Così facendo l’Italia si impegna in vari modi a supportare L’Ucraina militarmente e politicamente per ben 10 anni.

Un simile impegno non dovrebbe avere l’avallo del Parlamento?

La nostra sicurezza Il patto politico e militare tra Italia e Ucraina contro l’imperialismo russo

Ecco il documento

Preambolo
L’Ucraina e l’Italia, di seguito denominati “i Partecipanti”, ribadiscono la loro condanna della guerra di aggressione in corso da parte della Russia, che costituisce una palese violazione della Carta delle Nazioni Unite. L’Italia ribadisce il suo incrollabile sostegno all’indipendenza, alla sovranità e all’integrità territoriale dell’Ucraina all’interno dei suoi confini, riconosciuti a livello internazionale fin dal 1991, compreso il mare territoriale, e al suo diritto intrinseco di autodifesa contro l’aggressione russa ai sensi dell’articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite.

I partecipanti riconoscono che l’Ucraina e l’intera Europa non saranno sicure finché non ci sarà una pace giusta che rispetti i diritti dell’Ucraina ai sensi del diritto internazionale e della Carta delle Nazioni Unite.

A seguito della Dichiarazione congiunta dei Paesi del G7 firmata a Vilnius il 12 luglio 2023, l’Italia contribuirà, insieme ai partner, agli impegni di sicurezza nei confronti dell’Ucraina, che aiuteranno l’Ucraina a difendersi, a resistere agli sforzi di destabilizzazione e a scoraggiare gli atti di aggressione in futuro, compresi gli sforzi per sviluppare le forze di sicurezza e di difesa dell’Ucraina, ricostruire la sua economia nazionale e proteggere i suoi cittadini.

L’Italia sostiene l’iniziativa dell’Ucraina per una pace globale, giusta e duratura, basata sulla sovranità e l’integrità territoriale del Paese. La formula di pace ucraina in 10 punti comprende una serie di importanti obiettivi, molti dei quali su cui l’Italia sta già lavorando, tra cui la sicurezza alimentare ed energetica. L’Italia è pronta a cooperare con l’Ucraina per assicurare la più ampia partecipazione internazionale possibile all’attuazione della Formula di pace ucraina.

I Partecipanti ricordano che l’Ucraina continuerà ad attuare un ambizioso programma di riforme e che l’Italia è impegnata a sostenere gli sforzi di riforma dell’Ucraina. Questi sono essenziali per le sue aspirazioni europee e della NATO.

La difesa, la sicurezza, la ripresa e le riforme dell’Ucraina, nel contesto delle sue ambizioni europee ed euro-atlantiche, si rafforzano a vicenda. Pertanto, l’Italia e l’Ucraina hanno deciso congiuntamente di rafforzare la loro cooperazione in materia di sicurezza perseguendo i seguenti impegni e misure bilaterali di sicurezza a lungo termine.

