‘Le donne sono carne da cannone’: la terza serie di Succession (SKY) mostra gli orrori della misoginia

Sarah Snook come Shiv Roy
Sarah Snook Fotografia: HBO/David M Russell

La terza stagione del dramma sui problemi di papà la dice lunga sul mostruoso Man Club che governa la società – e persino la figlia del miliardario Shiv Roy non può sfuggire alle sue grinfie sadiche Flannery Deanmar

E tutti mangiano la loro parte di scarabeo stercorario a sorpresa in Succession – il papà impenitente della HBO pubblica un dramma – ma le porzioni delle donne vengono pesantemente condite con gli ingredienti preferiti del patriarcato: sessismo e misoginia. Anche la figlia del miliardario Shiv Roy (interpretata da Sarah Snook) non può sfuggirgli. “Sono solo i tuoi capezzoli che ti danno un valore”, urla suo fratello Kendall (Jeremy Strong) dopo che lei ha rifiutato la sua offerta di unirsi a lui in un altro dei suoi piani aziendali patricidi. Anche prima di allora, non poteva fare a meno di mettere uno spillo nei suoi sogni di rilevare l’azienda: “Sei troppo divisivo … sei ancora visto come una donna simbolica, sciocchino, fiocco di neve svegliato”.

“Non lo penso, ma il mercato sì”, spiega.

I commenti di Kendall rappresentano il tipo di guerra primitiva tra fratelli che Succession fa magnificamente, così come lo stato più ampio della politica di genere. Le donne non sono autorizzate ad avere successo in questo mondo come donne – solo come proxy o pilastri per il potere maschile. Anche allora, buona fortuna se un uomo ti prende sul serio. Il marito di Shiv, Tom (Matthew Macfadyen), si offre cordialmente di tenere in mano lo “scettro” del padre anziano mentre urina, ma trema per la minaccia alla sua mascolinità che rappresenterebbe prendere un ordine diretto da sua moglie. “Certo che è un aspetto negativo”, tuona il padre di Shiv, Logan (Brian Cox), nella seconda stagione dopo che lei si chiede se il suo sesso sia un impedimento per essere preso sul serio come suo successore. “Non ho fatto il cazzo di mondo.”

Giunta all’ultima tappa della sua terza stagione, la serie mette in primo piano l’atteggiamento della società nei confronti delle donne. Il suo abbraccio a tutto tondo dell’ubiquità della discriminazione – a casa e al lavoro – è rivelatore. Nonostante molto umorismo, c’è una serietà fondamentale evidente nella sua rappresentazione di questo mondo in tutta la sua brutalità.

Nessuno nello show sfugge al sadico esercizio del potere patriarcale, ma le donne sono carne da cannone di un tipo diverso. Sono tenuti in posizione dal loro valore percepito, che, nella terza stagione, è brevemente gonfiato dallo scandalo #MeToo che è esploso intorno alla divisione crociere di Waystar.

Post #MeToo, “le ragazze valgono doppio”, dice Kendall. Mentre lui e Logan si preparano di nuovo alla battaglia, pagano un sacco di soldi per sostenere i loro fianchi femminili. Costose professioniste spuntano accanto a loro come fumetti. Kendall ottiene la mano (e la credibilità) dell’avvocato Lisa Arthur (Sanaa Lathan), mentre Logan nomina Gerri (J Smith-Cameron) CEO ad interim e ricorda la sua ex moglie, Marcia (Hiam Abbass) – una costosa riassunzione per il donnaiolo.

Kendall colleziona dipendenti donne esperte di pubbliche relazioni, offrendo un giro illuminato sulla villa di Playboy, completa di un vero coniglio fuori misura per i suoi figli. “Tutte queste fantastiche fottute donne”, dice a Greg (Nicholas Braun). “Devo fare qualcosa di giusto.”

Quando Lisa lo accusa per la sua arroganza, tuttavia, il suo abbaglio si attenua e viene licenziata. “Si scopre che è una persona tossica”, chioccia Kendall.

Kendall e Logan competono per conquistare la credibilità femminile di Shiv. Logan, che ha passato la maggior parte della seconda stagione a evitare sua figlia, ora controlla il telefono senza sosta, preoccupato che possa aver abbandonato la nave. Kendall la corteggia dicendo: “Sei quello che voglio”.

Prima del suo ingresso nell’azienda di famiglia, la ricchezza di Shiv ha conferito molte protezioni e l’ha aiutata a difendere il suo ego significativo. Quando viene corteggiata nell’ovile della famiglia e nominata presidente di Waystar, tuttavia, si scopre che non è molto più potente dei ballerini della nave da crociera.

Shiv potrebbe non pensare di essere alla pari con le donne che il “branco di lupi” di Waystar ha divorato e sputato in mare, ma la scrittura dello spettacolo suggerisce paralleli. La carriera di Shiv come corista Waystar inizia nella seconda stagione. Dopo essersi unita ai suoi fratelli in un panel per difendere la compagnia dallo scandalo in corso, descrive l’atto come una performance. “Stavo ballando”, dice.

In questa stagione, la sua grande festa di debutto aziendale, il municipio di Waystar, richiede l’ennesima esibizione dell’unica figlia di Logan, ma il debutto di Shiv è soffocato da Rape Me dei Nirvana. È una canzone difficile da ballare: tutto ciò che Shiv può fare è barcollare umiliato.

Alla triste festa di compleanno di Kendall, Shiv sta ballando di nuovo – male. Si toglie i tacchi e si dà da fare con Elaine Benes sulla pista da ballo. La sua esibizione non passa inosservata.

Greg si chiede se stia ballando i suoi “demoni”. Roman la prende in giro senza pietà e, come Kendall, afferma che il suo sesso è la responsabilità che la relegherà sempre a ballerina simbolica per questo esercito di ragazzi feriti. “Pensavi che sarebbe stata la serata delle donne”, sogghigna. “Ti sei sbagliato. Tutti gli uomini si sono riuniti al Man Club e hanno deciso: ‘Tesoro, va tutto bene, quindi…’”

In effetti, il Man Club si è consolidato nella terza stagione ed è diventato più oscuro. L’uomo che la sua famiglia unge come prossimo presidente degli Stati Uniti, l’influencer fascista dei social media Jeryd Mencken (Justin Kirk), fa un buco nella fantasia di Shiv di riformare la marcia cultura aziendale di Waystar “dall’interno”. Logan e Roman stanno programmando una forma primitivamente persuasiva di potere maschile canaglia per il futuro e Shiv non è un giocatore di potere qui.

“Fai parte di questa famiglia o no?” Logan ringhia quando si rifiuta di unirsi a una foto di famiglia con Mencken. L’acquiescenza di Shiv è il suo momento di vittoria: ora è un insider, il bel faccino solitario in una brutta folla.

È fonte di infinita frustrazione il fatto che Shiv non colleghi mai i puntini di Brightstar, che suppone che dichiarando di mangiare “carne rossa” con i carnivori randy inverti la catena alimentare piuttosto che affermarlo Ma le donne avide e ambiziose di Succession non sono molto più intelligenti dei suoi uomini – e nemmeno sono esenti da problemi paralizzanti con i papà. Sebbene Succession faccia il pieno di sessismo e misoginia, i fallimenti di Shiv suggeriscono che l’estrogeno non è l’equivalente ormonale del disinfettante culturale; come il testosterone, potrebbe essere solo un’altra forza primitiva che produce risultati contrastanti quando il coraggio è assente e il mercato è l’unica cosa che interessa a qualcuno.

Succession è su Sky Atlantic/

THEMILANER

foglio informativo indipendente dell'associazione MilanoMetropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.