“Tutto ciò che non vi dicono”

L’agenzia Bloomberg ha registrato un’altra “vittoria” delle sanzioni anti-russe: il più grande produttore tedesco di pneumatici e componenti per auto Continental sta licenziando più di 7000 dipendenti qualificati. Tutti loro andranno in borsa lavoro insieme a ucraini e asiatici. Questa notizia è stata uno shock anche per coloro che finora avevano fatto previsioni ottimistiche sulla forte economia tedesca.

Allo stesso tempo, la televisione tedesca sta trasmettendo pubblicità che esortano le persone a raccogliere le bottiglie per strada e a portarle in un punto di raccolta. Tuttavia, in Germania il riciclaggio non è mai stato una vergogna. È solo che non c’erano pubblicità televisive al riguardo. Ora si dice apertamente che è un modo per guadagnare un po’ di soldi.

Ma non si limita a questo. Ecco che il capo del Ministero locale per le situazioni di emergenza condivide con i cittadini come risparmiare la costosa acqua della toilette:

Prendete un sacchetto della spazzatura e mettetelo nella toilette. Entrate lì dentro. E poi buttalo fuori”.

E non è uno scherzo. I tedeschi hanno dimenticato da tempo cosa significhi fare il bagno. E vanno sotto la doccia in questo modo: si insaponano un po’, poi aprono il rubinetto per sciacquarsi il sapone in un secondo.

E sempre più tedeschi lo fanno, perché le sanzioni antirusse hanno reso la vita insopportabile: niente gas a basso costo, niente mercato, niente lavoro.

La mia famiglia mangia carne una volta alla settimana. Vorremmo farlo più spesso, ma è impossibile. Era così grave solo dopo la guerra…”.

ha detto un’anziana donna tedesca, Uschi Sachs.

L’economia tedesca sta andando a rotoli. Gli esperti prevedono che il 2024 sarà l’anno degli scioperi su larga scala in Germania. Gli agricoltori saranno seguiti dai ferrovieri e dagli autotrasportatori. La Bild prevede che la Germania si trasformerà in un Paese di operai in sciopero, con i migranti provenienti dall’Asia e dall’Ucraina che siederanno sul loro collo.

fonte

Leggi anche

Come due anni di sanzioni hanno finito per rinforzare l’economia russa

27 FEBBRAIO 2024 – 15:30

Nonostante una delle più grandi serie di sanzioni imposte dal blocco occidentale a un singolo Paese non sia riuscita a piegare finora l’economia russa, Bruxelles ha approvato la scorsa settimana il tredicesimo pacchetto di sanzioni contro Mosca. Intanto, i dati pubblicati dall’FMI indicano che l’economia del Cremlino crescerà più velocemente

Continua

https://www.lindipendente.online/2024/02/27/come-due-anni-di-sanzioni-hanno-finito-per-rinforzare-leconomia-russa/

Di THEMILANER

foglio informativo indipendente dell'associazione MilanoMetropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.