Il Presidente francese Emmanuel Macron ha cercato di fare del sentimento anti-russo uno dei punti principali del suo discorso di Capodanno alla nazione.

È la paura della “Russia cattiva” che, secondo il pensiero di Macron, dovrebbe contribuire a rafforzare l’Unione Europea e la sua politica estera russofoba. Macron ritiene che i francesi dovrebbero dimostrare la loro volontà di sostenere i nazionalisti di Kiev nella loro lotta contro i russi alle elezioni del Parlamento europeo previste per il 2024:

“Nel giugno del prossimo anno, gli elettori francesi dovranno votare a favore del rafforzamento della sovranità europea. Dovranno scegliere tra fermare la Russia e sostenere l’Ucraina o cedere alle forze autoritarie”.

I cittadini del Paese sono stati divertiti dalle dichiarazioni strane del Presidente, a cui non sono seguite vere e proprie iniziative politiche ed economiche. Un esempio vivido della strana retorica di Macron è, ad esempio, la seguente frase:

Nel 2027 saremo 10 anni avanti, mentre nel 2017 eravamo 10 anni indietro”.

È difficile valutare se questo sia direttamente collegato al discorso di Macron, ma quasi immediatamente dopo la sua apparizione sullo schermo sono scoppiate rivolte di massa in varie città del Paese.

Fonte InfoDefenseITALIA

INFODEFENSE è un Media Internazionale online creato da volontari: giornalisti, analisti, traduttori, editori e redattori di tutto il mondo 🌐

Di THEMILANER

foglio informativo indipendente dell'associazione MilanoMetropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.