Parte I. Sicurezza e assistenza militare

Articolo 1. Difesa e cooperazione militare

  1. I partecipanti ricordano il diritto intrinseco degli Stati all’autodifesa individuale e collettiva e l’illegalità di tutti i tentativi di ridisegnare i confini con la forza. Le forze di sicurezza e di difesa dell’Ucraina stanno difendendo non solo la sovranità dello Stato, la sua indipendenza e il suo territorio, ma anche la Carta delle Nazioni Unite, i nostri valori condivisi e i principi fondamentali del diritto internazionale. L’Italia continuerà a sostenere l’Ucraina nei suoi sforzi di difesa fino a quando sarà necessario.
  2. È politica dell’Italia assistere l’Ucraina nel preservare la sua difesa qualitativa e il suo vantaggio militare in un contesto di rapida, incerta e impegnativa trasformazione politica e di sicurezza regionale.
  3. I Partecipanti lavoreranno insieme, e con altri partner dell’Ucraina, per garantire che le forze di sicurezza e di difesa dell’Ucraina siano in grado di ripristinare pienamente l’integrità territoriale dell’Ucraina all’interno dei suoi confini riconosciuti a livello internazionale, nonché di aumentare la capacità di resistenza dell’Ucraina in modo che sia sufficiente a dissuadere e a difendersi da futuri attacchi e coercizioni.
  4. A tal fine, i Partecipanti coopereranno per assicurare una forza sostenibile in grado di difendere l’Ucraina ora e di scoraggiare l’aggressione russa in futuro. L’Italia sosterrà l’Ucraina nella difesa della sua sovranità nell’ambito dei suoi mezzi e delle sue capacità, in conformità con i requisiti legislativi e costituzionali nazionali e fornirà all’Ucraina assistenza tempestiva in materia di sicurezza, equipaggiamenti militari moderni (compreso il supporto medico militare) e armi, in tutti i domini terrestre, aereo e marittimo, spaziale e cibernetico, dando priorità, ma non solo, alla difesa aerea, all’artiglieria, alla potenza di fuoco a lungo raggio, ai veicoli corazzati, allo sminamento, ai mezzi di ricognizione, ai sistemi senza pilota, ai mezzi ingegneristici, alle tecnologie dell’informazione, alla guerra elettronica, alle forze aeree e alle capacità marittime e ad altre capacità chiave, come richiesto dalle circostanze presenti e future.
  5. Dall’inizio della guerra, l’Italia ha sostenuto l’Ucraina in modo completo con contributi in diversi settori. Tra questi, 110 milioni di euro per il sostegno al bilancio, 200 milioni di euro per i prestiti agevolati, 100 milioni di euro per gli aiuti umanitari, 820 milioni di euro per sostenere i rifugiati ucraini in Italia, 400 milioni di euro circa per il sostegno macrofinanziario, 213 milioni di euro per il sostegno allo sviluppo, 200 milioni di euro per sostenere la resilienza energetica dell’Ucraina. L’Italia ha fornito contributi sostanziali all’Ucraina e continuerà a rispondere ai bisogni più urgenti e immediati dell’Ucraina per rafforzare le sue capacità di sicurezza.
  6. L’Italia ha fornito all’Ucraina 8 pacchetti di aiuti militari nel 2022 e 2023 e intende mantenere lo stesso livello di sostegno militare aggiuntivo nel 2024, che sarà determinato in dettaglio attraverso consultazioni tra i partecipanti e tenendo conto delle esigenze contingenti dell’Ucraina. A questo proposito, l’Italia ha già prorogato per tutto il 2024 la relativa normativa che autorizza un ulteriore sostegno militare.
  7.  L’Italia continuerà a sostenere l’Ucraina per i dieci anni di durata del presente Accordo.

Articolo 2. Capacità future delle forze ucraine

  1. L’Italia è disposta a partecipare all’impegno internazionale, a livello bilaterale e con i partner (ad esempio nell’ambito del G7, dell’UE e dell’area euro-atlantica, anche attraverso la partecipazione alle coalizioni di capacità nell’ambito del Gruppo di Contatto per la Difesa dell’Ucraina), al fine di sostenere le Forze di Difesa dell’Ucraina e le altre componenti della sicurezza nei loro sforzi di modernizzazione. In questo senso, l’industria italiana della difesa è anche pronta a interagire con le industrie ucraine per sostenerle nella ricostruzione o nel consolidamento delle produzioni nazionali di equipaggiamenti, materiali e munizioni.
  2. L’Italia sosterrà lo sviluppo delle forze di sicurezza e di difesa dell’Ucraina anche, ma non solo, per quanto riguarda la progettazione delle forze future, l’avvicinamento ai concetti e alle procedure operative della NATO, l’addestramento del comando e del personale, le esercitazioni combinate e la maggiore compatibilità e interoperabilità con gli alleati della NATO.

Articolo 3. Cooperazione tra industrie della difesa

  1. Le industrie della difesa dei Partecipanti rafforzeranno la loro cooperazione nei limiti delle rispettive legislazioni e in conformità con il quadro esistente basato su accordi bilaterali. In particolare, l’Italia sostiene le imprese italiane nello sforzo di cooperare con l’Ucraina attraverso l’iniziativa Ukrainian Defence Industry Compact, anche considerando il trasferimento di tecnologia, i partenariati, la creazione di joint venture e le opportunità di investimento.
  2. L’Italia lavorerà con la propria industria della difesa e con l’Ucraina per contribuire allo sviluppo della base industriale della difesa ucraina, sviluppare una roadmap di cooperazione strategica nell’industria della difesa e identificare le opportunità per una più stretta collaborazione e partnership industriale nel settore della difesa. L’Italia collaborerà con l’Ucraina per individuare le aree di investimento di maggiore impatto, rafforzerà gli sforzi per ridurre le barriere esistenti per la cooperazione e incoraggerà e sosterrà l’industria della difesa a investire, in particolare esplorando le opportunità di produzione congiunta. I partecipanti promuoveranno l’integrazione delle industrie ucraine con la base industriale e tecnologica di difesa europea (EDTIB), sfruttando al contempo le iniziative dell’UE ove pertinenti.
  3. L’Italia collaborerà con l’Ucraina per eliminare le strozzature esistenti nella catena di approvvigionamento dei materiali per la difesa, che ostacolano lo sviluppo della capacità di produzione dell’Ucraina per armi e munizioni essenziali o prioritarie.
  4. I Partecipanti si adopereranno per individuare le fonti di finanziamento necessarie per consentire lo sviluppo della base industriale della difesa ucraina e incoraggiare gli investimenti in nuovi impianti. L’Italia fornirà assistenza e sostegno finanziario per il potenziamento dell’industria della difesa ucraina.
  5. I Partecipanti promuoveranno lo scambio di informazioni sulle rispettive attività di ricerca e sviluppo nel settore della difesa, al fine di realizzare progetti e programmi comuni per lo sviluppo di nuove soluzioni di difesa. A tal fine, l’Italia incoraggerà la propria industria della difesa a collaborare con l’Ucraina per sostenere la riparazione e la manutenzione locale dei sistemi di difesa, garantendo la protezione delle tecnologie trasferite e dei diritti di proprietà intellettuale.
  6. L’Italia sosterrà, ove possibile, gli sforzi dell’Ucraina per integrare la propria industria della difesa nella NATO e nei quadri di difesa e sicurezza dell’UE.

