Situazione nei nidi e nelle scuole materne di Milano

Riceviamo e pubblichiamo la lettera scritta da alcuni Educatori, un grido d’allarme che nessuno può ignorare, il Comune di Milano in primis.

“Eccoci qui …
Pronti a partire ?
bellooo woooooow! una nuova avventura! l’entusiasmo, la freschezza di un mese di riposo, di recupero di energie, di nuove idee, il profumo di ritornare a creare , che bellooo…

Ma la testa sotto la sabbia ?
Il nascondere sotto il tappeto ?
Il girarsi dell’altra parte ?
L’inaffiare il proprio orticello ?

Noi siamo ancora qua oggi.
Noi educatori di sostegno a combattere per i nostri diritti e per quello dei bambini d.a.

Siamo ancora qui nonostante le gambe spezzate e i “pugni nello stomaco”.

-il 70% degli educatori di sostegno subirà una riduzione del monte ore a 28 ore (al posto di 35ore)

  • percepirà uno stipendio a volte inferiore ai 900€ ( circa 250/ 300 € in meno un busta paga) ci saranno conseguenze su famiglie , single , qualcuno cambierá lavoro , qualcuno magari perderà la casa , qualcuno dovrà limitarsi nel fare la spesa , qualcuno potrà dare 30 al posto di 50 ai propri figli , qualcuno dovrà andare via e perdere l’indipendenza.
  • ci sarà un taglio di migliaia di ore complessive annue su i bambini d.a. (ore di intervento in meno che sono aria e pane per loro per compiere miglioramenti significativi).
  • ci saranno educatori di sostegno che
    dovranno gestire la compresenza di bambini d.a gravi e non gravi mettendo nel cestino del rudo principi educativi,
    non diffusi dal sottoscritto, ma da anni di studi di pedagogisti , educatori , psicologi affermati)
    Per non parlare della continuità educativa completamente spazzata via .

Noi Siamo ancora a lottare per la nostra DIGNITÀ lavorativa – professionale contro la violazione dell’ art. 36 della costituzione
“Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa”

Siamo ancora qua a lottare per i bambini d.a affinché venga garantita il necessario totale sostegno educativo per compiere significativi progressi ( come avviene in PAESI CIVILI come Francia e Germania ) .

La solidarietà è una cosa importante .
L’alzare anche un dito è importante .

Perchè non è tempo dei fiorellini , degli unicorni , e degli arcobaleni “ andrà tutto bene” .
Non c’è niente da festeggiare .
È tempo combattere per la dignità , per una professione , per i diritti , per una scuola che non fa differenze.”

THEMILANER

foglio informativo indipendente dell'associazione MilanoMetropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.