Caccia agli evasori anche sui social

Parla il colonnello Vinciguerra il cacciatore di evasori che li stana usando i social network

Social network e banche dati sono due grandi alleati della Guardia di Finanza nella lotta all’evasione: lo spiega il colonnello Luigi Vinciguerra, fra i principali cacciatori di evasori fiscali in Italia, in un’intervista a Repubblica.

“I social network rappresentano ormai una maniera di comunicare abituale per chiunque”, ha sottolineato, “bene, se ci rendiamo conto – dagli abiti indossati, fotografie di viaggi – che c’è qualcosa che non torna, cerchiamo di approfondire”.

“Detto questo”, ha aggiunto il colonnello dell’Ufficio tutela entrate, “abitualmente gli strumenti che usiamo sono altri: banche dati apparentemente separate, per esempio, ma che in realtà mettiamo in collegamento tra loro”.

“Ciascun comportamento ha poi in qualche maniera un ricasco fiscale“, ha aggiunto Vinciguerra, “per esempio: se becchiamo qualcuno a produrre capi contraffatti, cerchiamo la manodopera irregolare. E poi i soldi che non hanno dichiarato: sono sempre reinvestiti in attività legali”, in particolare con “i trasferimenti all’estero”. “Il meccanismo è il solito: società fittizie spesso schermate da trust. E prestanome”, ha spiegato. 

THEMILANER

foglio informativo dell'associazione e d'opinione dell'associazione Milano Metropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.