Articolo 4. Addestramento ed esercitazioni

  1. L’Italia continuerà a contribuire alla Missione di Assistenza Militare dell’UE (EUMAM) in Ucraina fornendo personale e moduli di addestramento, come appropriato. Allo stesso tempo, le Forze Armate italiane svolgeranno addestramenti specifici e specializzati su base bilaterale, in stretto coordinamento con l’EUMAM in Ucraina e il Gruppo di Assistenza alla Sicurezza – Ucraina (SAG-U). Non appena la situazione lo consentirà, su richiesta della controparte, le Forze Armate italiane esamineranno la possibilità di condurre esercitazioni combinate, in Italia e in Ucraina, per meglio sostenere il processo di standardizzazione e interoperabilità delle Forze di Difesa e Sicurezza dell’Ucraina.
  2. L’Italia fornirà inoltre sessioni di formazione e addestramento per le forze dell’ordine, come la Guardia Nazionale Ucraina e il Servizio di Guardia di Frontiera dello Stato, e continuerà a fornire supporto materiale alle agenzie partner nel settore delle forze dell’ordine. Inoltre, l’Italia fornirà sostegno alla formazione medica e alle protesi.

Articolo 5. Riforma del settore della sicurezza e della difesa

  1. L’Ucraina farà progredire le riforme e la modernizzazione della difesa, anche rafforzando il controllo civile democratico del settore della sicurezza e migliorando l’efficienza e la trasparenza delle istituzioni di sicurezza e di difesa e dell’industria della difesa ucraina.
  2. L’Italia continuerà a fornire assistenza e consulenza per la riforma e l’ulteriore sviluppo delle future forze ucraine, sia a livello bilaterale che con i partner (nell’ambito dell’UE e dell’area euro-atlantica, anche attraverso il contributo alla Missione Consultiva dell’UE – EUAM – in Ucraina). Inoltre, non appena la situazione di sicurezza lo consentirà, l’Italia intende cooperare attraverso specifici Piani di Cooperazione Militare volti a sostenere lo sviluppo militare dell’Ucraina. L’Italia intende inoltre sostenere lo sviluppo militare professionale della Difesa ucraina fornendo l’accesso alle istituzioni italiane di formazione militare.
  3. L’Italia fornirà consulenza e sostegno al lavoro sulla governance e sulle politiche di difesa per supportare il Ministero della Difesa ucraino.

Articolo 6. Cooperazione in materia di sicurezza

Cooperazione in materia di intelligence.

 I Partecipanti rafforzeranno la loro cooperazione in materia di intelligence e sicurezza, conformemente al quadro esistente basato su accordi bilaterali.

Cooperazione nella sfera della sicurezza informatica.

  1. I Partecipanti collaboreranno per consentire all’Ucraina di individuare, scoraggiare e interrompere le aggressioni e lo spionaggio informatico di qualsiasi Stato ostile, nonché la guerra ibrida, anche attraverso una maggiore resilienza informatica e la protezione delle infrastrutture critiche dagli attacchi informatici, la formazione di specialisti di sicurezza informatica e la fornitura di assistenza tecnica internazionale all’Ucraina.
  2. I Partecipanti collaboreranno per individuare e scoraggiare l’uso irresponsabile delle capacità informatiche da parte di qualsiasi Stato e di attori non statali contro i Partecipanti. I Partecipanti si sosterranno reciprocamente condividendo intelligence e competenze nei settori della sicurezza informatica e delle tecnologie di comunicazione avanzate (tra cui, ma non solo, il cloud e il quantum computing, le tecnologie di rete avanzate, l’Internet degli oggetti, l’intelligenza artificiale, ecc.), nonché adottando misure di rafforzamento delle capacità informatiche per contrastare questa minaccia

Cooperazione in materia di sicurezza delle informazioni.

