversale che coinvolge tutti i partiti, dice lapidario Paganini. 

Due piccioni con una fava

Quello che i fratelli Paganini vogliono concretamente portare nell’arena politica è una tassa sui prodotti a base di cannabis. Il conseguente gettito fiscale confluirebbe nelle casse del sistema pensionistico – come già avviene per il tabacco. 

I montanari in Svizzera hanno la reputazione di essere ingegnosi. Paganini con la sua idea prenderebbe due piccioni con una fava, risolvendo un problema politico altamente esplosivo. 

Una tale tassa sarebbe però possibile solo con una legalizzazione della cannabis, considerata una droga leggera.

 16 su 350

Paganini non ha tenuto l’idea per sé. L’ha proposta nel concorso “Cambia la Svizzera!”. Nel corso di 6 settimane, da metà febbraio fino alla fine di marzo 2019, i giovani fino ai 25 anni hanno potuto presentare le loro proposte tramite la piattaforma engage.ch.

L’idea di Paganini è stata una delle 16 vincitrici tra le 350 inviate. A selezionarle sono stati i 16 membri più giovani del parlamento svizzero. 
La proposta di Paganini è stata scelta da Fabian Molina, deputato alla Camera bassa per i Giovani Socialisti. Il prossimo 17 giugno il tecnico 18enne grigionese incontrerà il parlamentare 28enne zurighese. Non in un bar, ma al Palazzo federale a Berna. 

Insieme formuleranno una proposta scritta. Riuscire a spuntarla concretizzando l’idea, però, sarà un altro paio di maniche. 

Un mese prima del loro incontro, il 19 maggio il popolo voterà proprio su una proposta di finanziamento dell’AVS che non ha nulla a che veder con la cannabis ma che sarà legato alla riforma della fiscalità delle imprese tramite un sistema di compensazione.


THEMILANER

foglio informativo dell'associazione e d'opinione dell'associazione Milano Metropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.