Politici allo sbando

Calenda chiama, Salvini risponde e La Verità, ormai telegrafo del Carroccio, riferisce. Stamane sul quotidiano di Belpietro c’è un’intervista di Calenda che dice il solito campionario di sciocchezze assortite sull’esigenza di tenere i conti pubblici “in ordine” e sul gas, dove parla di tutto tranne dell’unica cosa importante. L’Ungheria che non segue le regole UE tratta direttamente con la Russia e compra il gas ad un prezzo cinque volte inferiore al nostro.

Successivamente poi Calenda ripropone il governo di “unità nazionale” guidato ancora una volta da Draghi e questo avvicinamento tra Salvini e Calenda, non esclude che pure lo stesso Salvini, sotto sotto, voglia il fantomatico Draghi bis.

Ciò che però la classe politica italiana si rifiuta di accettare è che il tempo di Draghi è finito così com’è finito quello dei tecnici.

La politica italiana cerca il salvagente della tecnocrazia per restare a galla, ma non lo trova. Il suo affondamento dopo il 25 settembre appare inevitabile.

Cesare Sacchetti

THEMILANER

foglio informativo indipendente dell'associazione MilanoMetropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.