Guerra Ucraina-Russia, Di Maio: “Ucraini ultima barriera per nostra sicurezza”

Riportiamo la dichiarazione delirante del Ministro degli Esteri. Di Maio sta scherzando con il fuoco. Draghi saprà di queste sue convinzioni? Ci porteranno in guerra con conseguenze disastrose.

@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@

Il ministro degli Esteri: “Forniamo mezzi e aiuti economici a resistenza Paese”

Guerra Ucraina-Russia, “gli ucraini oggi sono l’ultima barriera per la sicurezza dei nostri Paesi sostenere loro significa sostenere noi, non significa sostenere un Paese lontano”. A dichiararlo è stato il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, intervenendo a Mattino Cinque. “L’Ucraina è Europa, gli ucraini sono cittadini europei a tutti gli effetti, guardano al loro futuro guardando all’Europa – sottolinea – Oggi stanno sostenendo il fronte europeo contro l’esercito russo e forse anche quello bielorusso, e questo è encomiabile e noi dobbiamo continuare a sostenerli”.

“Noi in questo momento stiamo semplicemente rispondendo alla richiesta di aiuto fornendo supporto economico, militare” all’Ucraina, ha quindi dichiarato Di Maio aggiungendo: “Diamo loro degli strumenti per potersi difendere: è legittima difesa, è un Paese invaso da Putin”.

“Lavoriamo per la pace, lavoriamo per un cessate il fuoco immediato per poter portare via bambini, le donne ferite. Ci sono bombe russe che stanno cadendo sulle case dei civili, questi sono crimini di guerra”, ha dichiarato ancora il ministro aggiungendo: “Noi non stiamo entrando in guerra, noi stiamo facendo arretrare Putin che deve arrivare al tavolo negoziale della pace per chiudere questa guerra. Ma non ci arriverà con la gentilezza”. “Ed è per questo che abbiamo creato le sanzioni. Noi solo così possiamo farlo arretrare. Ma lavoriamo per la pace”, ha sottolineato. “Non porteremo Putin a dialogare chiedendoglielo per favore, dobbiamo alzare un fronte: oggi quella barriera sono gli ucraini e le sanzioni”, ha detto quindi Di Maio.

I russi “non si aspettavano che l’Unione Europea reagisse così. L’Ue sta reagendo pacificamente, usando le sanzioni economiche. Loro invece si aspettavano che l’Ue potesse disgregarsi, dividersi, invece siamo rimasti uniti e oggi stiamo rispondendo pacificamente all’aggressione all’Ucraina. Non portiamo la Nato in guerra, proprio per evitare lo scontro e il conflitto in Europa”.

THEMILANER

foglio informativo indipendente dell'associazione MilanoMetropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.