Che aspetto ha la sicurezza?

Di Salvatore Vitale (fotografie), Daniel Rihs (redazione fotografica/testo)

Terrorismo, cybercriminalità, cambiamenti climatici, migrazione: la gamma di minacce reali o percepite in Svizzera è ampia. Di conseguenza, svariate sono anche le relative misure preventive adottate nel Paese, considerato uno dei più sicuri del mondo.

Chi è responsabile della sicurezza? Chi dovrebbe essere protetto e da cosa? Che aspetto ha questa protezione?

Delle questioni esplorate dal fotografo e pubblicista Salvatore Vitale Link esterno nel suo lavoro “How to Secure a Country”. L’artista italo-svizzero ha cercato le immagini nelle istituzioni che hanno ufficialmente il compito di proteggerci.

La sicurezza è un business miliardario. Esercito, polizia e guardie di confine da tempo non sono più gli unici attori. Fra questi figurano per esempio anche i servizi meteo, il Centro svizzero di calcolo scientifico (CSCSLink esterno) o l’Istituto di robotica e sistemi intelligenti (IRISLink esterno).

Dallo stupore allo shock

Salvatore Vitale aveva appena vent’anni quando ha lasciato la Sicilia per studiare a Lugano. Non aveva praticamente alcuna idea della Svizzera. Per questo motivo si è stupito nel vedere il ripostiglio di cui disponeva il suo primo appartamento in affitto: si trattava di un rifugio antiaereo situato in cantina, come è uso comune in Svizzera.

Dieci anni dopo, Salvatore Vitale si sentiva a casa in Svizzera. Ma quando nel 2014 l’iniziativa “contro l’immigrazione di massa”, lanciata dalla destra conservatrice, è stata approvata in votazione popolare, per lui è stato uno shock. Ha iniziato a ricercare cosa significhi vivere in uno dei paesi più sicuri del mondo e quali sono le paure ad esso legate.

Le fotografie di Salvatore Vitale forniscono solo risposte limitate, ma stimolano la discussione. E alla domanda posta dall’allestitore della mostra, ogni singolo visitatore deve rispondere per sé stesso: “A quanta libertà siamo disposti a rinunciare per la nostra sicurezza?

Il progetto di ricerca visiva di Salvatore Vitale è in mostra fino al 26 maggio 2019 alla Fotostiftung SchweizLink esterno a Winterthur, nel cantone di Zurigo.

fonte

THEMILANER

foglio informativo indipendente dell'associazione MilanoMetropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.