IDRANTI DI POLIZIA CONTRO PORTUALI A TRIESTE, PRO BIG PHARMA…

«La sensazione, sempre più netta ormai, è che l’Italia sia la sede prescelta per un esperimento sociale vero e proprio, che punta al controllo spasmodico dell’individuo». E’ quanto scritto dall’eurodeputata Francesca Donato in relazione al Green Pass obbligatorio per andare a lavorare aggiungendo che «nessun fondamento scientifico giustifica né può essere richiamato per legittimare tale misura di stampo puramente razzista, nel senso più ampio del termine utilizzato dalla nostra Costituzione all’art. 3».

Ebbene oggi, lunedì 18 ottobre, l’Italia ha sperimentato un altro test di questo esperimento sociale finalizzato ad educare anche altri paesi all’obbedienza ad una dittatura sanitaria perenne; volta a sopprimere le libere coscienze e a far arricchire sempre più le Big Pharma controllate da Bill Gates e sponsor del presidente americano Joseph Biden, nell’alveo di un Patto d’Acciaio Italia-Usa del Partito Democratico, iniziato coi dossier CIA contro Donald Trump e destinato ad approdare al Nuovo Ordine Mondiale.

Il Presidente del Consiglio Mario Draghi, certamente con il consenso del suo mentore Sergio Mattarella (secondo presidente della Repubblica Italiana del PD dal 2006 ad oggi), ha sguinzagliato Luciana Lamorgese, Ministro dell’Interno, permettendole di indossare la casacca militaresca di una dittatrice sudamericana.

Per sgomberare il porto di Trieste, infatti, la virago imposta da Mattarella già nel primo PD-Movimento 5 Stelle del premier Giuseppe Conte, ha fatto usare dalla polizia autoblindi con idranti e gas lacrimogeni.

Nel giro di qualche ora gli eroici poliziotti sono riusciti a cacciare i manifestanti del Coordinamento Lavoratori Portuali di Trieste che da venerdì 15 ottobre manifestavano contro l’obbligo discriminatorio del Green Pass per recarsi al lavoro, in un momento in cui i presunti morti di Covid-19 in Italia non superano i 50 casi al giorno da settimane… Insieme a loro hanno fatto scappare anche mamme con bambini che si erano unite alla pacifica protesta.

L’immagine di alcuni lavoratori inginocchiati a pregare il Santo Rosario davanti ai poliziotti in tenuta antisommossa con caschi, manganelli e scudi è certamente destinata a fare il giro del mondo…

THEMILANER

foglio informativo indipendente dell'associazione MilanoMetropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.