Liverpool: Esplode un taxi davanti all’ospedale è atto terroristico

L’esplosione fuori dal Liverpool Women’s Hospital durante la Remembrance Sunday avvenuta ieri e di cui la stampa italiana non ha dato alcuna notizia, è stata  definita un atto terroristico  dalla polizia.

Un taxi è esploso ed è stato avvolto dalle fiamme poco prima delle 11:00 GMT in una zona di sosta vicino all’ingresso, uccidendo il passeggero e ferendo il conducente.

Il tassista,  David Perry, ha lasciato l’ospedale ed è stato elogiato dal sindaco di Liverpool Joanne Anderson.

Il livello di minaccia terroristica nel Regno Unito è stato elevato a grave.

Il ministro dell’Interno Priti Patel ha affermato che è stato aumentato da sostanziale a grave, il che significa che un attacco è altamente probabile, perché l’esplosione a Liverpool è stata il secondo incidente in un mese.

Quattro uomini sono stati arrestati in città ai sensi della legge sul terrorismo.

l capo della polizia antiterrorismo nord-ovest, Russ Jackson, ha affermato che il passeggero del taxi sembra aver fabbricato un “dispositivo esplosivo improvvisato” che ha causato l’esplosione.

Il signor Jackson ha detto di aver capito che l’autista della Delta Taxis, il signor Perry, ha prelevato un passeggero a Rutland Avenue, vicino a Sefton Park, domenica.

“Il biglietto – un uomo – aveva chiesto di essere portato al Liverpool Women’s Hospital, a circa 10 minuti di distanza”, ha aggiunto.

“Mentre il taxi si avvicinava al punto di consegna dell’ospedale, si è verificata un’esplosione dall’interno dell’auto, che l’ha rapidamente inghiottita dalle fiamme.

“Sorprendentemente il tassista è scappato dal taxi.”

Il signor Jackson ha detto che il tassista è stato dimesso dall’ospedale dopo essere stato curato per le ferite riportate.

Ha detto che la polizia era “a conoscenza che c’erano eventi di commemorazione a breve distanza dall’ospedale e che l’accensione è avvenuta poco prima delle 11”.

“In questo momento non possiamo tracciare alcun collegamento con questo, ma è una linea di indagine che stiamo perseguendo”, ha aggiunto.

Ha detto che la polizia conosceva l’identità dell’aggressore, ma non l’avrebbe confermata in questa fase.

La motivazione dell’uomo era “ancora da capire”, ha aggiunto l’assistente capo della polizia Jackson.

Il primo ministro Boris Johnson, che in precedenza ha presieduto una riunione di emergenza del Cobra in risposta all’esplosione, l’ha descritta come un “attacco disgustoso”.

Ha detto che è stato un “severo promemoria per tutti noi di rimanere vigili”, ma ha aggiunto che “il popolo britannico non sarà mai intimidito dal terrorismo”.

La polizia ha detto che un quarto uomo, di 20 anni, è stato arrestato in precedenza nella zona di Kensington della città ed era in custodia.

Altri tre uomini – di 21, 26 e 29 anni – sono stati arrestati domenica in Sutcliffe Street a Kensington.

Il signor Jackson ha detto che gli uomini arrestati erano ritenuti “associati” del passeggero del taxi.

Ha detto che gli agenti stavano guardando i soci dell’uomo, i suoi tabulati telefonici e gli acquisti che potrebbe aver fatto.

Tutti e quattro gli uomini in custodia verranno interrogati in seguito dagli investigatori dell’antiterrorismo.

Il ministro degli Interni ha affermato che l’esplosione ha avuto un “impatto molto significativo sulla comunità” di Liverpool e che i suoi pensieri erano rivolti alle persone della città.

Ha detto che il governo “continuerà a lavorare con tutti quando si tratta della sicurezza del nostro Paese e si assicurerà che stiamo prendendo tutte le misure necessarie richieste”.

Le valutazioni dei livelli di minaccia sono prese dal Joint Terrorism Analysis Center (JTAC), parte dell’MI5, che formula raccomandazioni indipendentemente dal governo.

Una minaccia grave è classificata come un attacco al Regno Unito “altamente probabile” ed è il secondo allarme più alto al di sotto di quello critico, il che significa che un attacco è “altamente probabile nel prossimo futuro”.

Le persone possono entrare e uscire dal Liverpool Women’s Hospital, ma gli agenti potevano essere visti all’ingresso dell’edificio e stavano fermando le auto per i controlli mentre entravano nel parcheggio.

Ai pazienti è stato detto di partecipare normalmente agli appuntamenti, ma le modalità di visita sono state limitate fino a nuovo avviso, ha detto un portavoce dell’ospedale.

FONTE

THEMILANER

foglio informativo indipendente dell'associazione MilanoMetropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.