Sappiamo meno sui social media di quanto pensiamo

C’è la sensazione generale che i social media siano dannosi e potrebbe essere giusto. Ma gli studi offrono sorprendentemente poche risposte facili.

Ad aprile, lo psicologo sociale Jonathan Haidt ha pubblicato un saggio su The Atlanticin cui ha cercato di spiegare, come diceva il titolo del pezzo, “Perché gli ultimi 10 anni di vita americana sono stati straordinariamente stupidi”. Chiunque avesse familiarità con il lavoro di Haidt negli ultimi cinquant’anni avrebbe potuto anticipare la sua risposta: i social media. Sebbene Haidt ammetta che la polarizzazione politica e l’inimicizia tra fazioni siano da tempo antecedenti all’ascesa delle piattaforme e che ci siano molti altri fattori coinvolti, crede che gli strumenti della viralità – i pulsanti Mi piace e Condividi di Facebook, la funzione Retweet di Twitter – siano algoritmicamente e irrevocabilmente corrosi vita pubblica. Ha stabilito che una grande discontinuità storica può essere datata con una certa precisione al periodo tra il 2010 e il 2014, quando queste funzionalità sono diventate ampiamente disponibili sui telefoni.

“Cosa è cambiato negli anni 2010?” chiede Haidt, ricordando al suo pubblico che un ex sviluppatore di Twitter una volta aveva paragonato il pulsante Retweet alla fornitura di un bambino di quattro anni con un’arma carica. “Un tweet cattivo non uccide nessuno; è un tentativo di svergognare o punire qualcuno pubblicamente mentre si trasmette la propria virtù, genialità o lealtà tribale. È più un dardo che un proiettile, causa dolore ma non vittime. Anche così, dal 2009 al 2012, Facebook e Twitter hanno distribuito circa un miliardo di pistole a dardi a livello globale. Da allora ci siamo sparati a vicenda”. Mentre la destra ha prosperato sulla cospirazione e sulla disinformazione, la sinistra è diventata punitiva: “Quando a tutti è stata lanciata una pistola a dardi all’inizio degli anni 2010, molte istituzioni di sinistra hanno iniziato a spararsi al cervello. E, sfortunatamente, quelli erano i cervelli che informano, istruiscono, e intrattenere la maggior parte del paese. La metafora prevalente di Haidt della profonda frammentazione è la storia della Torre di Babele: l’ascesa dei social media ha “inconsapevolmente sciolto il mortaio della fiducia, della fede nelle istituzioni e delle storie condivise che avevano tenuto insieme una democrazia secolare ampia e diversificata”.

Queste sono, inutile dirlo, preoccupazioni comuni. La principale tra le preoccupazioni di Haidt è che l’uso dei social media ci ha lasciato particolarmente vulnerabili ai pregiudizi di conferma o alla propensione a fissare prove che rafforzano le nostre convinzioni precedenti. Haidt riconosce che la letteratura esistente sugli effetti dei social media è ampia e complessa e che c’è qualcosa per tutti. Il 6 gennaio 2021 era al telefono con Chris Bail, sociologo della Duke e autore del recente libro “ Rompere il prisma dei social media”, quando Bail lo esortò ad accendere la televisione. Due settimane dopo, Haidt ha scritto a Bail, esprimendo la sua frustrazione per il modo in cui i funzionari di Facebook hanno costantemente citato la stessa manciata di studi in loro difesa. Ha suggerito che i due collaborino a una revisione completa della letteratura che potrebbero condividere, come Google Doc, con altri ricercatori. (Haidt aveva già sperimentato un modello del genere.) Bail era cauto. Mi ha detto: “Quello che gli ho detto è stato: ‘Beh, sai, non sono sicuro che la ricerca confermerà la tua versione della storia’, e ha detto: ‘Perché non vediamo?’ “

Bail ha sottolineato che non è un “piattaforma”. Ha aggiunto: “Nel mio libro, la mia opinione principale è: Sì, le piattaforme giocano un ruolo, ma stiamo esagerando enormemente su ciò che è possibile fare per loro, quanto potrebbero cambiare le cose, indipendentemente da chi è al timone di queste aziende. e stiamo profondamente sottovalutando l’elemento umano, la motivazione degli utenti”. Ha trovato attraente l’idea di Haidt di un Google Doc, nel modo in cui avrebbe prodotto una sorta di documento vivente che esisteva “da qualche parte tra la borsa di studio e la scrittura pubblica”. Haidt desiderava un forum per testare le sue idee. “Ho deciso che se dovevo scrivere di questo – cosa è cambiato nell’universo, intorno al 2014, quando le cose sono diventate strane nel campus e altrove – ancora una volta, farei meglio a essere sicuro di avere ragione”, ha detto. “Non posso semplicemente abbandonare i miei sentimenti e le mie letture della letteratura parziale.

Haidt e Bail, insieme a un assistente ricercatore, hanno popolato il documento nel corso di diverse settimane l’anno scorso ea novembre hanno invitato circa due dozzine di studiosi a contribuire. Haidt mi ha detto, delle difficoltà della metodologia socio-scientifica, “Quando ti avvicini per la prima volta a una domanda, non sai nemmeno cosa sia. “I social media stanno distruggendo la democrazia, sì o no?” Non è una buona domanda. Non puoi rispondere a questa domanda. Allora cosa puòchiedi e rispondi?” Quando il documento ha assunto una vita propria, sono emerse rubriche trattabili: i social media rendono le persone più arrabbiate o più affettivamente polarizzate? Crea camere d’eco politiche? Aumenta la probabilità di violenza? Consente ai governi stranieri di aumentare le disfunzioni politiche negli Stati Uniti e in altre democrazie? Haidt ha continuato: “È solo dopo averlo suddiviso in molte domande a cui è possibile rispondere che vedi dove sta la complessità”.

