Morta a 93 anni Lina Wertmüller, prima donna nominata all’Oscar per la miglior regia

L’ex assistente alla regia di Federico Fellini ha continuato ad avere una brillante carriera da regista negli anni ’70

Lina Wertmüller riceve il suo premio onorario ai Governors Awards nel 2019.

È morta a 93 anni a Roma Lina Wertmüller, la regista italiana prima donna candidata all’Oscar come miglior regista. Wertmüller, le cui favole politiche scabrose hanno avuto un grande impatto sul cinema internazionale nei primi anni ’70, è stata nominata all’Oscar per il suo film Seven Beauties del 1975 e ha ricevuto un Oscar onorario nel 2019 .

Nato nel 1928 a Roma, Wertmüller – il cui nome completo era Arcangela Felice Assunta Wertmüller von Elgg Spanol von Braueich, a causa della sua discendenza in parte svizzera – si interessò al teatro e allo spettacolo a vent’anni, girando l’Europa con una compagnia di burattini, prima di arrivare a conoscere il regista Federico Fellini (tramite un compagno di scuola che era sposato con l’attore Marcello Mastroianni). Ha lavorato come assistente alla regia nel capolavoro di Fellini del 1963 8 1/2 (“Ero l’assistente peggiore, ma è stato trascurato perché ero simpatico”, ha detto in seguito al Guardian ), e ha fatto il suo debutto cinematografico nello stesso anno con I Basilischi, un lento ritratto della vita in una cittadina del sud Italia, e che ha beneficiato di una partitura di Ennio Morricone .

Wertmüller ha seguito The Basilisks con una serie di film presumibilmente commerciali, tra cui lo spaghetti western The Belle Star Story, che ha co-diretto con Piero Cristofani sotto il nome comune di Nathan Wich, e co-scritto sotto il nome di George Brown.

Ma i film più direttamente politici su cui si basa principalmente la sua reputazione sono stati rilasciati nel decennio successivo, molti dei quali hanno come protagonista il collaboratore regolare Giancarlo Giannini (meglio noto al pubblico britannico come agente francese René Mathis nei film di James Bond Casino Royale e Quantum of Solace ). Includono La seduzione di Mimi (1972), con Giannini nei panni di un operaio edile con una vita personale complicata; Love and Anarchy (1973), su un aspirante assassino che si innamora di una prostituta; e Swept Away (1974) – in seguito rifatto da Madonna e Guy Ritchie – su una donna ricca bloccata su un’isola deserta con un membro della sua ciurma.

Sette bellezze, sempre con Giannini nei panni di un mafioso italiano che finisce in un campo di concentramento nazista, è uscito nel 1975 e ha vinto una serie di nomination all’Oscar: oltre a miglior regista, Wertmüller è stato nominato per la migliore sceneggiatura originale e miglior film in lingua straniera , e Giannini per il miglior attore

Il suo crescente profilo internazionale ha portato a un contratto a Hollywood e Wertmüller ha scritto e diretto il dramma romantico in lingua inglese A Night Full of Rain, con Candice Bergen al fianco di Giannini. Ma il film non è stato un successo e la sua carriera a Hollywood è rapidamente svanita. Tuttavia, è tornata in Italia e ha continuato a distribuire film, anche se senza il successo degli anni ’70. “Davvero, ci sono due filoni – due anime – che coesistono nel mio lavoro: quello spensierato associato alle commedie musicali e quello più socialmente consapevole”, ha detto al Guardian.

Nel 1990 ha diretto Sophia Loren in un adattamento televisivo dell’opera teatrale di Eduardo De Filippo Saturday, Sunday, Monday, e un decennio dopo nel film TV Francesca e Nunziata. Accanto al suo lavoro cinematografico e televisivo ha diretto una serie di opere, tra cui Carmen nel 1986 e La Boheme nel 1997; ha anche doppiato la voce di Nonna Fa per l’uscita italiana del film d’animazione Disney del 1998 Mulan.

Wertmüller era anche conosciuta per i titoli comicamente lunghi di molti dei suoi film: la sua uscita del 1978 Blood Feud detiene il record per il più lungo di sempre, secondo il Guinness World Records . Il titolo completo, di 179 caratteri, è: “Un fatto di sangue nel comune di Siculiana fra due uomini per causa di una vedova. Si sospettano moventi politici. Amore-Morte-Shimmy. Bella Lugano. Tarantelle. Tarallucci e vino.”

Lo status di pioniere di Wertmüller è stato riconosciuto tardivamente, portando all’Oscar onorario alla cui mascolinità ha memorabilmente obiettato.

Wertmüller è stata sposata con il costumista Enrico Job fino alla sua morte nel 2008.

THEMILANER

foglio informativo indipendente dell'associazione MilanoMetropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.