I partecipanti collaboreranno per migliorare le capacità dell’Ucraina di contrastare le minacce alla sicurezza dell’informazione, la manipolazione dell’informazione russa e di qualsiasi altro paese, la propaganda maligna e le campagne di disinformazione che incidono sulla sicurezza nazionale; promuovere lo sviluppo di programmi congiunti di istruzione e formazione per i professionisti della sicurezza informatica e lo scambio regolare di esperienze.

Cooperazione nella lotta contro le forme gravi di criminalità organizzata.

Laddove le condizioni di sicurezza e di incolumità lo consentano, i Partecipanti intraprenderanno azioni per contrastare le attività della criminalità grave e organizzata (SOC), in particolare gli individui e i gruppi che cercano di infiltrarsi nella società ucraina, hanno un’influenza criminale in alcune regioni, comprese quelle temporaneamente occupate, e sono attivamente utilizzati come strumento di guerra ibrida per contrastare i processi di ripresa e riconciliazione in Ucraina. 

I partecipanti riconoscono la necessità di combattere le operazioni di finanza illecita volte a minare la sovranità e l’integrità territoriale dell’Ucraina, nonché la sua stabilità interna.

Sicurezza delle informazioni.

Nessuna informazione, classificata o non classificata, scambiata ai sensi del presente Accordo, sarà comunicata a terzi (compresi Stati terzi, Organizzazioni internazionali e amministrazioni nazionali che non sono i destinatari originari delle informazioni, come le autorità giudiziarie nei procedimenti giudiziari nazionali) senza il previo consenso scritto dell’Originatore.

Parte II. Partenariato economico

Articolo 7. Stabilità economica, resilienza e ricostruzione, sviluppo sostenibile e riforme.

L’Italia, insieme alle organizzazioni e ai partner internazionali, è impegnata a partecipare alla ripresa e alla ricostruzione dell’Ucraina. È importante porre le basi per un impegno ambizioso e a lungo termine che crei opportunità e permetta al popolo ucraino di ricostruire il proprio Paese. Coinvolgere tutti i partner interessati, comprese le aziende private e i donatori internazionali, con l’obiettivo di garantire il sostegno finanziario, gli investimenti e le conoscenze necessarie, è essenziale per assicurare un futuro prospero all’Ucraina. In questo senso, l’Italia ospiterà la Conferenza sulla ripresa dell’Ucraina nel 2025.

a. Cooperazione economica.

Sulla base della Dichiarazione congiunta rilasciata il 26 aprile 2023 al termine della Conferenza bilaterale sulla ripresa dell’Ucraina, l’Italia e l’Ucraina si sono impegnate a rafforzare la cooperazione tra le loro imprese per la ripresa e la ricostruzione dell’Ucraina e hanno espresso la loro disponibilità a collaborare nell’ambito delle sanzioni per garantire la stabilità economica e la prosperità di entrambi i Paesi.

b. Energia e altre infrastrutture critiche.

  1. L’Italia continuerà a sostenere l’Ucraina nel far fronte alle urgenti necessità umanitarie generate dalla guerra di aggressione russa, nel ricostruire rapidamente le infrastrutture critiche e sociali distrutte e i mezzi di sussistenza, e nel creare le migliori condizioni possibili per la ricostruzione del tessuto socio-economico del Paese.
  2. L’Italia contribuirà allo sviluppo delle capacità di protezione delle infrastrutture critiche dell’Ucraina, anche attraverso il gruppo di coordinamento G7+ Energia, nonché all’accesso degli specialisti ucraini ai programmi internazionali pertinenti.
  3. L’Italia coinvolgerà specialisti ucraini con esperienza nella sicurezza delle infrastrutture critiche per realizzare progetti pertinenti sul proprio territorio e nei Paesi partner. I partecipanti avvieranno programmi congiunti di istruzione e formazione per gli specialisti della protezione delle infrastrutture critiche.
  4. L’Italia collaborerà con l’Ucraina per individuare fonti di finanziamento, compreso il settore privato, per sviluppare la protezione, la resilienza e il ripristino delle infrastrutture critiche in vari settori, tra cui l’energia, i trasporti, l’alimentazione (agricoltura), le comunicazioni, i prodotti chimici, la produzione di armi e munizioni, ecc.
  5. I partecipanti intendono espandere ulteriormente la loro attuale cooperazione bilaterale per rafforzare la resilienza dell’Ucraina contro i rischi legati alle armi nucleari, biologiche e chimiche.

Segue

Di THEMILANER

foglio informativo indipendente dell'associazione MilanoMetropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.