Haidt ha avuto la sensazione, a conti fatti, che i social media fossero in realtà piuttosto brutti. Era deluso, ma non sorpreso, dal fatto che la risposta di Facebook al suo articolo si basasse sugli stessi tre studi che recitavano da anni. “Questo è qualcosa che si vede con i cereali per la colazione”, ha detto, notando che un’azienda di cereali “potrebbe dire: ‘Sapevi che abbiamo il 25% in più di riboflavina rispetto al marchio leader?’ Indicheranno le caratteristiche in cui l’evidenza è a loro favore, il che ti distrae dal fatto generale che i tuoi cereali hanno un sapore peggiore e sono meno sani”.

Dopo la pubblicazione del pezzo di Haidt, Google Doc—”Social Media and Political Dysfunction: A Collaborative Review”—è stato reso disponibile al pubblico . I commenti si sono accumulati e alla fine è stata aggiunta una nuova sezione per includere una miscellanea di thread di Twitter e saggi di Substack che sono apparsi in risposta all’interpretazione di Haidt delle prove. Alcuni colleghi e kibbitzer erano d’accordo con Haidt. Ma altri, anche se potrebbero aver condiviso la sua intuizione di base che qualcosanella nostra esperienza sui social media era sbagliato, attingeva allo stesso set di dati per giungere a conclusioni meno definitive, o anche leggermente contraddittorie. Anche dopo che l’iniziale raffica di risposte all’articolo di Haidt è scomparsa nella memoria dei social media, il documento, nella misura in cui ha catturato lo stato del dibattito sui social media, è rimasto un artefatto vivace.

Verso la fine dell’introduzione del progetto collaborativo, gli autori avvertono: “Avvertiamo i lettori a non sommare semplicemente il numero di studi su ciascuna parte e dichiarare una parte vincitrice”. Il documento si estende per più di centocinquanta pagine, e per ogni domanda ci sono studi affermativi e dissenzienti, oltre ad alcuni che indicano risultati contrastanti. Secondo un documento, “le espressioni politiche sui social media e sul forum online sono state trovate per (a) rafforzare il processo di pensiero di parte degli espressi e (b) rafforzare le loro preferenze politiche preesistenti”, ma, secondo un altro, che ha utilizzato i dati raccolti durante le elezioni del 2016, “Nel corso della campagna, abbiamo riscontrato che l’uso e gli atteggiamenti dei media sono rimasti relativamente stabili. I nostri risultati hanno anche mostrato che l’uso delle notizie di Facebook era correlato a una modesta spirale di depolarizzazione nel tempo. Inoltre, abbiamo scoperto che le persone che usano Facebook per le notizie avevano maggiori probabilità di visualizzare sia le notizie pro e contro attitudinali in ciascuna ondata. I nostri risultati hanno indicato che l’esposizione contro attitudinale è aumentata nel tempo, il che ha provocato la depolarizzazione”. Se risultati come questi sembrano incompatibili, un lettore perplesso fa ricorso a uno studio che afferma: “I nostri risultati indicano che la polarizzazione politica sui social media non può essere concettualizzata come un fenomeno unificato, poiché esistono significative differenze multipiattaforma”.

Interessato alle camere d’eco? “I nostri risultati mostrano che l’aggregazione di utenti in cluster omofili domina le interazioni online su Facebook e Twitter”, il che sembra convincente, tranne per il fatto che, secondo un altro team, “Non troviamo prove a sostegno di una forte caratterizzazione delle ‘camere d’eco’ in cui la maggior parte delle fonti di notizie delle persone si escludono a vicenda e di poli opposti”. Alla fine del file, la raccomandazione vagamente condiscendente di prima linea contro la semplice sommatoria inizia ad avere più senso. Un documento nato come baluardo contro il pregiudizio di conferma potrebbe, come si è scoperto, funzionare altrettanto facilmente come una sorta di dispositivo generativo per supportare la convinzione animalesca di chiunque. L’unica risposta ragionevole, a quanto pareva, era semplicemente quella di alzare le mani in aria.

Quando ho parlato con alcuni dei ricercatori il cui lavoro era stato incluso, ho trovato una combinazione di ampio e viscerale disagio per la situazione attuale, con la nefandezza delle molestie e del trolling; con l’opacità delle piattaforme; con, beh, il presentimento diffuso che ovviamente i social media siano per molti versi cattivi e un senso contrastante che potrebbero non essere catastroficamente cattivi in ​​alcuni dei modi specifici che molti di noi sono arrivati ​​a dare per scontati. Non si trattava di mero contrarianismo e non c’era traccia di gioiosa sfatare il mito; la questione era abbastanza importante da risolvere. Quando ho detto a Bail che il risultato mi sembrava essere che esattamente nulla fosse inequivocabilmente chiaro, ha suggerito che c’era almeno un terreno solido. Suonava un po’ meno apocalittico di Haidt.

https://www.newyorker.com/

THEMILANER

foglio informativo indipendente dell'associazione MilanoMetropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.