Guadagni in Russia bloccati

Miliardi di dollari si stanno accumulando a Mosca al di fuori del controllo dei suoi proprietari stranieri. Dividendi azionari, pagamenti di interessi su obbligazioni e qualsiasi altra cosa che gli investitori occidentali non abbiano venduto prima della guerra: fa tutto parte del mucchio di denaro che è rimasto intrappolato dalle sanzioni.

Legalmente, il denaro appartiene ad alcune delle più grandi case di investimento, come JPMorgan Asset Management e Schroders Plc, ma in privato la maggior parte riconosce che non c’è speranza di recuperarlo. Almeno non finché Vladimir Putin rimarrà leader. “Lo abbiamo segnato a zero, devi dimenticartelo”, ha detto Tim Love di GAM Investment Management, che possedeva azioni russe come parte di un fondo azionario emergente. “Il mercato c’è ancora, ma quando si parla di rimpatrio dei dividendi o di accesso al titolo sottostante, tutto si riduce alle sanzioni”.

Nelle conversazioni, i gestori di denaro parlano della questione con una certa frustrazione e molti non vogliono ammettere pubblicamente di possedere beni russi mentre è in corso una guerra. A meno che non siano disposti a testare i limiti delle sanzioni, non possono fare nulla con il denaro.

In una conferenza stampa questo mese, la governatrice della banca centrale Elvira Nabiullina ha rifiutato di rivelare quanto denaro si trova in conti bancari speciali per non residenti, classificati come Tipo C, ma ha affermato che continua a crescere. Interfax ha riferito a novembre che questi conti detengono più di 280 miliardi di rubli ($ 3,7 miliardi), citando fonti normative. I rappresentanti della Banca di Russia hanno rifiutato di commentare.

Prima della guerra, gli investimenti stranieri in Russia erano sostanziali, pari a circa 150 miliardi di dollari di azioni e titoli di stato, mostrano i dati della Borsa di Mosca e della Banca di Russia. I gestori patrimoniali hanno sospeso i loro fondi russi, ma alcuni calcolano ancora un valore teorico di quanto valgono le attività per i clienti. Ad esempio, il fondo di investimento Emerging EMEA di JPMorgan Asset Management ha detto ai clienti che le società russe che deteneva hanno continuato a pagare dividendi, con circa 6,3 milioni di sterline (7,6 milioni di dollari) congelati nei conti C a partire dal 4 gennaio, anche se ha sottolineato che il denaro non era accessibile.

Nel caso di BlackRock Inc., è stato chiuso l’ETF iShares MSCI Russia. La società ha affermato che continua a parlare con le autorità di regolamentazione e altri operatori del mercato su come uscire dalle posizioni. “I titoli russi saranno liquidati in futuro, se possibile, fattibile e appropriato”, ha dichiarato la società in un post online di settembre.

Un altro gestore patrimoniale, East Capital, ha dichiarato di avere un totale di 13 milioni di euro (13,8 milioni di dollari) nei conti speciali a febbraio. “Dobbiamo essere cauti su ciò che possiamo dire ai nostri clienti”, ha affermato Alexandra Morris, direttore degli investimenti presso il gestore patrimoniale norvegese Skagen AS. “Possiamo mostrare loro che questi sono i valori attualmente quotati, ma la probabilità che saremo in grado di accedervi è bassa, infatti potrebbero essere confiscati in qualsiasi momento”. Morris ha affermato di detenere il 9% del loro fondo sui mercati emergenti in azioni russe prima dell’invasione, definendolo un “importante sovrappeso”. (Fonte: Bloomberg)

Di THEMILANER

foglio informativo indipendente dell'associazione MilanoMetropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.