Russia/Ucraina: Una guerra che non deve coinvolgerci

di Manuela Valletti

Cerchiamo di non essere ipocriti e pensiamo per una volta prima agli italiani.
Umanamente dispiace che gli Ucraini stiamo soffrendo dolore, morte, distruzione.
Realisticamente però tenete presente che l’Ucraina non è nella UE, non è nella NATO e quindi questa guerra non puó e non deve essere affar nostro, la sola cosa che
Dobbiamo fare è PORTARE AIUTO A CHI FUGGE DAL SUO PAESE.
Le sanzioni alla Russia si ritorceranno contro il nostro Paese, la frase che Draghi ha pronunciato ieri è per me demenziale, si riferiva alla rinuncia dell’Italia al gas russo per punire la Russia, ha detto: “Volete la pace o il condizionatore acceso ?” . Caro Draghi io voglio senza dubbio il condizionatore acceso e il riscaldamento di casa in funzione questo inverno.
Ma agli italiani non pensa mai nessuno? Ci dobbiamo sacrificare per tutti anche se non di nostra pertinenza.
I politici ci porteranno in guerra, è questo che si prefiggono e ogni giorno alzano il tiro fino a che i più diranno inconsapevolmente : andiamo sul posto a difendere l’Ucraina e allora i nostri giovani moriranno per una guerra che non è la loro.
Italiani svegliatevi, accogliamo i rifugiati e mandiamo aiuti umanitari ma non altro. Non inviamo armi e tanto meno uomini. Potremmo pagare caro questo eccesso di zelo.

Ho un altro sassolino nella scarpa da togliermi ed è quello dell’informazione: tutte le Tv dedicano servizi, telegiornali interi, talk show alla guerra in Ucraina. Si ripete la storia della pandemia, anche allora i giorni erano scanditi dai dati del Covid.

Nessun altra guerra (Siria, Afghanistan, Iran, Palestina, Kossovo..) ha occupato tutti i palinsesti televisivi come questa, perché ?

Abbiamo detto che l’Ucraina è fuori dalle organizzazioni principali di cui noi facciamo parte, quindi le TV dovrebbero essere equilibrate e a non ammorbarci e terrorizzarci con servizi dettagliati sui morti e sulle distruzioni quotidiane a Kiev e limitrofi.

Gli italiani stanno fronteggiando una crisi economica molto grave, e dopo due anni di pandemia credo proprio che possa bastare.

THEMILANER

foglio informativo indipendente dell'associazione MilanoMetropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.