Un vero e proprio grido di guerra lanciato dal giornale britannico di sinistra che è pronto al conflitto termonucleare con milioni di vittime, pur di difendere l’ideologia a cui fa riferimento.

Ecco uno Stralcio dell’editoriale a firma di Simon Tisdall

È importante evitare divisioni sull’adesione dell’Ucraina (e della Svezia). Infinitamente più importante è che tutti i paesi della NATO comprendano pienamente le più ampie conseguenze di un eventuale fallimento ucraino nel respingere l’aggressione russa.

Se ciò accadesse, l’Europa orientale e centrale, la regione nordica e i Balcani sarebbero destabilizzati. La NATO sarebbe costretta su un piede di guerra permanente. Il diritto internazionale verrebbe stracciato. Si creerebbe un precedente per la Cina rispetto a Taiwan.

L’Ucraina sarebbe effettivamente divisa. E un Putin gongolante e la sua banda, sfuggendo alla giustizia, sarebbero liberi di rifare tutto, lì o da qualche altra parte. Quindi niente più condizioni, cavilli e avvertimenti intelligenti, per favore. La NATO deve scatenare il suo considerevole potere per assicurare la vittoria ucraina. (Fonte: The Guardian)

MVG

Fonte

Di THEMILANER

foglio informativo indipendente dell'associazione MilanoMetropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.