Cura del glaucoma: colliri, chirurgia e impianti valvolari

Il glaucoma è una malattia cronica e progressiva, le cui cause non sono ancora note. Colpisce il nervo ottico e rappresenta la seconda causa di disabilità visiva al mondo.

Il professor Paolo Vinciguerra, Responsabile del Centro Oculistico di Humanitas, spiega: “Il glaucoma si manifesta con tre fattori: un’elevata pressione dell’occhio che causa deterioramento del nervo ottico e conseguente danneggiamento del campo visivo. Affinché si tratti di glaucoma occorre la presenza di tutti e tre questi fattori.

La diagnosi del glaucoma è spesso tardiva e l’impatto sociale di questa patologia è molto rilevante”.

Come si effettua la diagnosi del glaucoma?

Non esistono strategie preventive nel caso del glaucoma, così come nel caso di altre patologie oculari. È però fondamentale la diagnosi precoce, perché “permette di giocare di anticipo, sottoponendo il paziente a una terapia meno invasiva e meno demolitiva”, precisa il professor Vinciguerra.

Nel caso del glaucoma, la diagnostica avanzata ad alta tecnologia è in grado di prevedere come evolveranno la vista e il campo visivo, fornendo così allo specialista indicazioni utili sul trattamento più appropriato.

Come si cura il glaucoma?

La terapia prevede inizialmente la somministrazione di colliri. Laddove questi non siano sufficienti a diminuire la pressione oculare o il danno a carico del campo visivo, si rende necessario l’intervento chirurgico (trabeculectomia) o trattamenti parachirurgici, come il laser.

“Assumono poi una sempre maggiore rilevanza gli impianti valvolari, indicati soprattutto nei pazienti con glaucoma avanzato o nei quali l’intervento chirurgico tradizionale non ha dato i risultati sperati, quando esistano le condizioni per poter effettuare un intervento che, con le nuove tecnologie è assai meno invasive e consente un recupero pressoché immediato.

È un intervento nuovo, poco invasivo, che grazie a valvole drenanti in grado di sfiatare l’occhio malato, ristabilisce la corretta pressione oculare”, spiega il prof. Vinciguerra.

fonte

THEMILANER

foglio informativo indipendente dell'associazione MilanoMetropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.