Europa: “Dobbiamo essere pronti a combattere”

Il Capo di Stato Maggiore ha detto, in una lettera inviata a tutti i militari, che c’è “l’imperativo categorico di forgiare un esercito in grado di sconfiggere la Russia in battaglia“. La notizia è trapelata attraverso i social. Secondo il nuovo capo dell’esercito britannico, il Regno Unito deve disporre di un esercito abbastanza forte da poter combattere in Europa e, addirittura, sconfiggere la Russia.

Il Capo di Stato Maggiore ha detto, in una lettera inviata a tutti i militari, che c’è “l’imperativo categorico di forgiare un esercito in grado di sconfiggere la Russia in battaglia“. La notizia è trapelata attraverso i social. Secondo il nuovo capo dell’esercito britannico, il Regno Unito deve disporre di un esercito abbastanza forte da poter combattere in Europa e, addirittura, sconfiggere la Russia.

Il discorso di Sanders alle sue truppe

Il nuovo capo dell’esercito britannico Patrick Sanders, che ha assunto il comando questo mese, ha fatto un discorso alle sue truppe. “Sono il primo capo di Stato Maggiore dal 1941 ad assumere il comando dell’esercito all’ombra di una guerra terrestre in Europa che coinvolge una potenza continentale”. “L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia sottolinea il nostro scopo principale. Proteggere il Regno Unito essendo pronti a combattere e vincere le guerre di terra. E rafforzare l’esigenza di scoraggiare l’aggressione russa con la minaccia della forza”.

Poi, in una lettera rivolta a “tutti i gradi e ai dipendenti pubblici”, Sanders, il capo dell’esercito ha aggiunto: “Il mondo è cambiato dal 24 febbraio. Ora c’è l’imperativo categorico di forgiare un esercito in grado di combattere a fianco dei nostri alleati e di sconfiggere la Russia in battaglia”.

L’obbiettivo del nuovo capo dell’esercito è quello di “accelerare la mobilitazione e la modernizzazione dell’esercito. Ciò per rafforzare la Nato e negare alla Russia la possibilità di occupare altre zone d’Europa. Siamo la generazione che deve preparare l’esercito a combattere ancora una volta in Europa”.

Fonte

THEMILANER

foglio informativo indipendente dell'associazione MilanoMetropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.