Il nuovo documentario sull’assassinio di JFK di Oliver Stone viene ignorato dal MSM … un segno sicuro che potrebbe aver scoperto qualcosa

I media dell’establishment stanno celebrando strani film sessualmente carichi al Festival di Cannes, ma non riconosceranno nemmeno l’incursione di Oliver Stone nel caso dell’omicidio del presidente John F. Kennedy. Mi chiedo perché?

La scorsa settimana, Oliver Stone ha presentato in anteprima il suo nuovo documentario sull’assassinio di Kennedy dal titolo ‘ JFK Revisited: Attraverso il looking glass’ , al festival di Cannes.  

Penseresti che Stone , il polarizzante due volte vincitore del premio Oscar per la miglior regia, il cui film JFK ha creato un tale furore da portare il governo degli Stati Uniti ad approvare il JFK Assassination Records Collection Act del 1992, la presentazione in anteprima di un controverso documentario sull’assassinio di JFK a Cannes sarebbe stata una grande notizia. Ti sbaglieresti.  

Le cospirazioni per l’assassinio di JFK vengono respinte apertamente come poco serie, nonostante una pletora di prove schiaccianti , perché accusano l’establishment stesso. La metà delle teste parlanti sui telegiornali sono ex membri della comunità dell’intelligence e la stragrande maggioranza dei giornalisti sono cagnolini per le agenzie di intelligence , quindi non morderanno la mano che li nutre al servizio della verità sull’assassinio di JFK. 

Questa stessa stampa anti-cospirazione ha trascorso quattro anni senza fiato eruttando ogni mezza storia di cospirazione russa che riusciva a evocare – incluso Russiagate , affermazioni sulla Russia che usa armi a microonde o hackerando reti elettriche e macchine per il voto – e le ha urlate dai tetti 24 ore su 24, 7 giorni su 7 fino a quando non si presumono vere nonostante una completa mancanza di prove.  

Leggi anche: JFK CONTRO ALLEN DULLES

Come direbbe Noam Chomsky , questo è il modo in cui la propaganda ingannevole viene efficacemente diffusa e il consenso viene prodotto, attraverso “forze di mercato controllate, ipotesi interiorizzate e autocensura”.

Le persone “serie” dimostrano la loro serietà credendo a quelle assurde cospirazioni anti-Russia ufficialmente autorizzate perché sono considerate “serie” e sono propagate da altre persone “serie”, mentre le cospirazioni “non serie” come JFK e la teoria delle fughe del laboratorio di Wuhan vengono ridicolizzate, e quelli che ci credono sviliti come ‘teorici della cospirazione’. 

Questo è il motivo per cui l’establishment detesta così tanto Stone, perché ha capovolto la sceneggiatura nel ’91 usando il suo considerevole potere sulla scia del suo enorme successo a Hollywood per fare un film sull’assassinio di JFK che ha cancellato il resoconto ufficiale della Commissione Warren e ha presentato un convincente contro-argomento.

Per avere un assaggio di quanto l’establishment disprezzi Stone, andate a leggere il suo ” JFK: The Book of the Film “ , che contiene 97 reazioni e commenti sul film. 

A differenza dei suoi avversari, Stone stampa coloro che non sono d’accordo con lui, come evidenziato da articoli presenti nel libro come ‘ JFK cospira contro la ragione? ” Hollywood si chiede se la Warner Brothers abbia lasciato che JFK si spingesse troppo lontano “ , “Oliver’s Twist” , “The Paranoid Style” e “The Plot to Assassinate the Warren Commission” , solo per citarne alcuni. 

L’isteria che ‘JFK’ scatenò tra le élite nel ’91 è perfettamente racchiusa in una storia raccontata dal defunto critico cinematografico Roger Ebert, che sosteneva  che Walter Cronkite gli avesse dato una “sculacciata” e disse che avrebbe dovuto “vergognarsi” di se stesso per aver elogiato il film. 

Stone è diventato più un paria dell’establishment quando ha intervistato Fidel Castro nel 2002 e il presidente russo Vladimir Putin tra il 2015 e il 2017. Stone ha parlato con i nemici dell’America invece di limitarsi a pronunciare lo stupido mantra ufficiale, un peccato imperdonabile agli occhi dei media che credono che ci sia solo una narrazione, e non possiamo complicarla.

La storia di Stone di essere un marchio di fuoco e la sua lealtà alla verità al di sopra della narrativa ufficiale, è il motivo per cui “JFK Revisited” viene intenzionalmente ignorato. Qualsiasi stampa è buona stampa; anche una recensione negativa diffonde la consapevolezza del prodotto, quindi premere il pulsante Ignora è il modo migliore per l’establishment di mettere a tacere Stone e mantenere lo status quo di JFK . 

E finora il blackout dei media sta funzionando come previsto, poiché “JFK Revisited” deve ancora assicurarsi un distributore nel mercato americano che è disperatamente affamato di contenuti.

Non ho visto “JFK Revisited” , quindi non ho idea se dica la verità sull’assassinio di JFK. Ma so che i media dell’establishment sono dipendenti dalle bugie e allergici alla verità, il che mi fa pensare che Stone potrebbe essere su qualcosa.

Michael McCaffrey è uno scrittore e critico culturale che vive a Los Angeles. Il suo lavoro può essere letto su RT, Counterpunch e sul suo sito web  mpmacting.com/blog . È anche l’ospite del popolare podcast cinematografico Looking California e Feeling Minnesota. Seguilo su Twitter @MPMActingCo

FONTE redazione

THEMILANER

foglio informativo indipendente dell'associazione MilanoMetropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.