Inaugurato ieri il cinema Anteo a Porta Nuova con dieci sale e una biblioteca

Il Palazzo del Cinema, inaugurato ieri 8 settembre alle 17 e si pone al centro di questa rete urbana, ospita dieci sale (che hanno nomi di storici cinema milanesi), tra cui una on-demand (si può noleggiare e scegliere il film) e un cinema-ristorante. Ma gli schermi sono soltanto una delle offerte: ci sarà un caffè letterario, una biblioteca, un bar, un bistrot, uno spazio per bambini e poi verranno organizzati incontri ed eventi di tanti generi. «Apriremo alle 10 del mattino — spiega Lionello Cerri tra i fondatori di Anteo e amministratore delegato della società — perché ci rivolgiamo a molti tipi di pubblico, secondo un’idea ampia di accoglienza, in una zona che è sempre più importante come polo culturale e dello svago». A dare forma concreta al progetto, Riccardo Rocco, architetto cha lavora con Anteo da tanti anni e autore, tra le altre cose, della ristrutturazione del cinema nel 1997 e della progettazione del multisala Apollo. «Il Palazzo del Cinema dove siamo ora — racconta Rocco — ha origine come Casa del Fascio, poi ha vissuto diverse trasformazioni, da sezione del Pci a scuola a comando della polizia locale. È un posto che ha una storia e che racconterà storie».

Rocco parla mentre fa lo slalom tra i rumori e le polveri dei lavori frenetici delle ultime ore e gli squilli del cellulare: «Mi piace pensare — aggiunge — che lo stesso Anteo, nel tempo, sia stato uno dei principali artefici della trasformazione di questo quartiere». Per chi entra per la prima volta, il palazzo è un piccolo dedalo dove ogni angolo riserva una sorpresa: l’ingresso di una sala, una birreria, un giardino (ci sono comunque i cartelli indicatori). In uno di questi spazi, Sergio Oliva, uno dei soci di AnteoSpa e anima della programmazione artistica, riflette: «Quando nacque Anteo, nel 1979, questa zona era poco frequentata. Ora questo è un luogo cruciale su un asse che parte dalle sedi del Piccolo Teatro all’inizio di corso Garibaldi e si sviluppa fino a piazza Gae Aulenti. In tutto ciò — prosegue — manteniamo la nostra identità, con scelte di cinema autoriale, con pellicole di qualità che passano dai festival, ma senza disdegnare lo svago, quando però la risata è un momento di crescita».

Proprio quello di «crescita» è un concetto che ricorre nella parole di Oliva, ma anche di Cerri e di Rocco, che con il Palazzo del Cinema hanno realizzano un sogno comune. Dice l’architetto: «Vedo tutta la città in evoluzione e con grandi potenzialità, l’importante è non perdere la concentrazione e l’impegno nello sviluppo e non farsi travolgere dai problemi e dagli intoppi della politica nazionale». Questo, per quanto riguarda l’evoluzione sociale. Per l’individuo, invece, sottolinea Oliva: «Nella nostra concezione, il cinema è formazione condivisa, perciò abbiamo una particolare attenzione nei confronti dei giovani. Volendo, si può venire qui e passare del tempo senza neanche vedere un film, ma magari leggendo, seguendo un incontro o chiacchierando di cinema». Un luogo all ’avanguardia al centro di una zona del futuro. Riccardo Rocco sorride e precisa: «Prima di tutto, una zona del presente».

FONTE

THEMILANER

foglio informativo indipendente dell'associazione MilanoMetropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.